Formula E
22 nov
-
22 nov
Evento concluso
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
33 giorni
G
Mexico City ePrix
14 feb
-
15 feb
Prossimo evento tra
61 giorni
G
Marrakesh ePrix
27 feb
-
29 feb
Prossimo evento tra
74 giorni
G
Sanya ePrix
20 mar
-
21 mar
Prossimo evento tra
96 giorni
03 apr
-
04 apr
Prossimo evento tra
110 giorni
G
Paris ePrix
17 apr
-
18 apr
Prossimo evento tra
124 giorni
G
Seoul ePrix
02 mag
-
03 mag
Prossimo evento tra
139 giorni
G
Jakarta ePrix
05 giu
-
06 giu
Prossimo evento tra
173 giorni
G
Berlin ePrix
20 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
188 giorni
G
New York City ePrix
10 lug
-
11 lug
Prossimo evento tra
208 giorni
G
London ePrix
25 lug
-
25 lug
Prossimo evento tra
223 giorni
G
E-Prix di Londra II
26 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
224 giorni

Agag: “La Formula E ha bisogno di un pilota giapponese”

condividi
commenti
Agag: “La Formula E ha bisogno di un pilota giapponese”
Di:
Co-autore: Bethonie Waring
Tradotto da: Chiara Rainis, Motorsport.com Switzerland
14 ott 2018, 17:00

Il patron della serie “full electric”, nell'anno del debutto Nissan, strizza l'occhio al mercato nipponico, che rappresenta un riferimento nella vendita globale dei veicoli totalmente verdi.

Anche nel Campionato FIA 2018-2019, la Formula E si troverà priva di driver giapponesi malgrado la rilevanza del Paese asiatico nel commercio delle vetture elettriche e l'ingresso di un importante costruttore come Nissan Motorsports, subentrato alla Renault. Lo scorso anno, infatti, Kamui Kobayashi aveva preso parte all'ePrix di Hong Kong, ma lo aveva fatto con licenza monegasca.

“Siamo contenti di accogliere un giovane di talento come Alexander Albon (inglese con cittadinanza tailandese, ndr), ma vorremmo avere anche un rappresentante del Giappone”, ha dichiarato a Motorsport.com il CEO Alejandro Agag. 

Leggi anche:

“Ne abbiamo bisogno. Non voglio spingere la Nissan, poiché qualunque team può farlo. Dovremmo toccare un po' tutti i mercati. Tra l'altro, quello nipponico è grande e noi desideriamo crescere ancora di più in quelle zone. Purtroppo però, senza un pilota locale, è complicato”.

Una strada per semplificare questo processo sarebbe quella di ospitare una gara, magari a Tokyo o Yokohama, due località suggerite quali potenziali sedi di un round.

Un'impresa però non da poco secondo il manager spagnolo. “Lì la polizia è piuttosto severa, dunque non è facile organizzare una corsa”, il commento conclusivo. 

 

 

Articolo successivo
Agag: “La prima gara delle Gen2 fungerà da prova del nove”

Articolo precedente

Agag: “La prima gara delle Gen2 fungerà da prova del nove”

Articolo successivo

Massa: “Il mio approccio alla Formula E sarà giorno per giorno”

Massa: “Il mio approccio alla Formula E sarà giorno per giorno”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Autore Alex Kalinauckas