Alejandro Agag: “L’ePrix di Zurigo è stato veramente il top!”

condividi
commenti
Alejandro Agag: “L’ePrix di Zurigo è stato veramente il top!”
Di: Alex Kalinauckas
Co-autore: Chiara Rainis
05 lug 2018, 12:50

Secondo il patron della Formula E, la gara nella città svizzera è stata la meglio organizzata della stagione 4 nonostante alcune difficoltà logistiche come la posa di ben 389 muretti contro i 250 di Parigi...

Emerson Fittipaldi, former F1 World Champion, Indy 500 winner, drives the Formula E car
Lucas di Grassi, Audi Sport ABT Schaeffler, wins the Zurich ePrix, with Sam Bird, DS Virgin Racing,
Preparativi per l'ePrix di Zurigo
Preparativi per l'ePrix di Zurigo
Preparativi per l'ePrix di Zurigo
Preparativi per l'ePrix di Zurigo
Preparativi per l'ePrix di Zurigo
Lavori stradali sulla pista dell'ePrix di Zurigo
Lavori stradali sulla pista dell'ePrix di Zurigo
Lavori stradali sulla pista dell'ePrix di Zurigo
Lavori stradali sulla pista dell'ePrix di Zurigo
Lavori stradali sulla pista dell'ePrix di Zurigo
Lavori stradali sulla pista dell'ePrix di Zurigo
Lavori stradali sulla pista dell'ePrix di Zurigo
Lavori di costruzione della pista a Zurigo
Lavori di costruzione della pista a Zurigo
Lavori di costruzione della pista a Zurigo

Alejandro Agag è rimasto decisamente soddisfatto dal ritorno della Svizzera nel motorsport.

La nazione famosa nel mondo per la sua precisione non si è smentita neppure nell’accoglienza al Campionato FIA di Formula E.

Secondo il dirigente spagnolo, la gara nella città svizzera è stata la meglio organizzata della stagione 4 nonostante alcune difficoltà logistiche come la posa di ben 389 muretti contro i 250 di Parigi...

In particolare, a conquistare il manager, è stata la location sul lago che ha permesso ai semplici cittadini a passeggio di mescolarsi con i tifosi di auto, la zona hospitality, curata come in nessun’altra città, l’ABB Cube, inserito nella zona di partenza e arrivo, e la Julius Baer Pole Position Lounge al di sopra dei box. 

Eventi correlati:

Inoltre, il CEO della serie “full electric” ha sottolineato la buona risposta del sindaco zurighese Corinne Mauch e il grande lavoro degli sponsor.

“Adesso si va a New York per il gran finale di campionato. Un appuntamento che sancirà la fine di un’era unica per i motori, quella delle due macchine che si era vista soltanto in Formula 1 negli Anni 50, e l’inizio di una nuova che vedrà il suo debutto in Arabia Saudita”, ha quindi concluso Alejandro Agag, convinto della bontà della grande rivoluzione delle Gen2 che faranno andare in archivio il pit stop a metà corsa. 

 

 

 

Articolo successivo
Le nuove qualifiche della Formula E seguiranno la classifica

Articolo precedente

Le nuove qualifiche della Formula E seguiranno la classifica

Articolo successivo

Nyck De Vries riserva Audi per il gran finale di New York

Nyck De Vries riserva Audi per il gran finale di New York
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Evento ePrix di Zurigo
Autore Alex Kalinauckas