Envision Virgin collabora alla prima biposto elettrica

Il team Envision Virgin Racing Formula E parteciperà allo sviluppo della prima auto elettrica biposto da corsa a ruote scoperte, come parte di un nuovo accordo di sponsorizzazione con la Johnson Matthey.

Envision Virgin collabora alla prima biposto elettrica

Johnson Matthey è specializzata in prodotti chimici avanzati e materiali per batterie, su tutti il suo hardware eLNO, ricco di nichel, che dovrebbe essere presente sulle auto stradali ibride ed elettriche dal 2024.

Questi materiali catodici avanzati offrono una maggiore densità di energia mentre "sostengono un'eccellente durata del ciclo della batteria".

La monoposto a due posti, che assomiglierà allo stile di una vettura di Formula E, utilizzerà queste batterie e poi probabilmente sarà parte di un pacchetto hospitality EVR di cui faranno parte dei run dimostrativi.

Motorsport.com capisce che il progetto sarà guidato dalla Delta Motorsport, seconda classificata nella classe LMP2 del FIA WEC 2012, con sede di fronte a EVR nel business park di Silverstone.

Delta Motorsport ha già costruito una vettura biposto da 600 CV con motore V8 in stile Formula 1, guidata dai campioni del mondo Nigel Mansell e Damon Hill, che presentava due abitacoli in linea piuttosto che due posti affiancati.

Era anche responsabile per la costruzione e il funzionamento delle macchine Reynard 2KI con base Champ Car utilizzate per la Grand Prix Masters durante il 2005 e 2006, vinta rispettivamente da Mansell e da Eddie Cheever.

La nuova vettura elettrica biposto utilizzerà componenti del gruppo propulsore dalla prima generazione di Formula E della EVR, mentre il telaio sarà realizzato all'esterno.

L'amministratore delegato di Johnson Matthey, Robert MacLeod ha detto: "La nostra visione è per un mondo che è più pulito e più sano, oggi e per le generazioni future, quindi siamo lieti di lavorare insieme a Envision Virgin Racing e ai suoi proprietari Envision Group, perché entrambi condividiamo l'ambizione di creare un futuro più sostenibile".

"Siamo anche entusiasti di creare la prima auto da corsa elettrica utilizzando la tecnologia eLNO e di unirci all'iniziativa del team 'Race Against Climate Change' e ai suoi obiettivi di ispirare le generazioni ad agire per proteggere il pianeta".

Come parte di un accordo pluriennale, le auto EVR porteranno ora il logo Johnson Matthey sui lati del muso.

Nick Cassidy, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07

Nick Cassidy, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07

Photo by: Malcolm Griffiths / Motorsport Images

condividi
commenti
Formula E: Vallelunga è l'alternativa all'E-Prix di Roma?

Articolo precedente

Formula E: Vallelunga è l'alternativa all'E-Prix di Roma?

Articolo successivo

Formula E: svelato il nuovo tracciato dell'E-Prix di Roma

Formula E: svelato il nuovo tracciato dell'E-Prix di Roma
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Autore Matt Kew