Ghiotto e Fuoco regalano una grande doppietta tricolore in Gara 1!

condividi
commenti
Ghiotto e Fuoco regalano una grande doppietta tricolore in Gara 1!
Di:
2 set 2017, 18:30

Il pilota del Russian Time approfitta dello scontro tra de Vries e Leclerc nel giro finale e centra il primo successo stagionale. Primi due gradini del podio interamente tricolori grazie al secondo posto di Fuoco, bravo a resistere alla pressione di Matsushita.

Antonio Fuoco, PREMA Powerteam
Luca Ghiotto, RUSSIAN TIME
Polesitter Nobuharu Matsushita, ART Grand Prix
Antonio Fuoco, PREMA Powerteam
Luca Ghiotto, RUSSIAN TIME, Artem Markelov, RUSSIAN TIME
Norman Nato, Pertamina Arden
Charles Leclerc, PREMA Powerteam
Norman Nato, Pertamina Arden
Artem Markelov, RUSSIAN TIME
Nyck De Vries, Racing Engineering
Sean Gelael, Pertamina Arden
Nabil Jeffri, Trident
Luca Ghiotto, RUSSIAN TIME
Antonio Fuoco, PREMA Powerteam
Antonio Fuoco, PREMA Powerteam
Nobuharu Matsushita, ART Grand Prix
Nobuharu Matsushita, ART Grand Prix

E' stata una Main Race folle ed intensa quella andata in scena sul tracciato di Monza ed al termine di una serie incredibili di colpi di scena è stato Luca Ghiotto a salire sul gradino più alto del podio e far suonare l'inno italiano.

La pioggia intensa della mattina ha rivoluzionato il programma iniziale e, complice anche l'enorme ritardo accumulato dalla Formula 1, la prima gara del weekend della Formula 2 è scattata solamente alle 18:20.

L'asfalto bagnato ha obbligato i piloti a percorrere sei giri dietro la safety car per saggiare le condizioni di aderenza del tracciato e, una volta rientrata ai box la vettura di sicurezza, le monoposto si sono riposizionate sulla griglia di partenza.

Allo spegnersi dei semafori Nick de Vries ha subito bruciato al via il poleman Matsushita, colpevole di aver pattinato eccessivamente, mentre alle loro spalle Leclerc è stato autore di un avvio perfetto che l'ha fatto risalire dalla settima alla terza posizione, imitato anche da Ghiotto e Rowland bravi a portarsi subito in top ten.

Dopo aver scavalcato il giapponese della ART Grand Prix, Leclerc ha iniziato a far registrare giri veloci a ripetizione per ridurre il gap da de Vries, mentre Rowland, Merhi, Deletraz e Ghiotto regalavano spettacolo nella lotta per la quarta piazza.

Rowland si è reso protagonista di un sorpasso da urlo ai danni dello spagnolo all'esterno della Ascari che l'ha agevolato nella rimonta su Matsushita e poco dopo è stato Ghiotto a sbarazzarsi del pilota del team Rapax per portarsi in scia all'inglese.

I pit obbligatori hanno visto Leclerc montare gomme da bagnato nuove al diciannovesimo passaggio, mentre un giro dopo è stato il turno di de Vries e Rowland.

Per il britannico, tuttavia, la sosta è stata fatale. Mentre si accingeva a percorrere la prima di Lesmo, dalla DAMS si è improvvisamente staccata la posteriore sinistra. Rowland è stato bravissimo nel cercare di controllare lo pneumatico con la vettura per evitare che rimbalzasse pericolosamente sul tracciato, ed ha poi dovuto posteggiare la propria monoposto a bordo pista accusando un ritiro davvero immeritato.

La direzione gara si è vista costretta a far intervenire la safety car per consentire ai commissari di rimuovere la monoposto del britannico e questa situazione ha ricompattato il gruppo.

La vettura di sicurezza è rientrata ai box al giro numero 22 e subito Leclerc ha tentato di attaccare de Vries andando però lungo alla prima staccata, mentre Ghiotto è riuscito ad approfittare del duello per passare l'olandese della Racing Engineering.

Ghiotto non ha potuto dormire sonni tranquilli ed all'ultimo giro de Vries e Leclerc hanno passato nuovamente l'italiano.

La lotta tra de Vries e Leclerc è stata questa volta durissima, con Nick che ha chiuso la traiettoria al monegasco in uscita della prima chicane costringendo il leader del campionato ad andare sull'erba per poi picchiare con la posteriore sinistra contro le barriere e concludere mestamente con un ritiro, mentre de Vries ha accusato la foratura della posteriore sinistra ed ha gettato alle ortiche un podio certo.

