Cecotto: "Doveroso inseguire tutti gli obiettivi"

Cecotto: "Doveroso inseguire tutti gli obiettivi"

Con 48 punti in palio ad ogni evento, il venezuelano non si vuole arrendere nella corsa al titolo

Dopo cinque tappe di campionato nelle quali Johnny Cecotto jr ha conquistato complessivamente 100 punti e due vittorie, il weekend di Budapest ha registrato una brusca battuta d’arresto. Il pilota venezuelano ed il team Trident non hanno nascosto la delusione per l’esito di una trasferta conclusasi con un bilancio inferiore alle aspettative, ma sia la squadra che Cecotto jr non hanno nulla da rimproverarsi.

"Siamo stati molto veloci – ha commentato Johnnyavevamo tutto per puntare ad un risultato in linea con quelli delle gare precedenti. Certi weekend però iniziano in salita, e nonostante gli sforzi non si riesce ad incanalare tutto nella giusta direzione. Già in qualifica le cose non sono andate bene, e senza alcuna responsabilità mia o del team. Siamo riusciti ad entrare in pista nel momento giusto, evitando il traffico e riuscendo a coprire un giro molto, molto veloce. Purtroppo nell’ultima curva, quando avevo già realizzato due intermedi da pole position, sono state esposte le bandiere gialle (pochi istanti prima del mio passaggio a causa di un problema tecnico avvenuto sulla monoposto di Richelmi). Risultato: da una più che possibile pole position mi sono dovuto accontentare del quinto tempo, diventato poi ottavo a causa di una penalità di tre posizioni rimediata nella sessione di prove libere".

I problemi di Cecotto sono proseguiti colpendo il fronte tecnico. "Scattare dalla quarta fila non era un ostacolo insormontabile per puntare al podio, la performance della monoposto era molto buona ed ero comunque fiducioso sulla possibilità di rimontare Ma purtroppo al via di gara 1 mi sono reso conto che c’erano delle difficoltà con la frizione. Fortunatamente sono riuscito a partire, ma quando sono tornato in pit-lane per il cambio gomme, la frizione ha ceduto definitivamente costringendomi al ritiro".

Nonostante la battuta d’arresto che ha avuto un’importante ripercussione sulla classifica di campionato, per Johnny gli obiettivi in vista della seconda metà di stagione sono ancora molti: "Con 48 punti in palio in ognuna delle quattro tappe che dobbiamo disputare, direi che è doveroso inseguire tutti gli obiettivi. A Budapest la sfortuna ha colpito la nostra monoposto, ma può succedere la stessa cosa anche agli avversari che mi precedono, e bisogna farsi trovare pronti a cogliere ogni chance".

"Ora ci aspetta la pausa estiva – ha concluso Cecotto - ma sarà una mezza vacanza, perché ci prepareremo al meglio in vista del ritorno in pista a Spa il prossimo 22 agosto. Abbiamo occupato a lungo la terza posizione nella classifica piloti, e conto di poterla riprendere. Le prossime due tappe in calendario sono su piste veloci come Spa e Monza, e alla fine se guardiano il weekend di Spielberg (che ritengo una pista comunque veloce) i nostri riscontri sono stati molto buoni. Abbiamo tutto per bene figurare, e se la sfortuna si farà da parte, sono certo che torneremo al più presto sul podio".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati FIA F2
Piloti Johnny Cecotto
Articolo di tipo Ultime notizie