Gara 2: Markelov conquista il demolition derby del Red Bull Ring

Il pilota del Russian Time domina dal primo all'ultimo giro una gara condizionata da numerosi incidenti. Albon e Rowland completano il podio. Ghiotto è splendido 4° davanti a Fuoco, mentre Leclerc sbaglia ed è costretto al ritiro.

Gara 2: Markelov conquista il demolition derby del Red Bull Ring
Alexander Albon, ART Grand Prix
Alexander Albon, ART Grand Prix
Artem Markelov, RUSSIAN TIME
Oliver Rowland, DAMS
Alexander Albon, ART Grand Prix
Oliver Rowland, DAMS
Alexander Albon, ART Grand Prix
Artem Markelov, RUSSIAN TIME
Sergio Canamasas, Rapax
Jordan King, MP Motorsport
Louis Deletraz, Racing Engineering
Antonio Fuoco, PREMA Powerteam
Oliver Rowland, DAMS
Oliver Rowland, DAMS
Alexander Albon, ART Grand Prix
Alexander Albon, ART Grand Prix
Il vincitore Charles Leclerc, PREMA Powerteam, il secondo classificato Nicholas Latifi, DAMS, il ter

E' stato Artem Markelov l'autenico dominatore della Sprint Race andata in scena sul tracciato del Red Bull Ring e caratterizzata da numerosi contatti, incidenti e momenti di tensione.

Il momento critico della seconda gara del weekend si è avuto già in partenza quando Boschung, secondo sulla griglia, ha stallato allo spegnersi dei semafori. Tutti i piloti sono riusciti ad evitarlo per un soffio, con Leclerc arrivato a pochi millimetri dal retrotreno della Campos dello svizzero ed abilissimo nell'evitare un impatto che avrebbe potuto avere conseguenze disastrose.

Minore fortuna ha invece avuto Raffaele Marciello. L'italiano della Trident, partito dal fondo dello schieramento ed intento a sopravanzare Deletraz, si è accorto solo all'ultimo della vettura di Boschung ferma in griglia e, nonostante una frenata disperata, è andato ad schinatarsi contro il retrotreno della Campos fortunamente a velocità non sostenuta.

La direzione gara si è così vista costretta a far intervenire la safety car per consentire ai commissari di rimuovere le vetture ed i detriti sparsi sul rettilineo principale. Al termine del quarto giro la vettura di sicurezza è rientrata ai box e Markelov, autore di un avvio impeccabile dalla pole, ha subito preso il comando seguito da Albon, Rowland, Fuoco, King e Lecler.

Il leader del campionato ha impiegato poco tempo per avere la meglio sul pilota del team MP Motorsport per poi gettarsi all'inseguimento del diretto rivale in classifica. 

Al quinto giro Rowland ha resistito in modo duro, ma ritenuto corretto dalla direzione gara, ad Antonio Fuoco, costringendo il calabrese della Prema ad allargare la traiettoria e ridurre notevolemente la velocità in curva. Questa manovra ha colto di sorpresa proprio Leclerc che è andato proprio a colpire la vettura del compagno di team nella posteriore destra per poi finire in testacoda e concludere anticipatamente la gara con un mesto ritiro.

Le operazioni sono state neutralizzate con la Virtual Safety Car per consentire ai commissari di percorso di rimuovere la Prema del monegasco dal tracciato per poi riprendere al settimo giro.

Anche alla ripartenza si è visto un contatto, questa volta tra Ghiotto e Malja. Il pilota del Russian Time, stretto tra lo svedese e Nick De Vries, non ha potuto fare altro che frenare per evitare conseguenze alla propria vettura, ma Malja ha impostato ugualmente la traiettoria come se fosse da solo per poi decollare sull'anteriore sinistra di Luca ed andare in ghiaia.

L'incidente tra i due non ha fortunamente intaccato la vettura di Ghiotto ed il pilota del Russian Time si è così reso protagonista di una rimonta furiosa, condita da sorpassi da standing ovation prima nei confronti di Latifi, poi di King ed infine di Fuoco, per conquistare un quarto posto che lo ripaga della sfortuna vissuta nel corso della Main Race.

