Piquet jr: “Credo di aver sottovalutato un po' la pista..."

L'erede del tre volte campione del mondo ha contenuto i danni in classifica, ma non si dà pace per il terzo posto

Piquet jr: “Credo di aver sottovalutato un po' la pista...

Non è troppo soddisfatto del risultato di Montecarlo il vincitore del recente ePrix di Long Beach, Nelson Angelo Piquet, anche se c'è scappato nuovamente un podio, figlio della terza posizione al traguardo, e il distacco nella classifica generale di campionato dal conterraneo Lucas Di Grassi è stato contenuto in appena quattro lunghezze: 93 punti l'alfiere del team Audi Sport ABT, 89 il portacolori della scuderia NextEV TCR.

"Devo ammetterlo, e confessare il mio errore di percezione. Ho sottovalutato un po' questa pista", ha ammesso il figlio d'arte brasiliano, che alla vigilia aveva anche polemizzato con il rivale e connazionale per uno sgarbo in qualifica alla curva della Rascasse invocando invano un provvedimento del collegio dei Commissari Sportivi.

"La maggior parte dei tracciati nel calendario della Formula E, benché cittadini, non ha rappresentato granché un problema da un punto di vista dei sorpassi, finora. Ho pensato che forse a Monaco, proprio perché un sacco di gente avrebbe tirato a campare e concentrato soprattutto sul risparmio energetico, scavalcare qualche avversario sarebbe stato possibile, ma alla fine ciò si è rivelato molto più arduo del previsto”, continua “Nelsinho”.

“Sono riuscito a prendere sì una macchina all'inizio della corsa (in realtà, ha approfittato del FanBoost ricevuto dal pubblico per scavalcare Jérome D'Ambrosio della Dragon Racing per la terza posizione al quinto giro, ndr), ma onestamente pensavo che gli altri piloti in azione sul circuito sarebbero stati più 'rilassati' e molto di più in modalità di risparmio energetico...”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Piloti Nelson Piquet Jr.
Articolo di tipo Ultime notizie