Ecco come Copenaghen vuole assicurarsi un ePrix

Ecco come Copenaghen vuole assicurarsi un ePrix

La capitale danese ha elaborato un circuito, steso fra i Giardini di Tivoli e la Porta Ovest, già al vaglio della FIA

Copenhagen non getta la spugna, bensì rilancia. La capitale danese, che ama definirsi la “città più verde d'Europa”, intende infatti rientrare dalla finestra di quel Campionato FIA di Formula E che l'aveva (ignominiosamente?) scacciata dalla porta un anno fa. Per lo meno per quanto riguarda il calendario della stagione 2014-2015, cioè quella inaugurale, in cui non ha trovato posto…

Il sindaco socialdemocratico Frank Jensen, che ha delegato all'uopo l'assessore Morten Kabell, il quale presiede il Technics and Environment Committee, è infatti intenzionato ad assicurarsi uno degli slot in più che, nel corso della propria seconda stagione di vita, la innovativa serie “full electric” concederà all'Europa, in aggiunta a Berlino, Mosca, Londra e, probabilmente, Parigi, chiamata a rimpiazzare l'anno venturo Montecarlo...

Ciò fa seguito alla lettera d'intenti inviata nel lontano novembre 2012 dal funzionario di gabinetto Pia Allerslev, all'epoca capo del Dipartimento cultura e tempo libero della municipalità di Copenhagen: "...a questo si aggiunge l'atmosfera speciale della nostra città, la capitale di uno dei più antichi regni del mondo. Tutti i periodi della nostra storia, lunga mille anni, si riflettono nelle nostre strade, piazze ed edifici e faranno da splendido scenario per la gara della Formula E", si leggeva nella missiva diretta ad Alejandro Agag. “Nella scelta di Copenaghen come una delle località ospitanti la Formula E, non abbiamo dubbi che la nostra pubblica amministrazione sarà in grado di servire al meglio i partecipanti e gli organizzatori, ottenendo la soddisfazione di tutti...”.

A dare speranze a Copenaghen è il fatto che la metropoli nordica sia stata recentemente nominata “Europe Green Capital”, con il risultato che una serie automobilistica innovativa ed eco-friendly si adatterebbe perfettamente alla sua essenza. L'emittente danese TV3 Sport ha riferito che la FIA ha già visitato la capitale della Danimarca e, in collaborazione con gli amministratori della città, avrebbe già ipotizzato un tracciato urbano che si dipanerebbe fra i celebri e spettacolari Giardini di Tivoli e la Porta Ovest.

Il Comitato Tecnico e Ambientale di Copenhagen, presieduto da Morten Kabell, ha già approvato in questo senso una proposta realizzata ad hoc dall'ufficio municipale dei lavori pubblici, in maniera che gli amministratori del territorio possano fornire alla Federazione Internazionale dell'Automobile la certezza che la gara di Formula E possa svolgersi sul percorso già pianificato e ispezionato in tutta sicurezza e celerità...

I Giardini di Tivoli, o semplicemente Tivoli, sono un famoso parco di divertimenti. Furono aperti il 15 agosto 1843 e, a parte il Dyrehavsbakken nella vicina Klampenborg, è il più antico parco di divertimenti che sia sopravvissuto intatto fino a oggi. È una grande oasi verde all'interno del centro cittadino, caratterizzata da vasti boschi e popolata da animali selvatici. Il parco divertimenti, nonostante sorga all'interno di tale “paradiso terrestre”, rispetta l'ecosistema del giardino circostante. Il parco fu inizialmente chiamato "Tivoli & Vauxhall": "Tivoli", come allusione agli omonimi giardini parigini (che presero a loro volta nome dalla nota città laziale, famosa per la bellissima Villa d'Este), e "Vauxhall" in allusione ai Giardini di Vauxhall di Londra.

"Io non sono propriamente noto, fra i miei connazionali, come un grande sostenitore dell'impiego dell'automobile in città, anzi. Ma la Formula E è la prima serie per auto elettriche mai lanciata al mondo. Pertanto, si inserirebbe molto bene nella scia del nostro desiderio di promuovere l'uso e la diffusioni di veicoli ad emissioni zero, elettrici o a idrogeno, come parte degli sforzi collettivi per diventare la prima capitale a 'CO2 neutro' al mondo, riducendo allo stesso tempo il rumore e l'inquinamento atmosferico", ha affermato l'assessore Kabell.

E ancora: "Quando la Formula E arriverà in città, lo farà su un percorso ricavato nel cuore di Copenaghen. Ciò significa che frequenterà alcuni dei luoghi più battuti e belli della città, come i Giardini di Tivoli, univocamente considerati uno dei più affascinanti 'parchi salotto' del pianeta. E ciò aiuterà ad attirare ancora più turisti ' di qualità' nel nostro Paese", ha concluso...

La bozza di tracciato per l'ePrix di Copenaghen ai Giardini di Tivoli

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Articolo di tipo Ultime notizie