FIA F2
03 lug
Evento concluso
17 lug
Evento concluso
31 lug
Evento concluso
G
Barcellona
14 ago
Prove Libere in
02 Ore
:
36 Minuti
:
05 Secondi
G
Spa-Francorchamps
28 ago
Prossimo evento tra
13 giorni
G
Monza
04 set
Prossimo evento tra
20 giorni
G
Sochi
25 set
Prossimo evento tra
41 giorni
G
Abu Dhabi
27 nov
Prossimo evento tra
104 giorni

F2, Ungheria, Featrure Race: Shwartzman pazzesco!

condividi
commenti
F2, Ungheria, Featrure Race: Shwartzman pazzesco!
Di:
18 lug 2020, 16:30

Il pilota del Prema Racing ha conquistato la seconda vittoria stagionale fornendo una prestazione incredibile e gestendo le gomme come un veterano. Ottimo terzo posto per Mick Schumacher dietro Mazepin.

La seconda vittoria di Robert Shwartzman in Formula 2 ha mostrato in maniera palese tutto il talento del pilota russo del Prema Racing.

Lo zar, infatti, ha messo in mostra tutto il proprio repertorio fatto di intelligenza, gestione gomme da veterano ed una velocità cristallina che gli ha consentito di risalire dalla undicesima posizione (frutto di una qualifica sfortunata) sino alla prima.

Il campione 2019 della Formula 3 ha costruito buona parte di questo successo alla partenza quando ha indovinato alla perfezione lo stacco frizione per portarsi subito in sesta posizione nonostante il minor grip garantito dalle gomme medie.

La strategia studiata per il russo si è rivelata quella vincente. Shwartzman, infatti, si è trovato in testa al tredicesimo passaggio quando tutti i piloti davanti a lui hanno effettuato lo sosta obbligatoria ed è stato assolutamente spettacolare nel gestire gli pneumatici.

Il pilota della FDA ha girato costantemente sull’1’36’’ nonostante avesse accusato un rapido degrado dell’anteriore sinistra. Al ventisettesimo passaggio Robert ha effettuato la sosta per montare le soft ma ha rischiato di vanificare tutto a causa di un violentissimo bloccaggio delle anteriori nel tentativo di resistere a Ghiotto in curva 1.

Questo episodio, però, non ha avuto ripercussioni negative sulle Pirelli soft e Shwartman, una volta che le gomme sono entrate nella giusta finestra di esercizio, ha iniziato a spingere riuscendo ad avere la meglio di Ghiotto, Ilott ed infine di Mick Schumacher.

Salito nuovamente al comando, Robert avrebbe potuto anche accontentarsi di gestire gli pneumatici ed invece ha continuato a spingere sino a transitare sotto la bandiera a scacchi con un margine di oltre 15 secondi su Nikita Mazepin.

Il russo della Hitech GP è stato un protagonista inatteso di questa Feature Race ed il merito, anche in questo caso, è da addebitare alla strategia adottata dal team inglese che ha deciso di far partire Nikita con le medie per poi passare alle soft nei giri conclusivi della gara.

Mazepin ha beneficiato di questa decisione mostrando un passo decisamente superiore ai rivali in crisi con le medie ed ha rimontato sino a centrare il secondo gradino del podio.

Dopo l’incredibile sfortuna patita nella Sprint Race della scorsa settimana Mick Schumacher si è ampiamente riscattato in Ungheria centrando il terzo gradino del podio.

Il pilota della Prema, partito con le soft, si è subito portato in terza posizione ma dopo aver effettuato la sosta obbligatoria ed aver montato le medie ha accusato, così come tutti quelli sulla stessa strategia, un inatteso e rapido degrado delle coperture che non gli ha consentito di difendersi dalla rimonta dei due russi.

Mick può però essere davvero soddisfatto non solo per essere stato l’unico tra i piloti partiti con la strategia standard ad aver conquistato il podio, ma anche per aver mostrato finalmente quel passo gara che ci si attendeva in questa sua seconda stagione.

Pensava di arrivare almeno a podio Luca Ghiotto, ma il veneto si è invece dovuto accontentare della quarta piazza dopo aver regolato nel finale Callum Ilott con un sorpasso magistrale all’esterno di curva 2. Luca è stato anche protagonista di un controverso contatto con Lundgaard nei giri iniziali, ma la direzione gara ha deciso di non punire il pilota della Hitech GP per la manovra dura ritenendola un normale episodio di gara.

Da applausi anche la rimonta di Felipe Drugovich anche in questo caso agevolata dall’aver adottato le soft nei giri conclusivi. Il brasiliano è riuscito a rimontare sino al quinto posto dopo aver avuto la meglio su un Daruvala autore di una sosta (sempre per montare le soft) effettuata forse con qualche giro d’anticipo.

Deludente la gara di Callum Ilott. Il poleman, infatti, ha mostrato ancora una volta tutti i suoi problemi nel comprendere il funzionamento delle gomme Pirelli ed ha patito un degrado notevole una volta montate le medie all’ottavo giro.

Le coperture più dure non hanno agevolato certamente la vita all’inglese che ha girato sempre su tempi molto alti sino ad essere superato nel corso dei giri conclusivi anche da Louis Deletraz.

