F2, Monaco: Zhou è impeccabile nella prima Sprint Race

Il pilota cinese comanda dal primo all'ultimo giro e conquista con merito il secondo successo stagionale. La UNI-Virtuosi fa doppietta grazie a Drugovich. Male Shwartzman e Lundgaard costretti al ritiro.

F2, Monaco: Zhou è impeccabile nella prima Sprint Race

Due colpi di scena e zero emozioni. Si può riassumere così la prima gara del weekend della Formula 2 andata in scena sul tracciato di Monte Carlo che ha visto Guanyu Zhou protagonista assoluto.

Il cinese della UNI-Virtuosi, scattato dalla pole grazie all’inversione della griglia, ha mantenuto il comando dal primo all’ultimo giro senza mai commettere una sbavatura ed ha approfittato della cattiva sorte che ha colpito Christian Lundgaard per portare a casa il secondo successo stagionale ed allungare ulteriormente in classifica.

Il pilota della ART Grand Prix sembrava essere l’unico in grado di impensierire il leader del campionato, ma al giro tredici ha accusato un improvviso calo di potenza del motore Mecachrome, con tanto di fumata dalla bancata destra, che l’ha costretto al ritiro due tornate dopo.

Il K.O. di Lundgaard ha così spalancato la strada verso il secondo gradino del podio ad un Drugovich beffato proprio dal pilota della ART Grand Prix in partenza. Il brasiliano, però, non è mai riuscito a tenere il passo del ben più esperto compagno di squadra accontentandosi di portare a termine la gara con un distacco di 2’’4, complice anche l’ingresso della safety car nelle battute finali a causa del contatto contro le barriere di Petecof all’uscita della chicane delle Piscine.

Sorprende positivamente il terzo posto ottenuto da Roy Nissany. Il pilota della DAMS aveva ben impressionato già nella giornata di ieri mostrando un ottimo feeling con il tracciato monegasco e si è confermato oggi conquistando il primo podio in carriera e resistendo alla pressione costante di un Ralph Boschung ben più esperto.

Lo svizzero è stato l’unico raggio di sole in casa Campos dopo il mesto ritiro di un Petecof certamente penalizzato dal non aver potuto girare nelle Libere per l’esplosione del motore Mecachrome.

Intensa la lotta, soprattutto nei giri conclusivi, tra Juri Vips e Dan Ticktum che ha visto emergere l’estone della Hitech GP. Tra il pilota del vivaio Red Bull e l’inglese si è assistito ad un duello a distanza per la conquista del giro veloce, ma Vips ha sofferto parecchio alla ripartenza al ventottesimo giro quando, complice una temperatura non ottimale degli pneumatici, si è trovato negli scarichi un Ticktum scatenato ma impossibilitato a trovare il varco per strappargli la quinta piazza.

Grazie ad un sorpasso in partenza ed al ritiro di Lundgaard e Shwartzman (andato a muro alla Massenet poco dopo il via) Theo Pourchaire è riuscito a guadagnare tre posizioni sino a chiudere in settima posizione precedendo Oscar Piastri ed un Liam Lawson ancora una volta solido e bravo a recuperare dopo una qualifica deludente.

