Formula E: Felix Da Costa trionfa nell'E-Prix di Berlino 1

condividi
commenti
Formula E: Felix Da Costa trionfa nell'E-Prix di Berlino 1
Di:

Il portoghese vince una gara senza storia e prende il largo in campionato complice la giornata storta di Evans e Guenther. Sul podio anche Lotterer e Bird.

Il primo dei 6 E-Prix di Berlino che concluderanno la travagliata e inedita stagione 2019/2020 di FIA Formula E non ha avuto storia: Antonio Felix Da Costa ha dominato l'evento dal primo all'ultimo giro, arrivando sul traguardo con distacco (+5"4) nei confronti del primo degli inseguitori.

Per il portoghese questo potrebbe rappresentare l'evento chiave: grazie a questo successo e alla conseguente giornata storta di Mitch Evans e Maximilian Guenther, si è involato in campionato arrivando a 96 punti contro i 56 di Evans e i 48 di Guenther.

40 punti di vantaggio sono un bottino considerevole, specialmente se si tiene in considerazione la straordinaria competitività del team di Felix Da Costa, la DS Techeetah, che è in testa al campionato dedicato ai team.

Se la lotta per la prima posizione non è mai iniziata, è stata divertente quella per il podio che ha visto prevalere sotto la bandiera a scacchi Andre Lotterer su Porsche - secondo al traguardo - seguito dalla Virgin di Sam Bird.

Il tedesco e il britannico si sono sorpassati più volte nel corso degli ultimi minuti di gara, ma il pluri vincitore della 24 Ore di Le Mans ha avuto la meglio con una manovra all'ultimo giro di gara che gli ha permesso di conquistare la piazza d'onore.

In tutto questo è mancato all'appello Jean-Eric Vergne, crollato nella seconda parte di gara. Il 2 volte campione di Formula E non è nemmeno arrivato alla fine dell'E-Prix, dunque è da considerare non classificato. Ai piedi del podio il solito arrembante Nyck De Vries su Mercedes, davanti al duo belga formato da Jerome D'Ambrosio (Mahindra) e Stoffel Vandoorne (Mercedes).

Sébastien Buemi non è andato oltre il settimo posto con la DAMS, mentre Maximilian Guenther ha giocato in difesa in una giornata di gara a dir poco complicata per lui e il team Andretti Autosport, che ha piazzato in Top 10 anche Alexander Sims. Tra i due ecco la prima Audi, quella del brasiliano Lucas Di Grassi.

Molto male, come detto, Mitchell Evans. Il neozelandese della Jaguar ha lottato per le posizioni di rincalzo, risultando poi protagonista di un testacoda nelle fasi finali della gara che lo ha costretto a chiudere con un 15esimo posto anonimo.

Da dimenticare la gara di Robin Frijns, durata solo pochi minuti a causa di un contatto nelle prime fasi di gara con Guenther. Il pilota del team Virgin è finito contro le barriere, danneggiando seriamente la sua monoposto. Nel tentativo di guadagnare i box, l'olandese ha sbattuto ancora e ha costretto i commissari di gara a far intervenire in pista la Safety Car.

Non è andata molto meglio a Felipe Massa, finito a muro con la sua Venturi nella seconda parte di gara. La Direzione Gara non ha concesso al brasiliano di fare retromarcia e ripartire (la sua monoposto era molto danneggiata all'anteriore), così è stata introdotta la Full Course Yellow per permettere ai commissari di spostare la sua monoposto.

Cla # Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco km orari Ritirato Punti
1 13 Portugal António Félix Da Costa
China Techeetah 36 47'08.261 29
2 36 Germany André Lotterer
Germany Porsche Team 36 47'13.706 5.445 5.445 18
3 2 United Kingdom Sam Bird
United Kingdom Virgin Racing 36 47'14.787 6.526 1.081 15
4 17 Netherlands Nyck De Vries
Germany Mercedes 36 47'15.172 6.911 0.385 12
5 64 Belgium Jérôme D'Ambrosio
India Mahindra Racing 36 47'21.473 13.212 6.301 10
6 5 Belgium Stoffel Vandoorne
Germany Mercedes 36 47'21.915 13.654 0.442 8
7 23 Switzerland Sébastien Buemi
France DAMS 36 47'23.187 14.926 1.272 6
8 28 Germany Maximilian Gunther
United States Andretti Autosport 36 47'24.434 16.173 1.247 4
9 11 Brazil Lucas Di Grassi
Germany Audi Sport Team ABT 36 47'25.572 17.311 1.138 2
10 27 United Kingdom Alexander Sims
United States Andretti Autosport 36 47'25.934 17.673 0.362 1
11 66 Germany René Rast
Germany Audi Sport Team ABT 36 47'27.113 18.852 1.179
12 48 Switzerland Edoardo Mortara
Monaco Venturi 36 47'29.026 20.765 1.913
13 18 Switzerland Neel Jani
Germany Porsche Team 36 47'29.300 21.039 0.274
14 94 United Kingdom Alex Lynn
India Mahindra Racing 36 47'29.864 21.603 0.564
15 20 New Zealand Mitch Evans
United Kingdom Jaguar Racing 36 47'30.743 22.482 0.879
16 22 United Kingdom Oliver Rowland
France DAMS 36 47'31.469 23.208 0.726
17 51 United Kingdom James Calado
United Kingdom Jaguar Racing 36 47'37.167 28.906 5.698
18 3 United Kingdom Oliver Turvey
United Kingdom NIO Formula E Team 36 47'39.377 31.116 2.210
19 33 Germany Daniel Abt
United Kingdom NIO Formula E Team 36 47'42.543 34.282 3.166
20 6 Brazil Sergio Sette Camara
United States Dragon Racing 36 47'53.678 45.417 11.135
nc 25 France Jean-Éric Vergne
China Techeetah 36 47'45.176 36.915
nc 7 Switzerland Nico Müller
United States Dragon Racing 36 50'10.716 3'02.455 2'25.540
dnf 19 Brazil Felipe Massa
Monaco Venturi 22 29'17.314 14 Laps 14 Laps Ritirato
dnf 4 Netherlands Robin Frijns
United Kingdom Virgin Racing 8 9'39.944 28 Laps 14 Laps Ritirato
Formula E, Berlino 1: Felix Da Costa in pole davanti a Vergne

Articolo precedente

Formula E, Berlino 1: Felix Da Costa in pole davanti a Vergne

Articolo successivo

Formula E, Berlino 1: Gunther squalificato!

Formula E, Berlino 1: Gunther squalificato!
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Evento ePrix di Berlino I
Autore Giacomo Rauli