All'Hungaroring succede di tutto e vince Pic

All'Hungaroring succede di tutto e vince Pic

Il francese sfrutta al meglio le situazioni di gara e trionfa in Ungheria. Secondo Coletti, ottavo Marciello

Arthur Pic, fratello del più celebre Charles, ha conquistato la vittoria in Gara 1 di GP2 sul tracciato ungherese dell'Hungaroring dopo una corsa piena di colpi di scena, decisa solo all'ultimo giro, dopo il rientro ai box della Safety Car.

Al secondo posto si è classificato il monegasco Stefano Coletti, mentre Quaife-Hobbs ha completato l'inedito podio, frutto di una corsa molto divertente, con continui cambiamenti di scenario sin dai primi metri dopo il via.

Allo start Nasr ha preso le redini della corsa, con Dillman e Jolyon Palmer subito dietro il basiliano a darsi battaglia per la seconda piazza. Grande partenza anche per Raffaele Marciello, scattato dalla settima posizione e giù quinto dopo poche centinaia di metri di corsa. Il nostro portacolori ha tentato subito l'attacco nei confronti di Stoffel Vandoorne, ma senza successo.

Al sesto passaggio Richelmi  andato a muro dopo un contatto con Sato. I due piloti erano in bagarre tra loro ma l'incidente ha costretto la Safety Car a scendere in pista per permettere ai commissari di percorso di rimuovere la vettura di Richelmi e i detriti dalla pista. Nel medesimo giro, pochi secondi prima dell'incidente appena descritto, Coletti ha perso numerose posizioni a causa di un contatto a centro gruppo.

Al nono giro la Safety Car è rientrata ai box, ma Marciello è finito sotto investigazione dei commissari per una possibile infrazione commessa all'interno della corsia box. Due giri più tardi al pilota italiano è stato comminato un Drive Through a causa della velocità troppo elevata in pit lane poco prima di fermarsi a fare il pit stop. Marciello è così rientrato in pista in penultima posizione.

Al ventitreesimo giro la corsa ha perso uno dei suoi protagonisti: Johnny Cecotto, rientrato ai box per effettuare il cambio gomme, non è riuscito a ripartire e a riprendere la via della pista a causa dello spegnimento del volante, seguito da quello della sua monoposto, che lo ha costretto ad abbandonare la corsa anzitempo.

A nove giri dal termine, dopo i rispettivi pit stop, Palmer e Nasr hanno dato vita a una lotta entusiasmante per la prima posizione virtuale. Il duello è proseguito per i quattro giri successivi, con il leader provvisorio della classifica piloti che è riuscito a passare il brasiliano con una splendida manovra.

Il trentesimo passaggio sul traguardo è stato quello decisivo per le sorti della corsa. Berthon ha stretto Canamasas, mandandolo a muro. L'incidente è stato violento e la pista è stata riempita di detriti. Proprio per questo motivo i commissari di gara hanno deciso di far rientrare la Safety Car, vanificando la rimonta di Palmer e Nasr e dando via libera a Pic verso la vittoria. 

Preoccupazione invece per Canamasas, uscito dall'incidente malconcio a causa del forte impatto laterale della sua monoposto con il guard rail. I medici hanno impiegato tempo prima di poterlo estrarre dalla vettura incidentata.

Alle spalle di Pic, Coletti e Quaife-Hobbs si sono classificati Izawa, Palmer, Abt, Nasr e Marciello, che in Gara 2 partirà così dalla pole position, per via del regolamento che prevede l'inversione dei primi otto della prima manche di Gara 1 nela griglia di partenza di Gara 2. Nono posto per Vandoorne e decimo per Berthon

GP2 - Hungaroring - Gara 1

GP2 - Hungaroring - Classifica Piloti

GP2 - Hungaroring - Classifica Team

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati FIA F2
Piloti Stefano Coletti , Adrian Quaife-Hobbs , Arthur Pic
Articolo di tipo Ultime notizie