L’unico, splendido, sorpasso in pista è stato offerto da Marcus Armstrong. Il pilota della DAMS ha approfittato di una sbavatura alla Noghes commessa da Daruvala a pochi metri dalla bandiera a scacchi ed ha così strappato all’indiano la decima posizione e la possibilità di partire dalla pole nella seconda Sprint Race del weekend.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph Punti
1 China Guan Yu Zhou
United Kingdom UNI-Virtuosi 30 - 15
2 Brazil Felipe Drugovich
United Kingdom UNI-Virtuosi 30 2.300 2.300 2.300 12
3 Israel Roy Nissany
France DAMS 30 5.900 5.900 3.600 10
4 Switzerland Ralph Boschung
Spain Campos Racing 30 7.400 7.400 1.500 8
5 Estonia Jüri Vips
United Kingdom Hitech Racing 30 11.000 11.000 3.600 6
6 United Kingdom Dan Ticktum
United Kingdom Carlin 30 11.400 11.400 0.400 4
7 France Théo Pourchaire
France ART Grand Prix 30 13.200 13.200 1.800 2
8 Australia Oscar Piastri
Italy Prema Powerteam 30 15.200 15.200 2.000 1
9 New Zealand Liam Lawson
United Kingdom Hitech Racing 30 17.500 17.500 2.300
10 New Zealand Marcus Armstrong
France DAMS 30 18.900 18.900 1.400
11 India Jehan Daruvala
United Kingdom Carlin 30 19.200 19.200 0.300
12 Germany David Beckmann
Czech Republic Charouz Racing System 30 19.500 19.500 0.300
13 Netherlands Richard Verschoor
Netherlands MP Motorsport 30 19.900 19.900 0.400
14 Netherlands Bent Viscaal
Italy Trident 30 20.200 20.200 0.300
15 Germany Lirim Zendeli
Netherlands MP Motorsport 30 20.700 20.700 0.500
16 United Kingdom Jack Aitken
HWA Racelab 30 21.100 21.100 0.400
17 Brazil Guilherme Samaia
Czech Republic Charouz Racing System 30 21.800 21.800 0.700
18 Italy Alessio Deledda
HWA Racelab 29 1 lap
Japan Marino Sato
Italy Trident 28 2 laps
Brazil Gianluca Petecof
Spain Campos Racing 23 7 laps
Denmark Christian Lundgaard
France ART Grand Prix 14 16 laps
Russian Federation Robert Shwartzman
Italy Prema Powerteam 1 29 laps
Robert Shwartzman, Prema Racing
Robert Shwartzman, Prema Racing
1/22

Foto di: Formula Motorsport Ltd

Dan Ticktum, Carlin
Dan Ticktum, Carlin
2/22

Foto di: Formula Motorsport Ltd

Juri Vips, Hitech Grand Prix
Juri Vips, Hitech Grand Prix
3/22

Foto di: Formula Motorsport Ltd

Oscar Piastri, Prema Racing
Oscar Piastri, Prema Racing
4/22

Foto di: Formula Motorsport Ltd

Robert Shwartzman, Prema Racing
Robert Shwartzman, Prema Racing
5/22

Foto di: Formula Motorsport Ltd

Theo Pourchaire, ART Grand Prix
Theo Pourchaire, ART Grand Prix
6/22

Foto di: Formula Motorsport Ltd

David Beckmann, Charouz Racing System
David Beckmann, Charouz Racing System
7/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

David Beckmann, Charouz Racing System
David Beckmann, Charouz Racing System
8/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dan Ticktum, Carlin
Dan Ticktum, Carlin
9/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Christian Lundgaard, ART Grand Prix
Christian Lundgaard, ART Grand Prix
10/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Guilherme Samaia, Charouz Racing System
Guilherme Samaia, Charouz Racing System
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Guilherme Samaia, Charouz Racing System
Guilherme Samaia, Charouz Racing System
12/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Marino Sato, Trident
Marino Sato, Trident
13/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ralph Boschung, Campos Racing
Ralph Boschung, Campos Racing
14/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Marcus Armstrong, Dams
Marcus Armstrong, Dams
15/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lirim Zendeli, MP Motorsport
Lirim Zendeli, MP Motorsport
16/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Oscar Piastri, Prema Racing
Oscar Piastri, Prema Racing
17/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Robert Shwartzman, Prema Racing
Robert Shwartzman, Prema Racing
18/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Robert Shwartzman, Prema Racing
Robert Shwartzman, Prema Racing
19/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Richard Verschoor, MP Motorsport
Richard Verschoor, MP Motorsport
20/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Richard Verschoor, MP Motorsport
Richard Verschoor, MP Motorsport
21/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Theo Pourchaire, ART Grand Prix
Theo Pourchaire, ART Grand Prix
22/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condividi
commenti
F2, Monaco: Pourchaire conquista una pole sensazionale
Articolo precedente

F2, Monaco: Pourchaire conquista una pole sensazionale

Articolo successivo

F2, Monaco: prova di forza di Lawson, è sua Gara 2

F2, Monaco: prova di forza di Lawson, è sua Gara 2
Carica i commenti