FIA F2
28 nov
-
01 dic
Evento concluso

Russell incontenibile a Barcellona, è suo il successo nella Feature Race!

condividi
commenti
Russell incontenibile a Barcellona, è suo il successo nella Feature Race!
Di:
12 mag 2018, 16:14

Seconda vittoria consecutiva per il pilota della ART Grand Prix che adesso si rilancia pesantemente in campionato. De Vries chiude sul secondo gradino del podio davanti ad un Norris abile a rimontare nel finale.

Nyck De Vries, PREMA Racing
Lando Norris, Carlin
Lando Norris, Carlin
Nyck De Vries, PREMA Racing
Lando Norris, Carlin
Ralph Boschung, MP Motorsport
Jack Aitken, ART Grand Prix
Artem Markelov, RUSSIAN TIME
Ralph Boschung, MP Motorsport
Nicholas Latifi, DAMS
Sean Gelael, PREMA Racing
Lando Norris, Carlin
George Russell, ART Grand Prix

E' un George Russell incontenibile quello che sta affrontando questa fase stagionale della Formula 2. Il pilota inglese, dopo aver mostrato tutto il suo talento nella Spint Race di Baku, ha dato nuovamente prova di tutte le sue qualità anche nella Feature Race di Barcellona, imponendosi con la forza su Nyck de Vries e portando a casa il secondo successo consecutivo che lo rilancia pesantemente in campionato.

Russell è stato perfetto sin dalla partenza, quando è stato autore di un avvio perfetto che lo ha visto proiettarsi dalla quarta alla seconda posizione alle spalle proprio del pilota della Prema, mentre Alexander Albon ha gettato al vento la pole del venerdì scattando male dalla prima casella e retrocedendo subito in quarta piazza.

La gara è stata frammentata dalle numerose neutralizzazioni avvenute mediante Virtual Safety Car. La prima si è resa necessaria già al secondo giro per consentire ai commissari di rimuovere la monoposto di Gunther insabbiato in Curva 2, per poi riapparire dapprima al sesto, giro a seguito dell'uscita di pista di Boschung colpito da Merhi, e successivamente al dodicesimo passaggio quando Maini è andato a muro in Curva 5.

Riprese le operazioni si è subito assistito ad un duello intenso tra Norris ed Aitken. Il pilota del team Carlin e quello della ART Grand Prix sono stati gli unici, tra quelli di testa, a prendere il via con gomme soft ma non sono riusciti a sfruttare al meglio la gradazione più tenera per prendere il largo ed hanno visto subito scappare via i primi tre.

Norris, in particolare, è apparso impalpabile nella prima parte di gara. Il campione della F3 Europea non è riuscito a gestire al meglio le proprie Pirelli gialle, non è stato per nulla incisivo, ed ha optato per effettuare la sosta obbligatoria al diciassettesimo giro, una tornata dopo Aitken.

Il pilota della ART, grazie a questo undercut, è riuscito a scavalcare il leader del campionato, ma non è riuscito a resistere alla pressione di Norris ed al giro numero 25 è retrocesso dietro il connazionale.

Tre tornate dopo sono entrati ai box in contemporanea i primi tre piloti in classifica, Russell, de Vries e Ghiotto, per poi uscire nello stesso ordine dalla pit lane anche se poco dopo l'italiano della Campos si è visto passare come una furia da Norris ed ha così dovuto cedere il terzo posto.

Le operazioni in pista sono state nuovamente neutralizzate al ventottesimo giro quando Deletraz ha deliberatamente colpito Gelael in fondo al rettilineo principale e la corsa di entrambi si è conclusa mestamente nella ghiaia tra accuse reciproche.

Anche in questo caso la direzione gara ha adottato la Virtual Safety Car sino al trentaduesimo passaggio ed alla ripartenza de Vries ha subito tentato di beffare Russell, ma il pilota della ART Grand Prix ha fatto le spalle larghe resistendo alla pressione dell'olandese per poi pestare forte sul pedale del gas ed involarsi indisturbato sotto la bandiera a scacchi conquistando non solo la seconda vittoria stagionale, ma anche i punti del successo e del giro più veloce in gara.

De Vries ha così replicato il risultato ottenuto a tavolino nella passata Sprint Race, ma nel finale si è dovuto guardare da un Norris apparso rinato quando è passato alla gomme medie.

Per Lando la Feature Race segna quindi il ritorno sul podio dopo un'astinenza che durava dalla prima gara del Bahrain, ma deve tornare a regalare quelle prestazioni che tutti si attendono da lui e che aveva già fatto vedere nel primo round della stagione.

