Formula E, Londra, Libere 1: Vergne di un soffio su Frijns

Il francese è stato il più rapido nella prima sessione di Libere ed ha preceduto di appena 4 millesimi il pilota della Virgin Racing. I primi 5 sono racchiusi in appena 95 millesimi.

Formula E, Londra, Libere 1: Vergne di un soffio su Frijns

Si è alzato il sipario sul penultimo appuntamento stagionale della Formula E sul tracciato semi indoor di Londra. Sotto un cielo grigio i piloti della categoria elettrica hanno disputato il primo turno di prove libere e ad imporsi, per appena 4 millesimi, è stato Jean-Eric Vergne.

Il pilota della DS Techeetah è riuscito a mettere la propria firma in cima alla lista dei tempi grazie al crono di 1’21’’650 ma, come anticipato, il vantaggio sul primo degli inseguitori è stato davvero minimo.

Robin Frijns, infatti, si è dovuto accontentare del secondo riferimento per appena 4 millesimi di secondo, mentre il leader del campionato, Sam Bird, ha chiuso con il terzo tempo ed un gap di soli 38 millesimi dalla vetta.

Distacchi davvero ridotti tra i primi cinque in classifica. Da Costa, autore del quarto crono in 1’21’’715, ha pagato 65 millesimi di ritardo dalla prestazione ottenuta da Vergne, mentre Mitch Evans ha chiuso con 96 millesimi di gap dal crono del francese.

DS Techeetah e Jaguar sembrano aver trovato subito il giusto feeling con il tortuoso ed anacronistico tracciato britannico, ma non si deve assolutamente sottovalutare la Mercedes. Stoffel Vandoorne e Nyck de Vries sono riusciti ad entrare in top ten con il settimo ed il nono tempo, ma il campione 2019 della Formula 2 ha pagato un ritardo dalla vetta di 3 decimi.

Interessante la prestazione ottenuta da Alex Lynn, autore oggi del sesto tempo in 1’21’’794, mentre Pascal Wehrlein è stato il miglior portacolori della Porsche di giornata grazie all’ottavo crono.

Non è riuscito ad abbattere la barriera dell’1’22’ Sergio Sette Camara. Il brasiliano ha chiuso con il riferimento di 1’22’’038 ed un ritardo dalla vetta di 388 millesimi riuscendo però a precedere di un soffio Edoardo Mortara.

Il pilota della Venturi ha chiuso con l’undicesimo tempo in 1’2’’045 e domani farà di tutto per recuperare il gap in classifica di 9 punti che attualmente lo separa da Bird.

In difficoltà Audi e Nissan. Rene Rast non è riuscito a fare meglio del quindicesimo crono, mentre Lucas Di Grassi, sfortunato nel trovare traffico nel suo giro veloce, ha chiuso due posizioni dietro. Rowland, invece, ha faticato sul tracciato di casa ottenendo un modesto diciannovesimo tempo mentre peggio ha fatto Buemi penultimo ed a quasi un secondo di ritardo da Vergne.

I piloti della Formula E torneranno in pista domani 12:00 per la prima sessione di qualifiche del weekend.

condividi
commenti
Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo
Articolo precedente

Formula E: la costanza non è l'elemento chiave per il titolo

Articolo successivo

Formula E, Londra, Libere 2: Gunther emerge nel diluvio

Formula E, Londra, Libere 2: Gunther emerge nel diluvio
Carica i commenti