De Vries conquista la vittoria nell'E-Prix farsa di Valencia

L'olandese della Mercedes ha conquistato il successo a Valencia in un E-Prix dove praticamente tutti i piloti alle spalle di de Vries hanno tagliato il traguardo a passo di lumaca perché a corto di energia.

De Vries conquista la vittoria nell'E-Prix farsa di Valencia

La prima volta della Formula E su un tracciato permanente ha messo in mostra tutti i limiti di una categoria che dopo sette stagioni stenta a decollare.

Se in occasione delle libere e delle qualifiche è apparso chiaro come le monoposto elettriche fossero davvero lente senza la presenza a bordo pista di edifici, parchi e monumenti che amplificassero artificialmente l’impressione di velocità, in gara la riduzione dell’energia determinata dalla direzione di corsa a seguito delle 4 safety car intervenute ha comportato un finale ridicolo con quasi tutti i piloti costretti a tagliare il traguardo a passo di lumaca con la batteria ormai a secco.

Senza dubbio l’E-Prix di Valencia passerà alla storia, ma non per i giusti motivi, ed a scrivere il proprio nome nell’albo d’oro è stato Nyck de Vries.

L’olandese, però, deve ringraziare il proprio team per aver interpretato alla perfezione la gestione dell’energia alla luce delle continue riduzioni di potenza determinate dalla direzione gara.

L’olandese è stato abile nelle prime battute a liberarsi rapidamente di un Gunther in palese crisi sul bagnato per poi mettersi alla caccia del poleman da Costa, ma contro il portoghese oggi sembrava che non ci fosse nulla da fare.

Il pilota della DS Techeetah è stato l’autentico dominatore della prima gara di Valencia mantenendo il comando sin dal via, avvenuto dietro safety car, ma proprio la vettura di sicurezza intervenuta in 4 distinte occasioni ha giocato contro il portoghese.

La direzione gara, infatti, ad ogni ingresso in pista della Mini elettrica, ha determinato una riduzione di potenza forse eccessiva considerando la natura del tracciato di Valencia e questo ha stravolto i piani non solo di da Costa, ma di gran parte dei team.

Il pilota della DS Techeetah, all’ultimo restart, si è trovato con il 4% di energia ma all’inizio dell’ultimo giro è stato costretto ad alzare il piede non avendo più potenza disponibile. De Vries ha così potuto sfilare il protagonista di giornata e conquistare un successo che fino a pochi minuti dalla bandiera a scacchi non sembrava alla sua portata.

Ciò che è successo alle sue spalle, però, ha sfiorato il ridicolo. Praticamente tutti i piloti si sono trovati senza energia disponibile quando è scoccato l’ultimo giro e la classifica finale è stata stravolta.

A chiudere sul secondo gradino del podio è stato così Nico Muller, mentre il terzo posto è stato artigliato da uno Stoffel Vandoorne incredulo.

Il pilota della Mercedes, scattato dal fondo della griglia dopo aver perso la pole per squalifica, è stato autore di una gara tutta all’attacco e gestita sapientemente dal muretto, specie per quel che riguarda la gestione dell’energia. Il caos dell’ultimo giro ha consentito all’ex portacolori della McLaren di superare di slancio tutti i rivali e conquistare un podio che alla vigilia sembrava semplicemente impossibile da raggiungere.

Imbarazzante il modo in cui il resto dei piloti è riuscito a tagliare il traguardo. A passo di lumaca sono arrivati Nick Cassidy, quarto, René Rast, quinto e Robin Frijns, sesto.

Questi sono stati gli unici piloti a chiudere entro il minuto di ritardo da de Vries, mentre da Costa, Lynn, Bird e di Grassi hanno tagliato il traguardo con un gap di oltre 1 minuti (2’11’’946 per il brasiliano della Audi ndr.).

Protagonista negativo di giornata è senza dubbio Andrè Lotterer. Il tedesco della Porsche è stato protagonista di due incidenti che avrebbe potuto compiere un debuttante, non un pilota del suo calibro.

Nel corso delle battute iniziali, Lotterer, in lotta con Nato, ha completamente sbagliato la staccata della prima chicane finendo per colpire nella posteriore destra un incolpevole Buemi e costringerlo al ritiro, mentre nei minuti conclusivi, quando il tedesco era in lotta con Mortara, ha colpito nella posteriore sinistra la Venturi dello svizzero mandandolo in testacoda per poi arenarsi nella ghiaia della via di fuga.