L'ultimo incidente di rilievo si è avuto nei giri conclusivi tra Visoiu e De Vries, con il pilota del team Campos certo di poter superare l'olandese all'interno di curva 4 e finito prima sull'erba e poi, dopo aver preso il cordolo, contro la monoposto del team Rapax costringendo anche De Vries al ritiro.

Sotto la bandiera a scacchi, Markelov è transitato in solitaria in prima posizione precedendo un Alexander Albon bravo a conquistare il primo podio in Formula 2 e nel resistere per tutti i 28 giri alla costante pressione di Oliver Rowland. 

Ghiotto, come detto, ha chiuso ai piedi del podio davanti ad un Antonio Fuoco protagonista di un weekend positivo condizionato forse da un degrado eccessivo degli pneumatici, mentre King, Nato e Latifi hanno completato la Top 8.

Al termine del round austriaco Leclerc mantiene saldamente la vetta della classifica piloti con 151 punti, mentre Rowland, grazie al terzo posto, sale a quota 102 precedendo Markelov a quota 99.

Nella classifica riservata ai team la Prema fa un balzo avanti notevole salendo in prima posizione a quota 174 a pari punti con il team DAMS, mentre Russian Time è in terza piazza con 165 punti.

Cla #PilotaTeamGiriTempoGapDistaccoMphPitsRitiratoPuntiBonus
1   6 russia Artem Markelov  russia RUSSIAN TIME 28 40'32.190     178.769 2   15 2
2   8 thailand Alexander Albon  france ART Grand Prix 28 40'33.648 1.458 1.458 178.662 2   12  
3   9 united_kingdom Oliver Rowland  france DAMS 28 40'34.245 2.055 0.597 178.618 2   10  
4   5 italy Luca Ghiotto  russia RUSSIAN TIME 28 40'38.030 5.840 3.785 178.341 2   8  
5   2 italy Antonio Fuoco  italy Prema Powerteam 28 40'38.819 6.629 0.789 178.283 2   6  
6   15 united_kingdom Jordan King  netherlands MP Motorsport 28 40'42.705 10.515 3.886 177.999 2   4  
7   20 france Norman Nato  united_kingdom Arden International 28 40'45.846 13.656 3.141 177.771 2   2  
8   10 canada Nicholas Latifi  france DAMS 28 40'48.112 15.922 2.266 177.606 2   1  
9   19 spain Sergio Canamasas  italy Rapax 28 40'48.169 15.979 0.057 177.602 2      
10   14 brazil Sergio Sette Camara  netherlands MP Motorsport 28 40'48.472 16.282 0.303 177.580 2      
11   21 india Sean Gelael  united_kingdom Arden International 28 40'51.039 18.849 2.567 177.394 2      
12   16 malaysia Nabil Jeffri  italy Trident 28 40'53.138 20.948 2.099 177.242 2      
13   3 switzerland Louis Délétraz  spain Racing Engineering 28 40'53.491 21.301 0.353 177.217 2      
14   7 japan Nobuharu Matsushita france ART Grand Prix 28 40'54.633 22.443 1.142 177.134 2      
15   4 sweden Gustav Malja  spain Racing Engineering 28 41'40.112 1'07.922 45.479 173.912 3      
  dnf 18 netherlands Nick de Vries  italy Rapax 26 38'44.210 2 giri 2 giri 173.698 3 Ritirato    
  dnf 12 romania Robert Visoiu  spain Campos Racing 25 38'01.268 3 giri 1 giro 170.153 3 Ritirato    
  dnf 11 switzerland Ralph Boschung  spain Campos Racing 15 24'26.728 13 giri 10 giri 158.664 3 Ritirato    
  dnf 1 monaco Charles Leclerc  italy Prema Powerteam 4 8'29.963 24 giri 11 giri 121.039 2 Ritirato    
  dnf 17 italy Raffaele Marciello  italy Trident 0           Ritirato
condividi
commenti
Leclerc cala il poker e conquista Gara 1 al Red Bull Ring
Articolo precedente

Leclerc cala il poker e conquista Gara 1 al Red Bull Ring

Articolo successivo

Formula 2: Boschung ancora a punti; Delétraz amareggiato, ma fiducioso

Formula 2: Boschung ancora a punti; Delétraz amareggiato, ma fiducioso
Carica i commenti