F3, Zandvoort: Martins si prende una Gara 2 caotica

Il francese della MP Motorsport si è imposto in una gara caratterizzata dalla foratura costata ad Hauger un sicuro piazzamento a punti e dal grave errore nel finale commesso da Jack Doohan.

F3, Zandvoort: Martins si prende una Gara 2 caotica

La seconda gara del weekend di Zandvoort è stata ricca di colpi di scena ed ha visto Victor Martins conquistare un successo ampiamente meritato figlio di una grande rimonta dalla quinta posizione di partenza, ma a sorprendere in negativo sono stati gli episodi sfortunati che hanno colpito il leader del campionato, Dennis Hauger, ed il diretto inseguitore, Jack Doohan.

Negli ultimi caotici giri, quando la safety car è tornata ai box dopo che Cordeel si è insabbiato alla Tarzan, il pilota della Prema, autore di una progressione da applausi, è stato colpito nella posteriore sinistra da Cohen ed ha rimediato una foratura che ha messo fine alle speranze di chiudere in quarta piazza.

L’episodio avrebbe potuto consentire a Doohan di rilanciarsi daccapo in classifica, ma il pilota del team Trident, dopo essere retrocesso in decima piazza, ha commesso un errore grave andando in ghiaia ed è precipitato fuori dai punti in diciannovesima posizione.

I colpi di scena nei due giri finali hanno distolto l’attenzione dal vero protagonista del sabato pomeriggio: Victor Martins.

Il francese ha regalato alla MP Motorsport un successo notevole sul tracciato di casa. Il momento chiave è avvenuto al quattordicesimo giro quando Martins ha sopravanzato Cohen portandosi in seconda posizione per poi mettersi a caccia di un Novalak che sembrava ormai impossibile da raggiungere.

Il campione 2020 della Formula Renault Eurocup ha inanellato una serie di giri veloci che gli ha consentito di chiudere immediatamente il gap dal connazionale ed al sedicesimo passaggio, grazie al DRS, è riuscito a prendere il comando delle operazioni per ottenere una vittoria netta.

Novalak ha provato nei due giri finali ad insidiare il pilota della MP Motorsport, ma oggi il portacolori della Trident non poteva vantare lo stesso passo del connazionale.

Torna ad affacciarsi sul podio anche Frederick Vesti. Il pilota della ART Grand Prix ha lottato a lungo con Martins nelle battute iniziali della gara ma non è mai riuscito a trovare il varco per mettere il muso della sua monoposto davanti a quello del rivale.

Una volta che Martins è scappato, Vesti ha avuto vita facile nell’avere la meglio su Cohen ed ha conquistato un podio che lascia ancora intatte le sue speranze di lottare per il titolo.

Positiva anche la gara di Caio Collet, buon quarto, mentre David Schumacher ha confermato in gara l’ottimo feeling con il circuito di Zandvoort prodigandosi in una grande rimonta sino alla quinta posizione.

Il tedesco dovrà adesso ribadire domani in Gara 3 quanto di buono fatto vedere sino ad ora avendo la possibilità di scattare dalla prima fila al fianco di Hauger.

Il caos finale ha consentito a Caldwell e Leclerc di salire in sesta e settima piazza. L’inglese è stato un vero e proprio osso duro per Hauger nella prima metà di corsa e soltanto al diciottesimo passaggio ha subìto il sorpasso da parte del compagno di team, mentre il monegasco è apparso piuttosto in ombra in questo secondo appuntamento del sabato ma ha sfruttato al meglio le opportunità che si sono presentate risalendo alle spalle dell’inglese.

Jak Crawford, Matteo Nannini e Logan Sargeant hanno completato la top 10 con l’italiano unico pilota tricolore a punti dopo l’uscita di scena di Colombo spedito a muro da Yeany autore di una toccata alla posteriore destra della monoposto del Campos Racing che ha provocato una foratura e l’impossibilità per Colombo di evitare il contatto con le barriere.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph Punti
1 France Victor Martins
Netherlands MP Motorsport 24 - 15
2 United Kingdom Clement Novalak
Italy Trident 24 0.300 0.300 0.300 12
3 Denmark Frederik Vesti
France ART Grand Prix 24 2.000 2.000 1.700 10
4 Caio Collet
Netherlands MP Motorsport 24 2.400 2.400 0.400 8
5 Germany David Schumacher
Italy Trident 24 3.800 3.800 1.400 6
6 United Kingdom Olli Caldwell
Italy Prema Powerteam 24 5.100 5.100 1.300 5
7 Arthur Leclerc
Italy Prema Powerteam 24 5.500 5.500 0.400 4
8 Jak Crawford
United Kingdom Hitech Racing 24 6.700 6.700 1.200 3
9 Italy Matteo Nannini
Germany HWA AG 24 7.200 7.200 0.500 2
10 United States Logan Sargeant
Czech Republic Charouz Racing System 24 7.700 7.700 0.500 1
11 United States Kaylen Frederick
United Kingdom Carlin 24 8.300 8.300 0.600
12 Filip Ugran
Switzerland Jenzer Motorsport 24 10.100 10.100 1.800
13 Oliver Rasmussen
Germany HWA AG 24 10.100 10.100 0.000
14 Rafael Villagómez
Germany HWA AG 24 10.900 10.900 0.800
15 Russian Federation Alexander Smolyar
France ART Grand Prix 24 10.900 10.900 0.000
16 Czech Republic Roman Staněk
United Kingdom Hitech Racing 24 11.600 11.600 0.700
17 László Tóth
Spain Campos Racing 24 12.000 12.000 0.400
18 United States Juan Manuel Correa
France ART Grand Prix 24 12.400 12.400 0.400
19 Australia Jack Doohan
Italy Trident 24 13.100 13.100 0.700
20 United Kingdom Johnathan Hoggard
Switzerland Jenzer Motorsport 24 13.300 13.300 0.200
21 Zdenek Chovanec
Czech Republic Charouz Racing System 24 13.600 13.600 0.300
22 Tijmen van
Netherlands MP Motorsport 24 13.900 13.900 0.300
23 Australia Calan Williams
Switzerland Jenzer Motorsport 24 14.000 14.000 0.100
24 Hunter Yeany
Czech Republic Charouz Racing System 24 14.800 14.800 0.800
25 United Kingdom Jonny Edgar
United Kingdom Carlin 24 22.100 22.100 7.300
Ido Cohen
United Kingdom Carlin 23 1 lap
Norway Dennis Hauger
Italy Prema Powerteam 23 1 lap
Amaury Cordeel
Spain Campos Racing 19 5 laps
Ayumu Iwasa
United Kingdom Hitech Racing 8 16 laps
Italy Lorenzo Colombo
Spain Campos Racing 2 22 laps
condividi
commenti
F3: addio Austin, la stagione si concluderà a Sochi
Articolo precedente

F3: addio Austin, la stagione si concluderà a Sochi

Articolo successivo

F3, Zandvoort, Gara 3: Hauger domina e ipoteca il titolo

F3, Zandvoort, Gara 3: Hauger domina e ipoteca il titolo
Carica i commenti