George Russell conquista la vittoria nella Sprint Race di Sochi ed ipoteca il titolo

condividi
commenti
George Russell conquista la vittoria nella Sprint Race di Sochi ed ipoteca il titolo
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
30 set 2018, 09:33

Il pilota della ART Grand Prix è velocissimo nelle condizioni di umido e conquista la sesta vittoria stagionale. Russell è adesso ad un passo dalla conquista del titolo. Albon chiude terzo, Norris costretto all'ennesimo ritiro.

Dorian Boccolacci, MP Motorsport
Sean Gelael, PREMA Racing
Sergio Sette Camara, Carlin
Nicholas Latifi, DAMS
Antonio Fuoco, Charouz Racing System
Tadasuke Makino, RUSSIAN TIME
Nyck De Vries, PREMA Racing
Lando Norris, Carlin
Jack Aitken, ART Grand Prix
Lando Norris, Carlin
Sean Gelael, PREMA Racing
Nyck De Vries, PREMA Racing precede George Russell, ART Grand Prix
Lando Norris, Carlin, Luca Ghiotto, Campos Racing, Tadasuke Makino, RUSSIAN TIME, alla partenza della gara
Nyck De Vries, PREMA Racing precede George Russell, ART Grand Prix alla partenza

Grazie alla vittoria odierna nella Sprint Race di Sochi, George Russell ha compiuto un altro passo, molto probabilmente decisivo, verso la conquista del titolo in Formula 2.

Il britannico della ART Grand Prix ha compiuto una gara praticamente perfetta sia in condizioni di asciutto che in quelle da bagnato.

Preso il comando delle operazioni al quinto giro, dopo aver passato il poleman Fukuzumi, Russell ha iniziato ad impostare il proprio ritmo ed ha prendere un buon vantaggio su Sette Camara ed il vincitore della Feature Race Alexander Albon.

Il colpo di scena che ha movimentato la seconda gara del weekend è arrivato al giro 11 quando una pioggia leggera ha iniziato a bagnare il tracciato rendendo estremamente scivolosi i cordoli.

Chi ha pagato caro questo cambio di condizioni meteo è stato Jack Aitken, giratosi al dodicesimo giro dopo aver affrontato un cordolo con estrema sicurezza e rimasto fermo in pista con la vettura ammutolita.

La direzione gara ha così deciso di neutralizzare la corsa con virtual safety car per consentire ai commissari di rimuovere la ART numero 7 e tutti i piloti, ad eccezione di Fuoco e Deletraz, ne hanno approfittato per montare le Pirelli da pioggia. 

Leggi anche:

La scelta del Charouz Racing System di lasciare in pista i propri portacolori è stata incomprensibile. La scuderia ceca sperava in un rapido ritorno ad un asfalto asciutto, ma così non è stato e la gara di Fuoco e Deletraz è stata irrimediabilmente compromessa.

Russell, tornato in pista alle spalle del duo, ha avuto vita facile nel superare prima lo svizzero e poi l'italiano ed una volta tornato al comando ha tenuto un ritmo inavvicinabile che gli ha consentito di centrare la sesta vittoria stagionale e mettere così una seria ipoteca sulla conquista del titolo quando al termine della stagione manca soltanto l'appuntamento di Abu Dhabi.

Sergio Sette Camara ha, ancora una volta, salvato la giornata del team Carlin grazie ad un solido secondo posto che conferma la grande crescita messa in mostra dal brasiliano in questa stagione, mentre Alexander Albon non è stato così incisivo come nella Feature Race del sabato ed ha conquistato un terzo gradino del podio che gli consente di tenere ancora aperta la lotta per il titolo anche se con pochissime speranze di riuscita.

Sfiora il podio Nyck de Vries. L'olandese della Prema è stato protagonista nel finale di un appassionante duello con Markelov. Il russo, infatti, non è stato bravo a gestire le Pirelli da bagnato come quelle da asciutto e nei giri conclusivi è andato alla disperata ricerca di pozze d'acqua per abbassare le temperature degli pneumatici.

De Vries è stato intelligente nel capire subito le difficoltà di Markelov e lo ha infilato senza pietà al penultimo giro.

