Long Beach, "zampata" di Buemi sulla pole position!

Seconda partenza al palo stagionale dello svizzero, che eclissa nel finale Abt e il compagno Prost

Long Beach,

Ha vinto la gara di Punta del Este e ha fatto il bello e il cattivo tempo o quasi nelle prove libere e di qualifica di Buenos Aires. Ormai tanto, troppo tempo fa? Non proprio. Sébastien Buemi è conscio del proprio valore e così, sempre fra i big nel primo, secondo e nel terzo turno non cronometrato di collaudi a Long Beach, si è assicurato apparentemente in souplesse la pole position per il sesto appuntamento stagionale della Formula E. E ce l'ha fatta in una giornata davvero tiratissima (guadagnando peraltro, a norma di regolamento sportivo, tre punti utili ai fini del campionato), nella quale ben 19 vetture si sono trovate racchiuse in appena 1”097: un evento incredibile, anche considerando la riduzione della lunghezza della pista ad appena 2.310 metri.

Dietro di lui Daniel Abt, vittima di un incidente nel primo turno di prove libere, ma evidentemente capace di trarre giovamento dalle informazioni scambiate con il fin qui velocissimo coéquipier Lucas Di Grassi, e Nicolas Prost, che con l'ex pilota svizzero di Formula 1 condivide una monoposto dell'équipe e-dams Renault.

La seconda partenza al palo dell'elvetico in questa stagione, "nella vita di tutti i giorni" driver ufficiale della Toyota nel Campionato Mondiale Endurance, è arrivata letteralmente in extremis con il crono di 56”853, pochi istanti dopo che Abt aveva battuto Prost sul filo di lana del traguardo in seguito alla riapertura della pista dopo una bandiera rossa nella parte finale delle qualifiche.

Il francese, leader del campionato in forza della sua regolarità e della recente vittoria di Miami, era stato in cima alla lista dei crono ininterrottamente da quando aveva siglato il suo miglior tempo nella seconda sessione, ma lo svizzero e il tedesco lo hanno estromesso dalla prima fila con i loro giri lanciati nel finale, una volta che la pista è stata “liberata” dopo l'interruzione causata dall'incidente di Vitantonio Liuzzi della scuderia Trulli.

Nelson Angelo Piquet che gareggiava eccezionalmente non soltanto con una nuova livrea della monoposto della China Racing, ma anche con un casco che ricordava quello del padre vincitore del Gran Premio di Formula 1 di Long Beach 1980 - ha completato la seconda fila della griglia, dopo aver mancato di togliere la posizione a Nicolas Prost, allorché ha incontrato Stéphane Sarrazin (Venturi) nel suo miglior giro veloce durante la terza sessione e quest'ultimo non poteva certo dargli strada.

Lucas Di Grassi, mattatore quasi esclusivo in California delle prove libere, ha chiuso le prove ufficiali accontentandosi del quinto miglior rilievo cronometrivo e può dirsi soddisfatto, pur avendo corso qualche rischio ed essendosi preso un bello spavento quando l'auto della ABT Sportsline ha preso fuoco in parco chiuso.

Il sesto posto è andato a Jean-Éric Vergne, che ha dato il la alle ostilità nel segmento di qualifiche riservato al Gruppo 1 davanti a Scott Speed, suo compagno di squadra suo Andretti Autosport, ma il suo primato non è durato a lungo. Prost ha infatti fatto in modo che i piloti della squadra IndyCar non resistessero a lungo davanti, centrando un “tempone” nelle prove del Gruppo 2 e facendo scivolare indietro la coppia franco-americana del team di “Piedone”, poi divisa anche da Antonio Félix da Costa (Amlin Aguri) in settima posizione sullo schieramento dell'ePrix yankee...

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Piloti Sébastien Buemi , Nicolas Prost , Daniel Abt
Articolo di tipo Ultime notizie