Bird: “Un cambio vettura dal tempismo perfetto!”

Bird: “Un cambio vettura dal tempismo perfetto!”

Sam loda i meccanici Virgin Racing, che hanno reso possibile ai box il quarto posto regalandogli 15 secondi

L'ePrix inaugurale della stagione europea, disputato nel Principato di Monaco, non è stato la gara dei soli Sébastien Buemi, Lucas Di Grassi e Nelson Piquet junior, che hanno occupato il podio alla fine della gara e che godono di grande considerazione mediatica. Uno dei tre gradini avrebbe potuto legittimamente essere preda di Sam Bird, che ha portato a casa un quarto posto per certi versi un po' stretto, ma comunque utilissimo ai fini del suo punteggio in classifica. Oggi l'inglese è quinto nella graduatoria generale del Campionato FIA di Formula E, tredici lunghezze dietro Nicolas Prost (77 punti contro 64).

Il portabandiera della Virgin Racing, che ha due vittorie consecutive all'attivo nel 2012 e nel 2013 a Montecarlo in altre categorie, è moderatamente soddisfatto del risultato. Entrato per effetto del sorteggio nel non certo favorevole Gruppo 1 delle qualifiche, non è andato più in là della 10esima posizione sulla griglia di partenza, ma è salito al settimo posto emergendo senza danni dal grande botto alla prima curva che ha eliminato gente come Daniel Abt e Bruno Senna. Bird, a quel punto, ha messo sotto pressione il francese figlio d'arte della e-dams, strappandogli la sesta piazza con un sorpasso pulito e intelligente alla T1.

Con quattro posizioni acquisite sul campo, Sam è rimasto in pista per un giro supplementare, mentre i driver davanti a lui optavano per la seconda auto. Quando il 28enne di Roehampton è entrato a propria volta in pit-lane, i suoi tecnici hanno effettuato l'operazione impiegando 15 secondi in meno rispetto al tempo minimo regolamentare. Il britannico è tornato così in pista in quarta posizione e da allora ha iniziato a insidiare Nelson Piquet jr per il podio. Bird ha tentato un affondo nello stesso punto e con le stesse modalità con le quali aveva scavalcato Nicolas Prost in precedenza, ma il brasiliano della scuderia NextEV TCR si è difeso bene, rintuzzando l'attacco e mantenendo il driver della squadra di Richard Branson fuori dai piani alti della graduatoria. Pur preoccupandosi di gestire l'energia disponibile, Sam ha continuare a pressare “Nelsinho” fino alla bandiera a scacchi nel tentativo di indurlo all'errore, ma ciò non gli ha impedito din mancare un piazzamento sul podio per un'incollatura...

"Mi è sempre piaciuto correre a Monaco e sabato non ha fatto eccezione. Avrei volevo mettere insieme tre vittorie di fila qui a Montecarlo, ma purtroppo non siamo stati in grado di farcela. Sono comunque molto felice di aver finito in quarta posizione una gara così difficile”, spiega il pilota britannico. “Non abbiamo avuto molta fortuna nelle prove libere e non abbiamo beneficiato nemmeno di un buon turno di qualifica, ragion per cui alla fine della fiera è stato bello incamerare un numero decente di punti. Devo ringraziare la squadra, la Virgin Racing, per il mio cambio vettura, che è stato realizzato con un tempismo perfetto e ha giocato un ruolo importante nel successo della mia prestazione. Alla fine ho terminato ad appena un decimo di secondo dal podio e stavo spingendo duramente per strappare la terza posizione a Nelson Piquet junior. Berlino sembra una grande pista e, quindi, non vedo l'ora di ottenere lì ancora più punti in classifica...".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Piloti Sam Bird
Articolo di tipo Ultime notizie