L’augurio è che il secondo E-Prix di domani possa offrire uno spettacolo migliore.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Netherlands Nyck De Vries
Germany Mercedes 24 48'20.547 25
2 Switzerland Nico Müller
United States Dragon Racing 24 48'33.675 13.128 13.128 18
3 Belgium Stoffel Vandoorne
Germany Mercedes 24 48'45.433 24.886 11.758 15
4 New Zealand Nick Cassidy
United Kingdom Virgin Racing 24 48'57.450 36.903 12.017 12
5 Germany René Rast
Germany Audi Sport Team ABT 24 49'12.197 51.650 14.747 10
6 Netherlands Robin Frijns
United Kingdom Virgin Racing 24 49'13.532 52.985 1.335 9
7 Portugal António Félix Da Costa
China Techeetah 24 49'30.085 1'09.538 16.553 9
8 United Kingdom Alex Lynn
India Mahindra Racing 24 49'53.952 1'33.405 23.867 5
9 United Kingdom Sam Bird
United Kingdom Jaguar Racing 24 49'56.556 1'36.009 2.604 2
10 Brazil Lucas Di Grassi
Germany Audi Sport Team ABT 24 50'32.493 2'11.946 35.937 1
11 United Kingdom Jake Dennis
United States Andretti Autosport 24 51'27.608 3'07.061 55.115
12 France Jean-Éric Vergne
China Techeetah 24 52'40.129 4'19.582 1'12.521
United Kingdom Oliver Turvey
United Kingdom NIO Formula E Team 24 50'18.889 1'58.342
United Kingdom Tom Blomqvist
United Kingdom NIO Formula E Team 24 50'21.837 2'01.290 2.948
France Norman Nato
Monaco Venturi 23 51'34.511 1 Lap 1 Lap
Switzerland Edoardo Mortara
Monaco Venturi 20 40'29.984 4 Laps 3 Laps
Germany Pascal Wehrlein
Germany Porsche Team 19 38'19.544 5 Laps 1 Lap
Germany André Lotterer
Germany Porsche Team 19 38'19.825 5 Laps 0.281
New Zealand Mitch Evans
United Kingdom Jaguar Racing 15 30'04.248 9 Laps 4 Laps
Brazil Sergio Sette Camara
United States Dragon Racing 14 28'06.770 10 Laps 1 Lap
Germany Maximilian Gunther
United States Andretti Autosport 10 20'04.584 14 Laps 4 Laps
Switzerland Sébastien Buemi
France DAMS 1 2'17.213 23 Laps 9 Laps
United Kingdom Oliver Rowland
France DAMS 24 48'22.651 2.104 46'05.438
United Kingdom Alexander Sims
India Mahindra Racing 24 48'33.616 13.069 10.965
Alexander Sims, Mahindra Racing, M7Electro
Alexander Sims, Mahindra Racing, M7Electro
1/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Tom Blomqvist, NIO 333, NIO 333 001
Tom Blomqvist, NIO 333, NIO 333 001
2/22

Foto di: Sam Bagnall / Motorsport Images

Andre Lotterer, Porsche, Porsche 99X Electric, Nick Cassidy, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Rene Rast, Audi Sport ABT Schaeffler, Audi e-tron FE07
Andre Lotterer, Porsche, Porsche 99X Electric, Nick Cassidy, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Rene Rast, Audi Sport ABT Schaeffler, Audi e-tron FE07
3/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Andre Lotterer, Porsche, Porsche 99X Electric, Nick Cassidy, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Rene Rast, Audi Sport ABT Schaeffler, Audi e-tron FE07
Andre Lotterer, Porsche, Porsche 99X Electric, Nick Cassidy, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Rene Rast, Audi Sport ABT Schaeffler, Audi e-tron FE07
4/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Antonio Felix Da Costa, DS Techeetah, DS E-Tense FE21, Alex Lynn, Mahindra Racing, M7Electro, Maximilian Gunther, BMW i Andretti Motorsport, BMW iFE.21
Antonio Felix Da Costa, DS Techeetah, DS E-Tense FE21, Alex Lynn, Mahindra Racing, M7Electro, Maximilian Gunther, BMW i Andretti Motorsport, BMW iFE.21
5/22

Foto di: Alastair Staley / Motorsport Images

Norman Nato, Venturi Racing, Silver Arrow 02, Oliver Rowland, Nissan e.Dams, Nissan IMO2
Norman Nato, Venturi Racing, Silver Arrow 02, Oliver Rowland, Nissan e.Dams, Nissan IMO2
6/22

