Formula E | Le Gen4 potrebbero segnare il passaggio all'idrogeno

La Formula E inizierà presto a stilare il regolamento Gen4, che potrebbe portare il campionato a passare ad adottare la tecnologia delle celle a combustibile ad idrogeno per attirare nuovi Costruttori.

Formula E | Le Gen4 potrebbero segnare il passaggio all'idrogeno

Durante il test pre-stagionale a Valencia, abbiamo visto le prime immagini in un video del design Gen3 da 470CV e una capacità di frenata rigen totale di 600kW.

Le nuove regole entreranno in vigore nella stagione 2022-23 e mentre i test privati del costruttore Spark Racing Technology sono in corso, le squadre prenderanno in consegna i nuovi mezzi in primavera.

Questo sarà seguito da una rivisitazione estetica dell'auto e della tecnologia per un set di regole Gen3 Evo.

Ma le norme Gen4 sono già prese considerazione, con le nuove Case invitate a dare le proprie idee per la futura direzione che prenderà la Formula E, come ha detto a Motorsport TV il co-fondatore del campionato, Alejandro Agag.

"La Gen3 è già incredibile, ma ora cominceremo a pensare alla Gen4, che arriverà tra cinque anni e dobbiamo iniziare ora a parlarne - spiega Agag - Naturalmente inviteremo tutto ai Costruttori che sono con noi ora, ma allargheremo il gruppo per invitarne altri, in modo che si possa discutere apertamente delle Gen4. Tutto può succedere".

Oliver Rowland, Mahindra Racing, Mahindra M7Electro

Oliver Rowland, Mahindra Racing, Mahindra M7Electro

Photo by: Andrew Ferraro / Motorsport Images

Come parte di questo approccio aperto, la Formula E prenderà in considerazione l'adozione della tecnologia delle celle a combustibile ad idrogeno per alimentare i motori elettrici.

"L'idrogeno è all'interno della licenza della Formula E con la FIA [stando ad un presunto accordo esclusivo di 25 anni sui diritti per le corse di monoposto elettriche]".

"Ci sono due modi per utilizzare l'idrogeno: uno è quello di bruciarlo, che è molto inefficiente, ma alcune persone stanno lavorando per renderlo forse più efficiente".

"L'altro, che è quello che useremmo noi, è una cella a combustibile ad idrogeno che fondamentalmente produce elettricità, che poi alimenta un motore elettrico".

"Quindi, non appena queste tecnologie cominceranno ad essere ampiamente disponibili e funzionanti a livello di gara, le prenderemo sicuramente in considerazione".

Una cosa del genere è già utilizzata in Extreme E per caricare i nove Odyssey 21 E-SUV sul posto ad ogni evento.

Nel 2020, il partner tecnico di Mercedes - HWA - è stato uno dei fondatori del concetto HYRAZE League - una serie di auto alimentate a idrogeno che dovrebbe essere lanciata con vetture da 800 CV nel 2023.

Ma Agag ha messo in guardia sui costi crescenti che ci saranno dando maggiore libertà tecnica, anche se la Formula E imporrà un tetto di 25 milioni di euro per le spese dei Costruttori in un biennio consecutivo. Questa cosa entrerà in vigore il 1° ottobre 2022.

"È necessario dare quella quantità di libertà in modo che i Costruttori possano sviluppare tecnologie e avere una ragione per competere nel campionato. L'equilibrio è la chiave. Ma più libertà dai, più soldi le squadre spendono; dopo un po' finiscono i soldi e lasciano il campionato".

Sebastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IM03

Sebastien Buemi, Nissan e.Dams, Nissan IM03

Photo by: Andrew Ferraro / Motorsport Images

condividi
commenti
De Vries: perché il titolo in Formula E è diverso da quello in F2
Articolo precedente

De Vries: perché il titolo in Formula E è diverso da quello in F2

Articolo successivo

McLaren: nessuna fretta di correre nel WEC e in Formula E

McLaren: nessuna fretta di correre nel WEC e in Formula E
Carica i commenti