Il caos inatteso ha così consentio a Ghiotto di salire sul gradino più alto del podio cogliendo così non solo la prima vittoria stagionale, ma anche il primo sucesso in una Main Race in GP2/F2.

Il finale controverso di gara ha consentito ad Antonio Fucoo di cogliere il secondo posto ed il secondo podio stagionale. Il rookie della Prema è stato bravo a resistere nel finale alla pressione costante di Matsushita ed a replicare al sorpasso subito dal giapponese a due giri dal termine per poi precederlo sul traguardo con un vantaggio di appena 3 decimi.

Coglie un quarto posto inatteso Nicholas Latifi. Il canadese, dopo la qualifica disastrosa, è stato bravo a tenersi lontano dai guai e concludere davanti ad un Alexander Albon capace di rimontare dall'ultima posizione sino alla quinta dopo essere andato in testacoda a seguito di un contatto avvenuto nel primo giro.

Sean Gelael e Sergio Sette Camara hanno raccolto un sesto ed un settimo posto decisamente inatteso alla vigilia della prima gara del weekend, mentre Louis Deletraz, dopo aver sofferto notevolmente nel corso dell'intera gara dopo essere scattato dalla terza casella, ha centrato un ottavo posto che domani gli consentirà di partire dalla pole postion.

Completano la top ten Gustav Malja, nono, ed Artem Markelov, decimo. Il russo avrebbe potuto approfittare della battuta a vuoto di Leclerc e Markelov per risalire in seconda posizione in classifica generale e ridurre il distacco dal monegasco, ma un contatto in avvio, con conseguente danneggiamento dell'ala anteriore, ne ha pregiudicato il risultato finale.

Cla #PilotaTeamGiriTempoGapDistaccoMphPitsRitiratoPuntiBonus
1   5 italy Luca Ghiotto  russia RUSSIAN TIME 23 44'08.885     180.660 1   25 2
2   2 italy Antonio Fuoco  italy Prema Powerteam 23 44'10.800 1.915 1.915 180.529 1   18  
3   7 japan Nobuharu Matsushita france ART Grand Prix 23 44'11.151 2.266 0.351 180.505 1   15 4
4   10 canada Nicholas Latifi  france DAMS 23 44'12.277 3.392 1.126 180.429 1   12  
5   8 thailand Alexander Albon  france ART Grand Prix 23 44'12.846 3.961 0.569 180.390 1   10  
6   21 india Sean Gelael  united_kingdom Arden International 23 44'14.644 5.759 1.798 180.268 1   8  
7   14 brazil Sergio Sette Camara  netherlands MP Motorsport 23 44'16.068 7.183 1.424 180.171 1   6  
8   18 switzerland Louis Délétraz  italy Rapax 23 44'16.831 7.946 0.763 180.119 1   4  
9   4 sweden Gustav Malja  spain Racing Engineering 23 44'17.730 8.845 0.899 180.058 1   2  
10   6 russia Artem Markelov  russia RUSSIAN TIME 23 44'18.678 9.793 0.948 179.994 1   1  
11   15 united_kingdom Jordan King  netherlands MP Motorsport 23 44'19.019 10.134 0.341 179.971 1      
12   19 spain Roberto Merhi  italy Rapax 23 44'20.512 11.627 1.493 179.870 1      
13   16 malaysia Nabil Jeffri  italy Trident 23 44'22.479 13.594 1.967 179.737 1      
14   20 france Norman Nato  united_kingdom Arden International 23 44'22.779 13.894 0.300 179.717 1      
15   11 switzerland Ralph Boschung  spain Campos Racing 23 44'23.206 14.321 0.427 179.688 2      
16   12 romania Robert Visoiu  spain Campos Racing 23 44'24.331 15.446 1.125 179.612 1      
17   1 monaco Charles Leclerc  italy Prema Powerteam 23 44'44.789 35.904 20.458 178.244 1      
18 dnf 3 netherlands Nick de Vries  spain Racing Engineering 23 45'03.209 54.324 18.420 177.029 2 Puncture    
  dnf 9 united_kingdom Oliver Rowland  france DAMS 18 33'07.352 5 giri 5 giri 188.327 1 Wheel    
  dnf 17 united_states Santino Ferrucci  italy Trident 5 10'16.438 18 giri 13 giri 167.351 1 Ritirato
Articolo successivo
Matsushita stupisce tutti e centra la pole a Monza

Articolo precedente

Matsushita stupisce tutti e centra la pole a Monza

Articolo successivo

Ghiotto penalizzato, la vittoria in Gara 1 passa ad Antonio Fuoco

Ghiotto penalizzato, la vittoria in Gara 1 passa ad Antonio Fuoco
Carica i commenti