Il team UNI-Virtuosi esce con le ossa rotte da questa Feature Race complice anche il decimo posto di un anonimo Zhou. Sembra che la scuderia inglese non abbia indovinato affatto il set-up per le proprie vetture distruggendo rapidamente le gomme medie e nel finale Zhou non è riuscito ad avere la meglio su  un Ticktum oggi in crisi nerissima ed irriconoscibile.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph Punti
1 Russian Federation Robert Shwartzman
Italy Prema Powerteam 37 1:01'36.211 157.838 25
2 Russian Federation Nikita Mazepin
United Kingdom Hitech Racing 37 1:01'51.810 15.599 15.599 157.175 18
3 Germany Mick Schumacher
Italy Prema Powerteam 37 1:01'59.262 23.051 7.452 156.860 15
4 Italy Luca Ghiotto
United Kingdom Hitech Racing 37 1:02'08.986 32.775 9.724 156.451 12
5 Brazil Felipe Drugovich
Netherlands MP Motorsport 37 1:02'12.452 36.241 3.466 156.306 10
6 India Jehan Daruvala
United Kingdom Carlin 37 1:02'16.315 40.104 3.863 156.144 8
7 Switzerland Louis Délétraz
Czech Republic Charouz Racing System 37 1:02'22.402 46.191 6.087 155.890 6
8 United Kingdom Callum Ilott
United Kingdom UNI-Virtuosi 37 1:02'24.991 48.780 2.589 155.782 4
9 United Kingdom Dan Ticktum
France DAMS 37 1:02'25.863 49.652 0.872 155.746 2
10 China Guan Yu Zhou
United Kingdom UNI-Virtuosi 37 1:02'28.387 52.176 2.524 155.641 1
11 France Giuliano Alesi
Germany HWA AG 37 1:02'38.000 1'01.789 9.613 155.243
12 Japan Nobuharu Matsushita
Netherlands MP Motorsport 37 1:02'57.528 1'21.317 19.528 154.440
13 United Kingdom Jack Aitken
Spain Campos Racing 37 1:03'07.955 1'31.744 10.427 154.015
14 Brazil Pedro Piquet
Czech Republic Charouz Racing System 37 1:03'21.997 1'45.786 14.042 153.447
15 Brazil Guilherme Samaia
Spain Campos Racing 36 1:01'39.068 1 Lap 1 Lap 153.453
16 Japan Yuki Tsunoda
United Kingdom Carlin 36 1:01'45.614 1 Lap 6.546 153.182
17 Indonesia Sean Gelael
France DAMS 36 1:03'03.637 1 Lap 1'18.023 150.023
Denmark Christian Lundgaard
France ART Grand Prix 10 27 laps
New Zealand Marcus Armstrong
France ART Grand Prix 5 32 laps
Russian Federation Artem Markelov
Germany HWA AG 3 34 laps
Japan Marino Sato
Italy Trident 1 36 laps
Israel Roy Nissany
Italy Trident 1 36 laps
Scorrimento
Lista

Jack Aitken, Campos Racing

Jack Aitken, Campos Racing
1/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Callum Ilott, UNI-Virtuosi

Callum Ilott, UNI-Virtuosi
2/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Yuki Tsunoda, Carlin pit stop

Yuki Tsunoda, Carlin pit stop
3/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Artem Markelov, HWA Racelab

Artem Markelov, HWA Racelab
4/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing

Mick Schumacher, Prema Racing
5/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix
6/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nobuharu Matsushita, MP Motorsport

Nobuharu Matsushita, MP Motorsport
7/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pedro Piquet, Charouz Racing System

Pedro Piquet, Charouz Racing System
8/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Robert Shwartzman, Prema Racing

Robert Shwartzman, Prema Racing
9/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Artem Markelov, HWA Racelab

Artem Markelov, HWA Racelab
10/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Artem Markelov, HWA Racelab

Artem Markelov, HWA Racelab
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Yuki Tsunoda, Carlin

Yuki Tsunoda, Carlin
12/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Giuliano Alesi, HWA Racelab

Giuliano Alesi, HWA Racelab
13/22

Foto di: Formula Motorsport Ltd

Sean Gelael, Dams

Sean Gelael, Dams
14/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Roy Nissany, Trident

Roy Nissany, Trident
15/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Luca Ghiotto, Hitech Grand Prix

Luca Ghiotto, Hitech Grand Prix
16/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Artem Markelov, HWA Racelab

Artem Markelov, HWA Racelab
17/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Christian Lundgaard, ART Grand Prix, precede Jehan Daruvala, Carlin

Christian Lundgaard, ART Grand Prix, precede Jehan Daruvala, Carlin
18/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dan Ticktum, Dams

Dan Ticktum, Dams
19/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dan Ticktum, Dams

Dan Ticktum, Dams
20/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Yuki Tsunoda, Carlin, precede Robert Shwartzman, Prema Racing

Yuki Tsunoda, Carlin, precede Robert Shwartzman, Prema Racing
21/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Yuki Tsunoda, Carlin

Yuki Tsunoda, Carlin
22/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Pirelli 18 pollici: l'esperienza F2 insegna per la F1

Articolo precedente

Pirelli 18 pollici: l'esperienza F2 insegna per la F1

Articolo successivo

F2, Ungheria, Sprint Race: Ghiotto maestro di strategia

F2, Ungheria, Sprint Race: Ghiotto maestro di strategia
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie FIA F2
Evento Hungaroring
Piloti Robert Shwartzman
Team Prema Powerteam
Autore Marco Di Marco