Buemi: “Ho sperato tanto nella Safety-Car...”

Autore del miglior crono nelle Prove Libere 1, lo svizzero dell'équipe Renault e.dams non è riuscito a confermarsi nella successiva sessione: partito settimo, in corsa è stato vittima in Uruguay di un incidente e alla fine si è ritirato.

Dopo i segni di ripresa del Messico, per l’appuntamento di Punta del Este Sébastien Buemi pensava ad un risultato diverso ed invece l’elvetico, quarto della classifica generale con 52 punti, dovrà tornare a casa con un zero al termine di un ePrix in salita sin dalle prime tornate. 

“Non ho avuto una buona partenza, ma un po’ me lo aspettavo scattando dal lato sporco”, ha confidato nel post gara.

“Successivamente sono riuscito a ripassare Sam Bird e André Lotterer. Stavo andando bene ed ero veloce. Poi però, nel tentativo di affiancare Daniel Abt per superarlo, sono andato sullo sporco e ho perso il controllo dell’auto, toccando il muretto. Avendo danneggiato la sospensione non ho potuto proseguire e sono rientrato al box”.

E ancora: “Con la seconda vettura ho sperato nella Safety-Car, che alla fine non è uscita. Mi spiace davvero per il team perché il potenziale era da podio. Anche se non si è visto dalle qualifiche, in termini di performance siamo messi bene”. 

 

Quindi a proposito del sorpasso sulla Techeetah, avvenuto sotto vettura di sicurezza, il 29enne si è difeso così: “Non ho visto alcuna bandiera o segnalazione. Ero comunque pronto a cedergli la posizione, ma nessuno mi ha detto nulla”. 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula E
Evento ePrix di Punta del Este
Sub-evento Sabato, post-gara
Circuito Streets of Punta del Este
Piloti Sébastien Buemi
Team DAMS
Articolo di tipo Intervista
Tag svizzera