Roberto Merhi ha come sempre brillato grazie alla sua esperienza conquistando i punti del sesto posto e precedendo un Nirei Fukuzumi assolutamente non in grado di tenere il ritmo dei primi ed un Dorian Boccolacci che sta facendo vedere un ottimo affiatamento con la categoria.

Delusione assoluta per Antonio Fuoco. La strategia scellerata del muretto box, che lo ha lasciato in pista con le slick, lo ha fatto scivolare fino al nono posto davanti soltanto a Maximilian Gunther.

Giornata negativa anche per gli altri due italiani presenti in griglia. Luca Ghiotto, scattato dal fondo della griglia, ha chiuso in quattordicesima posizione, mentre Alessio Lorandi, dopo una partenza incerta dalla seconda casella, ha completamente sbagliato il punto di frenata in curva 5 colpendo l'incolpevole Latifi. Entrambi sono stati costretti al ritiro.

Weekend da dimenticare anche per Lando Norris. Il pilota del team Carlin, dopo il ritiro patito nella Feature Race, è stato costretto a fermarsi anche nella corsa domenicale.

Lando ha dapprima accusato problemi in avvio nel corso del giro di formazione, è stato poi punito con 10 secondi di penalità per un posizionamento errato sulla griglia e nel finale ha forato la posteriore destra in occasione di un duello con Maini.

Per Norris è così definitivamente finita la rincorsa al titolo visto che ha chiuso il round russo con 51 punti di distacco da Russell. L'inglese della ART Grand Prix è ad un passo dalla conquista del campionato dall'alto dei suoi 248 punti, mentre Albon conferma la seconda piazza a quota 211. 

 
Cla   # Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Pits Ritirato Punti Bonus
1   8 United Kingdom George Russell  France ART Grand Prix 21         1   15  
2   18 Brazil Sergio Sette Camara  United Kingdom Carlin   7.4       1   12  
3   5 Thailand Alexander Albon  France DAMS   8.2       1   10  
4   4 Netherlands Nyck De Vries  Italy Prema Powerteam   19.1       1   8  
5   1 Russian Federation Artem Markelov  Russian Federation RUSSIAN TIME   22.2       1   6  
6   15 Spain Roberto Merhi  Spain Campos Racing   27.7       1   4  
7   12 Japan Nirei Fukuzumi  United Kingdom Arden International   30.8       1   2  
8   9 France Dorian Boccolacci  Netherlands MP Motorsport   35.1       1   1  
9   21 Italy Antonio Fuoco  Charouz Racing System   39.9              
10   11 Germany Maximilian Gunther  United Kingdom Arden International   47.0       1      
11   2 Japan Tadasuke Makino  Russian Federation RUSSIAN TIME   50.7       1      
12   3 Indonesia Sean Gelael  Italy Prema Powerteam   53.1       1      
13   20 Switzerland Louis Délétraz  Charouz Racing System   53.4              
14   14 Italy Luca Ghiotto  Spain Campos Racing   53.5       1      
15   16 India Arjun Maini  Italy Trident   102.0       2      
  dnf 19 United Kingdom Lando Norris  United Kingdom Carlin   5 laps       2 Retirement    
  dnf 7 United Kingdom Jack Aitken  France ART Grand Prix   10 laps         Retirement    
  dnf 10 Finland Niko Kari  Netherlands MP Motorsport   11 laps         Retirement    
  dnf 6 Canada Nicholas Latifi  France DAMS   21 laps         Retirement    
  dnf 17 Italy Alessio Lorandi  Italy Trident   21 laps

  

Prossimo articolo FIA F2
Albon conquista il poker di vittorie nella Feature Race di Sochi, disastro al pit per Norris

Articolo precedente

Albon conquista il poker di vittorie nella Feature Race di Sochi, disastro al pit per Norris

Articolo successivo

Alessio Lorandi, Niko Kari ed Arjun Maini penalizzati dopo la Sprint Race di Sochi

Alessio Lorandi, Niko Kari ed Arjun Maini penalizzati dopo la Sprint Race di Sochi
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie FIA F2
Evento Sochi
Piloti George Russell
Team ART Grand Prix
Autore Marco Di Marco
Tipo di articolo Gara