Ghiotto porta a casa un quarto posto che fa morale, ma la delusione per il podio sfumato dopo il pit stop è molta.

Analoga delusione vale per Albon. Il pilota della DAMS ha mostrato in gara le pecche della passata stagione, ovvero una gestione gomme pessima che lo ha penalizzato nel risultato finale relegandolo ad un anonimo quinto posto condito da alcuni giri decisamente rapidi ma non sufficienti per conquistare i punti del fastest lap.

Dopo i problemi accusati in qualifica Sette Camara è riuscito con grande tenacia a risalire sino in settima posizione alle spalle di un Jack Aitken ancora una volta anonimo nella principale gara del weekend, mentre Artem Markelov ha regalato daccapo una grande rimonta dal fondo della griglia e, complice anche una sosta decisamente ritardata, è riuscito a risalire sino all'ottavo posto conquistando così la pole per la Sprint Race.

Alle spalle del russo ha chiuso Makino, protagonista di un duello intenso con il compagno di team proprio nel finale, mentre Antonio Fuoco ha completato la top ten.

Da segnalare come in partenza abbia stallato soltanto Latifi. Questo conferma che i test svolti nella passata settimana, ed anticipati in esclusiva da Motorsport.com, hanno portato gli effetti sperati.

Cla #PilotaTeamGiriTempoGapDistaccoMphPitsRitiratoPuntiBonus
1   8 united_kingdom George Russell  france ART Grand Prix 36 1:02'58.902     159.526 1   25  
2   4 netherlands Nick de Vries  italy Prema Powerteam 36 1:02'59.938 1.036 1.036 159.482 1   18  
3   19 united_kingdom Lando Norris  united_kingdom Carlin 36 1:03'00.662 1.760 0.724 159.452 1   15  
4   14 italy Luca Ghiotto  spain Campos Racing 36 1:03'04.616 5.714 3.954 159.285 1   12  
5   5 thailand Alexander Albon  france DAMS 36 1:03'05.000 6.098 0.384 159.269 1   10  
6   7 united_kingdom Jack Aitken  france ART Grand Prix 36 1:03'07.116 8.214 2.116 159.180 1   8  
7   18 brazil Sergio Sette Camara united_kingdom Carlin 36 1:03'08.732 9.830 1.616 159.112 1   6  
8   1 russia Artem Markelov  russia RUSSIAN TIME 36 1:03'19.759 20.857 11.027 158.650 1   4  
9   2 japan Tadasuke Makino  russia RUSSIAN TIME 36 1:03'22.852 23.950 3.093 158.521 1   2  
10   21 italy Antonio Fuoco  czech_republic Charouz Racing System 36 1:03'24.191 25.289 1.339 158.465 1   1  
11   12 japan Nirei Fukuzumi  united_kingdom Arden International 36 1:03'28.052 29.150 3.861 158.305 1      
12   15 israel Roy Nissany  spain Campos Racing 36 1:03'35.621 36.719 7.569 157.991 1      
13   9 spain Roberto Merhi  netherlands MP Motorsport 36 1:03'57.673 58.771 22.052 157.083 1      
14   6 canada Nicholas Latifi  france DAMS 35 1:03'12.520 1 giro 1 giro 154.534 1      
  dnf 3 indonesia Sean Gelael  italy Prema Powerteam 27 46'59.855 9 giri 8 giri 160.296 1 Ritirato    
  dnf 20 switzerland Louis Délétraz  czech_republic Charouz Racing System 27 47'00.235 9 giri 0.380 160.274 1 Ritirato    
  dnf 16 india Arjun Maini  italy Trident 10 18'37.494 26 giri 17 giri 149.554   Ritirato    
  dnf 10 switzerland Ralph Boschung  netherlands MP Motorsport 5 9'35.456 31 giri 5 giri 144.818   Ritirato    
  dnf 17 united_states Santino Ferrucci  italy Trident 0           Ritirato    
  dnf 11 germany Maximilian Gunther  united_kingdom Arden International 0
Articolo successivo
Albon ci prende gusto e conquista la pole anche a Barcellona

Articolo precedente

Albon ci prende gusto e conquista la pole anche a Barcellona

Articolo successivo

Jack Aitken rompe il ghiaccio nella Sprint Race di Barcellona

Jack Aitken rompe il ghiaccio nella Sprint Race di Barcellona
Carica i commenti