E D'Ambrosio ha sconfitto così Bird alla console!

condividi
commenti
E D'Ambrosio ha sconfitto così Bird alla console!
Di:
, Direttore Responsabile Motorsport.com Switzerland

Il belga ha battuto il britannico nella seconda edizione della “Race Off” al simulatore, in cui sabato 19 marzo i due piloti della F.E si sono confrontati con i tifosi sia online che all'interno degli ESL Studios di Leicester.

Jérôme D'Ambrosio, Dragon Racing, e Sam Bird, DS Virgin Racing
Sam Bird and Jérôme d'Ambrosio
Jérôme D'Ambrosio, Dragon Racing, e Sam Bird, DS Virgin Racing
Jérôme D'Ambrosio, Dragon Racing, e Sam Bird, DS Virgin Racing
Jérôme D'Ambrosio, Dragon Racing, e Sam Bird, DS Virgin Racing
Jérôme D'Ambrosio, Dragon Racing, e Sam Bird, DS Virgin Racing
Jérôme D'Ambrosio, Dragon Racing, e Sam Bird, DS Virgin Racing
Jérôme D'Ambrosio, Dragon Racing
Jérôme D'Ambrosio, Dragon Racing
Sam Bird, DS Virgin Racing
giocatori del pubblico
giocatori del pubblico

Due recenti vincitori di gare ufficiali e… reali del Campionato FIA di Formula E sono stati i protagonisti di un testa a testa nella seconda edizione della “Race Off”, competizione collettiva al simulatore disputata all'interno degli ESL Studios di Leicester (Gran Bretagna) nella giornata di sabato 19 marzo: si tratta di Jérôme D'Ambrosio e Sam Bird.

I driver della Dragon Racing e della DS Virgin Racing hanno infatti dato vita a una sfida agonistica al computer con appassionati e tifosi provenienti da tutto il mondo. Come già era accaduto alla Gfinity Arena di Londra il 23 gennaio scorso, le gare in streaming sono state trasmesse in diretta attraverso i canali Twitch e YouTube della Formula E.

"Non si tratta di vincere, perché la cosa più importante è l'interazione con i tifosi e i giocatori sul Web", ha affermato Jérôme D'Ambrosio, dominatore dell'ePrix di Città del Messico sabato 12 marzo. "Ci sono tante cose che possiamo fare insieme. Si tratta di due universi diversi e paralleli, ma con un obiettivo comune a tutti noi: l'amore per le corse. Questo è soltanto l'inizio di ciò che piloti e tifosi possono fare congiuntamente. Penso che l'iniziativa della Formula E di provare a integrare e collegare in modo diverso il pubblico e gli addetti ai lavori sia una trovata geniale. Incorporare gli eSports è una grande idea. Quello che facciamo in pista noi e quello che possono fare loro alla console sono realtà perfettamente complementari. C'è spazio per ciascuno di noi ed è un bagaglio culturale molto grande, che possiamo prendere gli uni dagli altri".

Sam Bird, dominatore dell'ePrix di Buenos Aires il 6 febbraio, ha dichiarato: "Giungere alla piazza d'onore è stato un obiettivo deludente. Ovviamente, mi sono concesso un sacco di divertimento! È sempre una cosa buona interagire con il pubblico e con le persone che ci seguono online. Ed è altrettanto bello essere parte di questa avventura con la Formula E e su una piattaforma di gioco comune".

Un certo numero di alcuni fra i più grandi giocatori al mondo si è confrontato a Forza Motorsport 6 in vari gironi, battaglia culminata in un drammatico scontro finale sul tracciato virtuale di Long Beach. La finale è stata vinta dal team Maxou, proveniente dal Belgio e guidato da Maxime Potar.

Il mattatore vallone ha affermato: “Il risultato è stato un po' una sorpresa per me. La mia squadra è stata molto forte, ma allo stesso tempo è anche una delle tanti componenti della nostra comunità online. Ci sono giocatori di Forza 6 in tutto il mondo. È significativo verificare a quale livello sono i tifosi, e la Formula E ha dimostrato di crederci con idee come il FanBoost. È fantastico pensare di poter sfidare, standomene tranquillo nella mia camera da letto, un pilota di Formula E vincitore di una gara vera e propria soltanto la settimana prima!". 

 

Aperto il FanBoost dell'ePrix di Long Beach

Articolo precedente

Aperto il FanBoost dell'ePrix di Long Beach

Articolo successivo

Luigi Mazzola è il nuovo direttore tecnico della Venturi

Luigi Mazzola è il nuovo direttore tecnico della Venturi
Carica i commenti