Formula E: cambiato il layout di Diriyah, i team non gradiscono

La pista dell'Arabia Saudita è stata modificata in alcuni punti, ma le squadre hanno dovuto lavorare per tutto il fine settimana in modo da aggiornare i propri simulatori, visto che mancano solo 14 giorni all'evento.

Formula E: cambiato il layout di Diriyah, i team non gradiscono

FIA e Formula E hanno apportato diverse modifiche al layout della pista cittadina di Riyadh, dove si terrà il primo evento della stagione 2021.

In Arabia Saudita si corre in notturna il 26-27 febbraio e lungo i 2,495km sono state installate tutte le luci a LED per quello che sarà il terzo Diriyah E-Prix della storia.

I cambiamenti riguardano l'uscita dai box e la Curva 2, la destra-sinistra 9/10 e la mista 18/19 dopo il rettilineo di partenza.

Secondo le notizie raccolte da Motorsport.com, le modifiche sono state rese necessarie da alcuni cambiamenti alla viabilità locale, con i team che giovedì scorso hanno ricevuto l'informazione che lunedì sarebbe stato svelato il nuovo disegno del tracciato.

Questo implica qualche problema a livello di simulazione per le squadre e i piloti, che si stavano allenando a casa prima di volare in Arabia Saudita.

"Hanno modificato il tracciato, ma prima di lunedì alle 14;00 non ci hanno detto come sarebbe stato - spiega Sébastien Buemi a Motorsport.com - La FIA ci ha mandato un breve aggiornamento spiegando che l'uscita dei box era stata modificata per consentire una miglior visibilità nei confronti di chi sopraggiungeva in pista, spostando il muretto".

"Poi c'è una chicane in discesa che era già molto veloce; l'hanno resa ancora più veloce. Hanno allargato i muretti il più possibile. Dopo il lungo rettilineo di partenza, c'era una sezione dove tagliavamo un po' la pista: lì hanno messo dei muri in modo da non farlo più".

"Sono piccoli cambiamenti, ma è importante prepararsi sul simulatore con la pista il più reale possibile. Non sapevamo se avremmo avuto tutto domenica sera o lunedì perché il documento FIA è stato inviato venerdì. Di conseguenza, quelli che preparano la pista, hanno passato tutto il fine settimana a lavorare perché fosse pronta il prima possibile".

"Abbiamo avuto il tutto a 14 giorni dalla gara dicendo che volevano consentirci di abbassare costi, ma alla fine non mi sembra sia stato così, anzi. Le nostre persone hanno dovuto lavorare come matti per tutto il weekend".

Ci si aspetta una cosa simile anche prima del Valencia E-Prix in April, dato che il layout verrà svelato solo due settimane prima dell'evento.

Informazioni aggiuntive di Matt Kew

condividi
commenti
Formula E in crisi: perché ora le Case fuggono?

Articolo precedente

Formula E in crisi: perché ora le Case fuggono?

Articolo successivo

Formula E: Thomas Chevaucher nuovo direttore di DS Performance

Formula E: Thomas Chevaucher nuovo direttore di DS Performance
Carica i commenti