F3: Hauger chiude i giochi in anticipo in Gara 1 a Sochi

Il pilota del team Prema, grazie al secondo posto odierno, è riuscito a laurearsi matematicamente campione con 2 gare d'anticipo. Doohan spreca al via e deve dire addio alle speranze di titolo.

F3: Hauger chiude i giochi in anticipo in Gara 1 a Sochi

Dennis Hauger ce l’ha fatta. Con due gare di anticipo il pilota del team Prema è riuscito a chiudere matematicamente la lotta per il titolo e laurearsi campione 2021 della Formula 3 scrivendo il proprio nome nell’albo d’oro della categoria accanto a quelli di Robert Shwartzman e Oscar Piastri.

Il pilota norvegese ha riscattato con un campionato corso in maniera magistrale un 2020 altamente deludente vissuto con i colori della Hitech GP. Passato al team Prema, Hauger è tornato il rullo compressore visto nel 2019 in Formula 4 italiana.

Quattro vittorie e tre pole sono il bottino parziale conquistato da Hauger in questo campionato, ma oggi King Dennis ha sfiorato il quinto successo con una rimonta pazzesca.

Al via il pilota della Prema è stato autore di una buona partenza ed ha tenuto a bada un Collet molto aggressivo che gli si era affiancato nelle prime curve.

Mantenuta la quarta piazza, Hauger ha iniziato a pestare forte sul pedale del gas mettendo nel mirino dapprima Jak Crawford e subito dopo Victor Martins.

Il francese della MP Motorsport si è rivelato un avversario ostico da superare, ma il norvegese non ha fatto calcoli ed ha ascoltato gli incitamenti giunti via radio dal suo muretto per sopravanzare Martins all’undicesimo passaggio con una manovra splendida.

Salito in seconda piazza, Hauger non è però riuscito a scappare via ed ha visto la monoposto del francese sempre più minacciosa negli specchietti. Un grande aiuto è arrivato, in modo inatteso, dal terzo pilota della MP Motorsport: van der Helm.

Il motore KO della vettura olandese ha richiesto la neutralizzazione con Virtual Safety Car ed alla ripartenza Hauger è riuscito ad uscire dalla zona DRS di Martins ed accorciare il gap da Sargeant.

Dennis è diventato sempre più minaccioso alle spalle dello statunitense e se ci fosse stato un giro in più sarebbe riuscito a rendere questa giornata storica con una vittoria di forza.

Alle spalle di Martins, oggi terzo, si è messo in luce Clement Novalak. Il pilota della Trident è stato autore di una manovra da applausi ai danni di Collet nei giri finali quando ha beffato il brasiliano in Curva 1 con una staccata capolavoro.

Buona la gara di Lorenzo Colombo, oggi quinto, che ha chiuso davanti ad un Arthur Leclerc protagonista di una rimonta da applausi. Il monegasco, fuori dalla top 10 in qualifica, ha spremuto al massimo la propria Prema ed è riuscito a districarsi nel traffico iniziale concludendo in una sesta piazza che consente al team italiano di guadagnare punti preziosi nella classifica riservata alle squadre.

Vesti e Correa hanno chiuso in ottava e nona piazza, ma il pilota junior della ART Grand Prix è stato autore ancora una volta di una gara incolore che ha rappresentato perfettamente questa stagione.

La top 10 si è completata con Iwasa, mentre Crawford e Hoggard, undicesimo e dodicesimo, domani occuperanno la prima fila di Gara 2.

Non ci siamo dimenticati di Jack Doohan. L’australiano della Trident ha compromesso ogni possibilità di tenere aperte le possibilità di titolo già al via quando è arrivato lungo in Curva 2 ed è letteralmente decollato su un cordolo.

Jack è retrocesso in diciassettesima piazza, ma ha poi faticato per tutta la gara sino a chiudere in quindicesima posizione e dire definitivamente addio al titolo.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph Punti
1 United States Logan Sargeant
Czech Republic Charouz Racing System 20 - 15
2 Norway Dennis Hauger
Italy Prema Powerteam 20 0.600 0.600 0.600 12
3 France Victor Martins
Netherlands MP Motorsport 20 3.400 3.400 2.800 10
4 United Kingdom Clement Novalak
Italy Trident 20 4.500 4.500 1.100 8
5 Caio Collet
Netherlands MP Motorsport 20 5.400 5.400 0.900 6
6 Italy Lorenzo Colombo
Spain Campos Racing 20 11.600 11.600 6.200 5
7 Arthur Leclerc
Italy Prema Powerteam 20 14.500 14.500 2.900 4
8 Denmark Frederik Vesti
France ART Grand Prix 20 17.500 17.500 3.000 3
9 United States Juan Manuel Correa
France ART Grand Prix 20 18.100 18.100 0.600 2
10 Ayumu Iwasa
United Kingdom Hitech Racing 20 22.800 22.800 4.700 1
11 Jak Crawford
United Kingdom Hitech Racing 20 23.400 23.400 0.600
12 United Kingdom Johnathan Hoggard
Switzerland Jenzer Motorsport 20 23.900 23.900 0.500
13 Czech Republic Roman Staněk
United Kingdom Hitech Racing 20 24.400 24.400 0.500
14 Germany David Schumacher
Italy Trident 20 24.900 24.900 0.500
15 Australia Jack Doohan
Italy Trident 20 25.300 25.300 0.400
16 Italy Matteo Nannini
Germany HWA AG 20 29.800 29.800 4.500
17 United Kingdom Olli Caldwell
Italy Prema Powerteam 20 31.000 31.000 1.200
18 United Kingdom Jonny Edgar
United Kingdom Carlin 20 35.500 35.500 4.500
19 Australia Calan Williams
Switzerland Jenzer Motorsport 20 36.200 36.200 0.700
20 Rafael Villagómez
Germany HWA AG 20 38.300 38.300 2.100
21 Amaury Cordeel
Spain Campos Racing 20 41.100 41.100 2.800
22 Russian Federation Alexander Smolyar
France ART Grand Prix 20 50.000 50.000 8.900
23 United States Kaylen Frederick
United Kingdom Carlin 20 53.300 53.300 3.300
24 Ayrton Simmons
Czech Republic Charouz Racing System 20 56.600 56.600 3.300
25 Filip Ugran
Switzerland Jenzer Motorsport 20 57.400 57.400 0.800
26 Zdenek Chovanec
Czech Republic Charouz Racing System 20 1'33.500 1'33.500 36.100
27 Ido Cohen
United Kingdom Carlin 19 1 lap
Tijmen van
Netherlands MP Motorsport 14 6 laps
László Tóth
Spain Campos Racing 2 18 laps
Oliver Rasmussen
Germany HWA AG 1 19 laps
condividi
commenti
F2 e F3 cambiano format: di nuovo insieme nel 2022

Articolo precedente

F2 e F3 cambiano format: di nuovo insieme nel 2022

Articolo successivo

Cambia tutto a Sochi: oggi si corre solo Gara 1 della F2

Cambia tutto a Sochi: oggi si corre solo Gara 1 della F2
Carica i commenti