Formula E: in arrivo un nuovo format per le qualifiche

La Formula E si sta preparando a modificare il format delle qualifiche nella stagione 2021-2022, con l'approvazione che dovrebbe arrivare nel prossimo Consiglio Mondiale della FIA.

Formula E: in arrivo un nuovo format per le qualifiche

Dalla stagione 2018-2019, la serie full electric utilizza un sistema di qualifiche a gruppi che penalizza i piloti piazzati meglio in campionato. I partecipanti vengono suddivisi in gruppi da sei proprio in base alla classifica: questo vuol dire che i leader devono fare i conti con la pista in condizioni peggiori e che spesso si ritrovano al fondo dello schieramento.

Un format che ha permesso di arrivare sempre alla fine della stagione con il campionato molto aperto, ma che è stato criticato pesantemente dai piloti, visto che tende a penalizzare ingiustamente i principali protagonisti.

La Formula E ora propone di introdurre una sorta di torneo ad eliminazione diretta, che secondo il co-fondatore della serie Alberto Longo è stato progettato per essere più semplice da comprendere anche per gli spettatori.

I piloti saranno suddivisi in due gruppi, con i quattro piloti più veloci di ogni gruppo che avanzano ai quarti di finale. I vincitori di questi duelli uno contro uno si qualificheranno per le semifinali, con i due finalisti che poi si contenderanno la pole.

Parlando durante una conferenza stampa in Messico, Longo ha confermato il nuovo format, spiegando appunto che era il risultato del desiderio di provare a semplificare la formula.

"Siamo tornati alle basi, ma ci piace anche essere innovativi", ha detto. "Questo format è molto comprensibile, perché tutti capiscono come funzionano le fasi finali di un torneo di tennis. E' molto attraente e credo che in televisione offriremo qualcosa di spettacolare".

"La chiave è nei primi due gruppi di 11 piloti ciascuno: i piloti avranno l'opportunità di fare diversi giri veloci durante i 12 minuti che avranno a disposizione. E passeranno il turno i quattro più veloci in ogni gruppo".

Nyck de Vries, Mercedes-Benz EQ, EQ Silver Arrow 02

Nyck de Vries, Mercedes-Benz EQ, EQ Silver Arrow 02

Photo by: Simon Galloway / Motorsport Images

"Nei quarti di finale, il più veloce del primo gruppo affronterà il quarto dell'altro, e così via. Da lì, passeremo alla semifinale e ai due finalisti. Chi vincerà l'ultimo duello, scatterà dalla pole".

Longo inoltre ha spiegato che il suggerimento di questo nuovo format è stato dato da Sam Bird e che dovrebbe essere ratificato dal Consiglio Mondiale il 15 ottobre.

La stagione 2022 prenderà il via il 28-29 gennaio in Arabia Saudita con un doppio appuntamento, poi si sposterà il 12 febbraio in Messico, all'Autodromo Hermanos Rodriguez, che tornerà regolarmente in calendario dopo l'evento una tantum di quest'anno a Puebla.

condividi
commenti
Di Grassi: "Se lascio la Formula E, DTM prima opzione"

Articolo precedente

Di Grassi: "Se lascio la Formula E, DTM prima opzione"

Articolo successivo

Formula E: niente Città del Capo nel 2022, ma c'è Jakarta

Formula E: niente Città del Capo nel 2022, ma c'è Jakarta
Carica i commenti