Londra, modificata la prima curva per evitare il “bump”

Londra, modificata la prima curva per evitare il “bump”

Su richiesta dei piloti e dopo l'incidente di Jérôme D'Ambrosio, la pista inglese è stata migliorata in alcuni punti

Il circuito del duplice Londra ePrix a Battersea Park è stato modificato in anticipo rispetto al secondo turno di prove libere di questo fine settimana per minimizzare i rischi di incidente.

Il profilo della prima curva del tracciato britannico, ricavato in un giardino pubblico sulle rive del Tamigi, è stato infatti cambiato radicalmente in maniera che le monoposto di Formula E evitino l'enorme dosso all'uscita della svolta a sinistra.

L'urto della gobba aveva causato il cedimento di un pushrod della sospensione posteriore della Spark-Renault SRT_01E di Jérome D'Ambrosio nella sessione inaugurale di prove libere ed è stato motivo di una critica diffusa da parte della maggior parte dei piloti.

Il pilota belga della Dragon Racing aveva dichiarato alla stampa locale: "Devono fare assolutamente qualcosa alla curva 1, così come all'ottava, perché sono fatte davvero male. Questi dossi sono qualcosa che non vanno bene per le auto da corsa, ma il resto del circuito è davvero bello…".

Sam Bird, pilota di casa a Londra né più né meno della scuderia Virgin Racing, non ha fatto certo il diplomatico e ha descritto l'urto in traiettoria in uscita della curva 1 come "un grande spavento, perché l'avantreno della macchina tende a decollare".

Soltanto nello shake down del venerdì pomeriggio, in cui ogni vettura completa tre giri dietro la Safety-Car, le asperità dell'asfalto avevano causato la rottura dei fondi di tre macchine e, non a caso, la Spark Racing Technology ha fatto arrivare dalla Francia durante la notte numerosi pezzi di ricambio.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento Global launch party: Londra
Piloti Jérôme D'Ambrosio
Articolo di tipo Ultime notizie