Agag: “La Germania mercato chiave della Formula E”

Agag: “La Germania mercato chiave della Formula E”

Il promoter spagnolo si aspetta una grande corsa a Berlino dal primo circuito non completamente cittadino

Alejandro Agag lo ha ammesso senza alcun problema. Il CEO della Formula E Holdings ha affermato pubblicamente, nel corso della conferenza stampa preliminare al DHL ePrix di Berlino, che disputare una gara in Germania sarebbe stato, e tuttora è, fondamentale nell'architettura della prima edizione della serie “full electric”, confessando inoltre che ciò fosse un “must” in sede di definizione del calendario inaugurale.

Nella sala stampa ricavata sull'ex aeroporto militare e civile di Tempelhof, l'organizzatore spagnolo lo ha dichiarato a chiare lettere: "Abbiamo lavorato a questa gara per un paio d'anni consecutivi, cioè da quando siamo venuti la prima volta per un sopralluogo presso questa struttura e penso che per tutti noi della Formula E la Germania fosse un luogo chiave in cui avere un appuntamento. Quando ci trovammo a definire il programma 2014-2015 all'inizio del progetto, il suolo tedesco era una priorità assoluta, soprattutto Berlino. È in Germania che la tecnologia elettrica ha molto successo e dove ci si muove più velocemente che altrove verso una più pervasiva mobilità sostenibile".

Nella capitale tedesca non si corre su un circuito cui i piloti e i team della Formula E siano stati abituati finora in questa stagione, essendo stati tutti i round da Pechino a Montecarlo effettuati su tracciati ricavati all'interno di aree urbane e abitate. Agag ritiene che tutto ciò offra alcune prospettive interessanti per la corsa. "La pista sarà molto interessante in quanto sarà davvero la prima volta che non corriamo per le strade di una città. Nel progettare questo circuito abbiamo avuto molta più libertà, perché contrariamente alla maggior parte dei luoghi in cui siamo stati in precedenza i dintorni del tracciato non sono dettati dagli spazi circostanti. Alcuni degli angoli di curva che abbiamo introdotto prevedono tre o quattro traiettorie diverse, il che ci consentirà di vedere diversi tipi di interpretazioni della pista. Non dimentichiamo che l'unica volta in cui era stato possibile un confronto analogo era stato durante le simulazioni pre-campionato a Donington Park. Ma a quel tempo i piloti e le macchine erano nuovi di zecca, non c'era ancora esperienza, con il risultato che nessuno spingeva davvero. Ora sette gare del campionato sono state affrontare e metabolizzate dai concorrenti e la lotta è molto serrata: potrebbe essere una gara spettacolare".

Ajelandro ha offerto anche una menzione speciale al title sponsor del Berlino ePrix nonché partner ufficiale e “fondatore” della Formula E: si tratta del corriere DHL, che ha svolto un ruolo chiave nel trasporto del materiale del campionato in tutto il mondo: "Beh, la DHL si è unita a noi veramente all'inizio del progetto, quando la Formula E non aveva ancora costruito né aveva a disposizione alcuna automobile. Sono molto importanti per contribuire a spostare tutte le vetture e le attrezzature in giro per il pianeta. Soprattutto le batterie, che sono molto complicate da trasportare. Avere il loro supporto è stato ed è tuttora di vitale importanza, in quanto hanno supportato ogni singola corsa con tempistiche perfette…".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Articolo di tipo Ultime notizie