Formula E
17 gen
-
18 gen
Evento concluso
14 feb
-
15 feb
Evento concluso
G
Marrakesh ePrix
27 feb
-
29 feb
Prossimo evento tra
00 Ore
:
20 Minuti
:
21 Secondi
03 apr
-
04 apr
Prossimo evento tra
36 giorni
G
Paris ePrix
17 apr
-
18 apr
Prossimo evento tra
50 giorni
G
Seoul ePrix
02 mag
-
03 mag
Prossimo evento tra
65 giorni
G
Jakarta ePrix
05 giu
-
06 giu
Prossimo evento tra
99 giorni
G
Berlin ePrix
20 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
114 giorni
G
New York City ePrix
10 lug
-
11 lug
Prossimo evento tra
134 giorni
G
London ePrix
25 lug
-
25 lug
Prossimo evento tra
149 giorni
G
E-Prix di Londra II
26 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
150 giorni

Abt: “Alcuni piloti non conoscono proprio le bandiere blu...”

condividi
commenti
Abt: “Alcuni piloti non conoscono proprio le bandiere blu...”
Di:
, Direttore Responsabile Motorsport.com Switzerland
22 mag 2016, 10:21

Il giovanissimo tedesco, secondo a Berlino nella gara di casa, non fa menzione del mancato rispetto dell’ordine di scuderia in virtù del quale avrebbe dovuto cedere la posizione al compagno e capoclassifica Lucas Di Grassi.

Podium: race winner Sébastien Buemi, Renault e.Dams, second place Daniel Abt, ABT Schaeffler Audi Sp
Il vincitore Sébastien Buemi, Renault e.Dams e il secondo Daniel Abt
Secondo Daniel Abt, ABT Schaeffler Audi Sport e il terzo Lucas di Grassi, ABT Schaeffler Audi Sport
Secondo Daniel Abt, ABT Schaeffler Audi Sport e il terzo Lucas di Grassi, ABT Schaeffler Audi Sport
Conferenza stampa: Daniel Abt
Daniel Abt, ABT Schaeffler Audi Sport
Daniel Abt, ABT Schaeffler Audi Sport

"Oggi è stata una giornata semplicemente incredibile", ha detto Daniel Abt, che al termine dell’ePrix di Berlino non fa (quasi) menzione del mancato rispetto dell’ordine di scuderia secondo il quale avrebbe dovuto cedere la seconda posizione al leader di classifica Lucas Di Grassi, peraltro fresco di riconferma da parte della scuderia ABT Schaeffler Audi Sport. Che cosa accadrà ora? 

 

"Durante tutto il giorno le cose sono andate alla perfezione. L'atmosfera era ottima e gli ultimi momenti fantastici. Partendo a ragionare dalla gara, sapevo che avrei potuto farcela, ma intorno a me c'erano alcuni piloti davvero forti. Sapevo che sarebbe stato difficile. Ho avuto un buon inizio, ma alla prima curva ci siamo trovati tutti troppo stretti. Jean-Éric Vergne faticava molto, ma ha difeso in modo molto aggressivo la propria posizione, così ho dovuto compiere una manovra ponderata, altrimenti ci sarebbe stato il rischio di un incidente”, ha continuato Daniel

 

Il bilancio del giovane di casa Abt: “Per fortuna, ce l’ho fatta e sono passato davanti. Mi sentivo abbastanza sicuro, ma poi alcuni driver doppiati sembravano non conoscere il significato delle bandiere blu. Ho perso diversi secondi, soprattutto nel secondo stint. Poi, le cose si sono fatte molto interessanti quando Alain Prost ha cominciato ad avvicinarsi. Alla fine, grazie anche alla Safety-Car, tutto è andato bene. Io sono felice così e sono davvero grato al team per avermi dato una buona macchina sabato".

Alla vigilia dell’ottavo appuntamento stagionale ben più accomodanti erano state le parole del talento made-in-Deutschland nei riguardi del compagno di squadra e leader generale della Formula E, Lucas Di Grassi: "La classifica generale a me non interessa. Ho voglia di salire sul podio nella mia gara di casa e festeggiare con i tifosi tedeschi”, diceva Daniel Abt

 

“Sarebbe il modo migliore per aiutare Lucas (Di Grassi, ndr) nella battaglia per il titolo e portare avanti il nostro team nella classifica delle squadre. Sappiamo che possiamo ottenere qualcosa di grandemente positivo con il nostro pacchetto tecnico e di offrire una performance da squadra al top. Vi prometto che noi faremo di tutto per vincere almeno un trofeo...”. 

 

Articolo successivo
Sébastien: “Peccato per i due punti del giro più veloce...”

Articolo precedente

Sébastien: “Peccato per i due punti del giro più veloce...”

Articolo successivo

Di Grassi: “In Germania tutto ha tramato contro di me...”

Di Grassi: “In Germania tutto ha tramato contro di me...”
Carica i commenti