Foto di: Alastair Staley / Motorsport Images

La Safety Car Jean-Eric Vergne, DS Techeetah, DS E-Tense FE21, the rest of the field
La Safety Car Jean-Eric Vergne, DS Techeetah, DS E-Tense FE21, the rest of the field
7/22

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Jean-Eric Vergne, DS Techeetah, DS E-Tense FE21, Robin Frijns, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Edoardo Mortara, Venturi Racing, Silver Arrow 02
Jean-Eric Vergne, DS Techeetah, DS E-Tense FE21, Robin Frijns, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Edoardo Mortara, Venturi Racing, Silver Arrow 02
8/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Nick Cassidy, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Rene Rast, Audi Sport ABT Schaeffler, Audi e-tron FE07, Jean-Eric Vergne, DS Techeetah, DS E-Tense FE21
Nick Cassidy, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Rene Rast, Audi Sport ABT Schaeffler, Audi e-tron FE07, Jean-Eric Vergne, DS Techeetah, DS E-Tense FE21
9/22

Foto di: Andrew Ferraro / Motorsport Images

Robin Frijns, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Edoardo Mortara, Venturi Racing, Silver Arrow 02, Jake Dennis, BMW i Andretti Motorsport, BMW iFE.21, Mitch Evans, Jaguar Racing, Jaguar I-TYPE 5
Robin Frijns, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Edoardo Mortara, Venturi Racing, Silver Arrow 02, Jake Dennis, BMW i Andretti Motorsport, BMW iFE.21, Mitch Evans, Jaguar Racing, Jaguar I-TYPE 5
10/22

Foto di: Andrew Ferraro / Motorsport Images

Robin Frijns, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Edoardo Mortara, Venturi Racing, Silver Arrow 02
Robin Frijns, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Edoardo Mortara, Venturi Racing, Silver Arrow 02
11/22

Foto di: Alastair Staley / Motorsport Images

Il vincitore Nyck de Vries, Mercedes-Benz EQ, EQ Silver Arrow 02
Il vincitore Nyck de Vries, Mercedes-Benz EQ, EQ Silver Arrow 02
12/22

Foto di: Andrew Ferraro / Motorsport Images

Mitch Evans, Jaguar Racing, Jaguar I-TYPE 5
Mitch Evans, Jaguar Racing, Jaguar I-TYPE 5
13/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Alexander Sims, Mahindra Racing, M7Electro, Alex Lynn, Mahindra Racing, M7Electro
Alexander Sims, Mahindra Racing, M7Electro, Alex Lynn, Mahindra Racing, M7Electro
14/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Antonio Felix Da Costa, DS Techeetah, DS E-Tense FE21, Nyck de Vries, Mercedes-Benz EQ, EQ Silver Arrow 02
Antonio Felix Da Costa, DS Techeetah, DS E-Tense FE21, Nyck de Vries, Mercedes-Benz EQ, EQ Silver Arrow 02
15/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Edoardo Mortara, Venturi Racing, Silver Arrow 02
Edoardo Mortara, Venturi Racing, Silver Arrow 02
16/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Lucas Di Grassi, Audi Sport ABT Schaeffler, Audi e-tron FE07, Oliver Turvey, NIO 333, NIO 333 001
Lucas Di Grassi, Audi Sport ABT Schaeffler, Audi e-tron FE07, Oliver Turvey, NIO 333, NIO 333 001
17/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

La Safety Car
La Safety Car
18/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Jean-Eric Vergne, DS Techeetah, DS E-Tense FE21
Jean-Eric Vergne, DS Techeetah, DS E-Tense FE21
19/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Nick Cassidy, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Robin Frijns, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07
Nick Cassidy, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07, Robin Frijns, Envision Virgin Racing, Audi e-tron FE07
20/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Nico Muller, Dragon Penske Autosport, Penske EV-5, Edoardo Mortara, Venturi Racing, Silver Arrow 02
Nico Muller, Dragon Penske Autosport, Penske EV-5, Edoardo Mortara, Venturi Racing, Silver Arrow 02
21/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Nyck de Vries, Mercedes-Benz EQ, EQ Silver Arrow 02
Nyck de Vries, Mercedes-Benz EQ, EQ Silver Arrow 02
22/22

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

condividi
commenti
Valencia E-Prix: Vandoorne perde la pole per irregolarità
Articolo precedente

Valencia E-Prix: Vandoorne perde la pole per irregolarità

Articolo successivo

Formula E: Dennis in pole a Valencia per l'E-Prix II

Formula E: Dennis in pole a Valencia per l'E-Prix II
Carica i commenti