F2, Silverstone: Piastri conquista una prima pole esagerata

Il pilota della Prema è riuscito a conquistare la prima pole in Formula 2 facendo la differenza nel secondo e terzo settore. Zhou è secondo, ma il suo tempo potrebbe essere cancellato per essere stato realizzato con le bandiere gialle esposte.

F2, Silverstone: Piastri conquista una prima pole esagerata

Una prova di forza incredibile. Non si può definire in altro modo quanto fatto da Oscar Piastri nelle qualifiche di Silverstone che hanno regalato al pilota della Prema la prima pole in Formula 2.

L’australiano è riuscito a mettere la propria firma in cima alla lista dei tempi grazie al crono di 1’39’’854 diventando così l’unico a scendere sotto il muro dell’1’40’’. Ciò che ha più stupito, però, è stato il modo in cui Piastri ha affrontato il secondo settore.

Proprio nel T2 il portacolori della Prema è riuscito a fare la differenza in occasione del primo tentativo, portando poi il vantaggio anche nel T3.

A scattare al fianco di Piastri in prima fila domenica sarà Guanyu Zhou, ma il tempo realizzato dal cinese potrebbe essere cancellato. Il pilota della UNI-Virtuosi, infatti, si è migliorato nei minuti finali proprio quando erano esposte le bandiere gialle in pista a causa della monoposto di Shwartzman ferma alla Stowe dopo un testacoda.

Zhou è stato l’unico ad avvicinare i riferimenti di Piastri nel T2 ed alla fine ha pagato un gap di 2 decimi dall’australiano. Se però il suo crono dovesse essere cancellato rischierebbe una retrocessione in griglia che potrebbe costare cara in ottica campionato.

Altro pilota a migliorarsi in regime di bandiere gialle è stato Richard Verschoor. L’olandese della MP Motorsport ha chiuso con il terzo crono in 1’40’’259, ma anche sui di lui potrebbe arrivare la cancellazione del tempo e la conseguente retrocessione.

Dopo aver ottenuto il miglior riferimento nelle Libere del mattino, Dan Ticktum ha confermato l’ottimo feeling con il tracciato di Silverstone al pomeriggio ottenendo il quarto crono anche se con un gap di mezzo secondo dalla vetta.

Per Ticktum, così come per molti dei piloti presenti in pista nei minuti finali, la bandiera gialla esposta alla Stowe, e la successiva bandiera rossa che ha messo fine in anticipo alla sessione, ha impedito di migliorare i parziali.

Ottimo il quinto tempo firmato Theo Pourchaire. Il rookie della ART Grand Prix, reduce dalla frattura al polso rimediata a Baku, è stato ancora una volta il miglior portacolori della scuderia transalpina chiudendo a soli 11 millesimi da Ticktum.

Nonostante l’errore commesso a tre minuti dal termine, Robert Shwartzman è riuscito ad inserirsi in top ten con il settimo crono in 1’40’’452 che gli garantirà il diritto di prendere il via della Feature Race al fianco di Felipe Drugovich, mentre Roy Nissany ha stupito ottenendo un inatteso ottavo riferimento e vincendo il duello interno con Marcus Armstrong.

Juri Vips e Christian Lundgaard hanno chiuso con il nono ed il decimo tempo e domani occuperanno la prima fila in Gara 1 grazie alla griglia invertita. Per l’estone, però, resta il rimpianto di aver commesso una piccola sbavatura nel terzo settore in occasione del primo tentativo che gli ha impedito di migliorare il proprio riferimento.

Fuori dai primi dieci Liam Lawson, oggi soltanto undicesimo e poco incisivo sin dalle Libere, mentre Matteo Nannini sta dimostrando di prendere sempre più confidenza con la monoposto del team Campos ed ha chiuso con il sedicesimo crono alle spalle del compagno di squadra Boschung.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph
1 Australia Oscar Piastri
Italy Prema Powerteam 11 1'39.854 212.386
2 China Guan Yu Zhou
United Kingdom UNI-Virtuosi 11 1'40.075 0.221 0.221 211.917
3 Netherlands Richard Verschoor
Netherlands MP Motorsport 10 1'40.259 0.405 0.184 211.528
4 United Kingdom Dan Ticktum
United Kingdom Carlin 11 1'40.408 0.554 0.149 211.214
5 France Théo Pourchaire
France ART Grand Prix 12 1'40.419 0.565 0.011 211.191
6 Brazil Felipe Drugovich
United Kingdom UNI-Virtuosi 10 1'40.451 0.597 0.032 211.123
7 Russian Federation Robert Shwartzman
Italy Prema Powerteam 10 1'40.452 0.598 0.001 211.121
8 Israel Roy Nissany
France DAMS 11 1'40.486 0.632 0.034 211.050
9 Estonia Jüri Vips
United Kingdom Hitech Racing 10 1'40.491 0.637 0.005 211.039
10 Denmark Christian Lundgaard
France ART Grand Prix 11 1'40.556 0.702 0.065 210.903
11 New Zealand Liam Lawson
United Kingdom Hitech Racing 10 1'40.679 0.825 0.123 210.645
12 India Jehan Daruvala
United Kingdom Carlin 11 1'40.683 0.829 0.004 210.637
13 Germany Lirim Zendeli
Netherlands MP Motorsport 10 1'40.772 0.918 0.089 210.451
14 New Zealand Marcus Armstrong
France DAMS 11 1'40.895 1.041 0.123 210.194
15 Switzerland Ralph Boschung
Spain Campos Racing 10 1'40.915 1.061 0.020 210.153
16 Italy Matteo Nannini
Spain Campos Racing 11 1'41.050 1.196 0.135 209.872
17 Netherlands Bent Viscaal
Italy Trident 10 1'41.185 1.331 0.135 209.592
18 Germany David Beckmann
Czech Republic Charouz Racing System 12 1'41.295 1.441 0.110 209.364
19 United Kingdom Jack Aitken
HWA Racelab 11 1'41.306 1.452 0.011 209.341
20 Brazil Guilherme Samaia
Czech Republic Charouz Racing System 11 1'41.758 1.904 0.452 208.412
21 Japan Marino Sato
Italy Trident 9 1'41.790 1.936 0.032 208.346
22 Italy Alessio Deledda
HWA Racelab 11 1'43.734 3.880 1.944 204.442
condividi
commenti
F2, Silverstone: Ticktum è un fulmine nelle Libere

Articolo precedente

F2, Silverstone: Ticktum è un fulmine nelle Libere

Articolo successivo

F2, Silverstone, Gara 1: Shwartzman domina, Zhou sbaglia

F2, Silverstone, Gara 1: Shwartzman domina, Zhou sbaglia
Carica i commenti