“Nelsinho”: “Abbiamo fatto soltanto il nostro dovere”

“Nelsinho”: “Abbiamo fatto soltanto il nostro dovere”

Piquet jr spiega che è stata la meticolosità di preparazione della gara di Mosca il segreto del suo exploit

Al termine del Moscow ePrix, era un “Nelsinho” sereno nonché forte del suo vantaggio di dieci punti in classifica (128 lui e 118 Sébastien Buemi) quello che ha incontrato i giornalisti.

Il pilota brasiliano, sostenuto da un'azienda in crescita come la NextEV TCR e dall'engineering di Adrian Campos, cerca di spiegare che cosa gli ha consentito di replicare sulle strade della capitale russa il successo già ottenuto a Long Beach il 4 aprile scorso.

“Ci siamo davvero preparati in ogni singolo particolare prima di venire a Mosca", ha detto. "Sapevamo che sarebbe stata una gara importante per noi dopo, direi, la non molto positiva performance a Berlino. Avevamo la consapevolezza che tutto fosse importante, a partire dalle prove libere, per arrivare soprattutto alle qualifiche, che si sono rivelate determinanti. Penso che, se non mi fossi portato davanti a quasi tutti gli altri nelle prove cronometrate, sarebbe stato quasi impossibile vincere la corsa”.

E ancora: “Le condizioni e la conformazione della pista erano molto difficili: lo si è visto dal fatto che non c'è stata molta azione nelle retrovie della corsa. Lo ribadisco: sono molto contento e sollevato di essermi qualificato bene alla vigilia di questa gara. E di aver fatto un'ottima partenza, ovviamente. Sono convinto che il nostro segreto sia una miscela azzeccata di un po' di fortuna e buona reattività, e credo che anche il set-up aiuti non poco. Abbiamo appena fatto un grande lavoro di squadra, e in forza di ciò tutto ha funzionato alla perfezione: da un certo punto di vista, abbiamo fatto soltanto il nostro dovere di sportivi...".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Piloti Nelson Piquet Jr.
Articolo di tipo Ultime notizie