F2, Baku: Shwartzman domina e torna al successo in Gara 1

Il russo della Prema è stato l'autentico dominatore della prima gara del weekend ed è finalmente tornato al successo dopo un inizio di stagione difficile. Ticktum regala spettacolo ed è secondo.

F2, Baku: Shwartzman domina e torna al successo in Gara 1

Lo zar è tornato. Dopo un avvio di stagione troppo brutto per essere vero, Robert Shwartzman ha finalmente conquistato la prima vittoria del 2021 alla sua maniera: dominando dal primo all’ultimo giro.

Il russo della Prema ha sfruttato al meglio la partenza dalla pole grazie alla griglia invertita e quando i semafori si sono spenti è scattato alla perfezione dalla prima casella tenendo a debita distanza Daruvala.

La fuga di Shwartzman, però, è durata poco. A centro gruppo, infatti, Felipe Drugovich ha scatenato il caos in Curva 3 quando ha completamente sbagliato la frenata andando a centrare un incolpevole Piastri.

L’australiano, senza alcuna colpa, ha a sua volta colpito prima Vips nella posteriore sinistra e successivamente è andato ad impattare contro Lawson facendo andare contro le barriere di protezione il neozelandese costringendo anche lui al ritiro.

Uno zero pesante in classifica per i due rookie protagonisti fino ad ora di un inizio di campionato oltre ogni aspettativa che peserà ulteriormente in Gara 2 quando entrambi, insieme a Deledda ed Aitken, saranno costretti a scattare dal fondo della griglia.

La safety car è subito intervenuta in pista per consentire ai commissari di rimuovere le quattro monoposto rimaste ferme ed alla ripartenza, avvenuta al quarto giro, Shwartzman è stato ancora una volta impeccabile.

Lo zar ha accelerato all’ultimo momento utile per evitare di consegnare a Daruvala la scia ed ha subito iniziato a pestare forte sul gas prendendo in pochi giri un gap di 3 secondi sul pilota della Prema.

Shwartzman ha gestito la gara alla perfezione sino alla bandiera a scacchi, ma è stato beffato all’ultimo giro da Pourchaire che gli ha strappato i due punti supplementari messi in palio per il giro più veloce.

Se il russo è stato l’autentico dominatore, altro grande protagonista di Gara 1 è stato Dan Ticktum. Che l’inglese della Carlin abbia un gran feeling con i tracciati cittadini è cosa nota, ma oggi è stato autore di una rimonta da urlo condita da staccate da applausi.

Ticktum ha messo inizialmente nel mirino Boschung per salire in quinta posizione per poi avere la meglio su Daruvala e Zhou e conquistare con forza il secondo gradino del podio.

Il cinese della UNI-Virtuosi ha corso alla sua maniera, capitalizzando al massimo il potenziale a disposizione per mettere in cascina altri punti fondamentali in un campionato dove la regolarità giocherà un ruolo fondamentale alla luce del nuovo format.

Deludente la prestazione fornita da Jehan Daruvala, apparso poco incisivo sin dai primi giri, mentre ancora una volta Théo Pourchaire è stato autore di una gara magistrale.

Il rookie terribile della ART Grand Prix non si è scomposto quando nelle fasi iniziali ha subìto il sorpasso da parte di Vips ed ha atteso il momento opportuno per riprendersi la posizione ai danni dell’estone. Una volta salito in settima piazza, Théo ha aggredito Boschung al giro 18 e successivamente Armstrong per poi transitare sotto la bandiera a scacchi in scia a Daruvala e chiudere così in quinta piazza.

Boschuung, dopo l’ottimo weekend di Monaco, è stato ancora una volta autore di una gara solida facendo brillare il Campos Racing, mentre Armstrong e Vips hanno deluso.

Il pilota del vivaio Ferrari ha sofferto nel finale perdendo due posizioni per poi chiudere in settima piazza, mentre l’estone non è mai sembrato incisivo ed ha completato Gara 1 alle spalle del pilota della DAMS rischiando poi alla fine di centrare Boschung nel giro di rallentamento.

Positiva la prestazione di David Beckmann che lontano dai riflettori sta dimostrando di merita un posto in Formula 2, soprattutto se si confrontano le sue prestazioni con quelle assolutamente incolori del suo compagno di team, mentre alle spalle del tedesco, complice la penalità di 10’’ inflitta a Drugovich per il crash iniziale, ha chiuso Bent Viscaal. L’olandese avrà così la possibilità di partire dalla pole per la seconda gara del weekend che scatterà questo pomeriggio alle 15:40.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph Punti
1 Russian Federation Robert Shwartzman
Italy Prema Powerteam 21 44'35.734 169.468 15
2 United Kingdom Dan Ticktum
United Kingdom Carlin 21 44'40.878 5.144 5.144 169.143 12
3 China Guan Yu Zhou
United Kingdom UNI-Virtuosi 21 44'44.606 8.872 3.728 168.908 10
4 India Jehan Daruvala
United Kingdom Carlin 21 44'46.086 10.352 1.480 168.815 8
5 France Théo Pourchaire
France ART Grand Prix 21 44'46.773 11.039 0.687 168.772 6
6 Switzerland Ralph Boschung
Spain Campos Racing 21 44'48.858 13.124 2.085 168.641 4
7 New Zealand Marcus Armstrong
France DAMS 21 44'50.189 14.455 1.331 168.557 2
8 Estonia Jüri Vips
United Kingdom Hitech Racing 21 44'50.258 14.524 0.069 168.553 1
9 Germany David Beckmann
Czech Republic Charouz Racing System 21 44'53.033 17.299 2.775 168.379
10 Netherlands Bent Viscaal
Italy Trident 21 44'53.498 17.764 0.465 168.350
11 Denmark Christian Lundgaard
France ART Grand Prix 21 44'55.472 19.738 1.974 168.227
12 Netherlands Richard Verschoor
Netherlands MP Motorsport 21 44'56.798 21.064 1.326 168.144
13 Germany Lirim Zendeli
Netherlands MP Motorsport 21 44'57.571 21.837 0.773 168.096
14 Brazil Felipe Drugovich
United Kingdom UNI-Virtuosi 21 45'01.583 25.849 4.012 167.846
15 Italy Matteo Nannini
Spain Campos Racing 21 45'11.704 35.970 10.121 167.220
16 Israel Roy Nissany
France DAMS 21 45'18.205 42.471 6.501 166.820
17 Brazil Guilherme Samaia
Czech Republic Charouz Racing System 21 45'25.023 49.289 6.818 166.403
18 Japan Marino Sato
Italy Trident 21 46'07.034 1'31.300 42.011 163.876
Australia Oscar Piastri
Italy Prema Powerteam 20
New Zealand Liam Lawson
United Kingdom Hitech Racing 20
United Kingdom Jack Aitken
HWA Racelab 20
Italy Alessio Deledda
HWA Racelab 20
Liam Lawson, Hitech Grand Prix
Liam Lawson, Hitech Grand Prix
1/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Marcus Armstrong, Dams
Marcus Armstrong, Dams
2/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Robert Shwartzman, Prema Racing
Robert Shwartzman, Prema Racing
3/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Oscar Piastri, Prema Racing
Oscar Piastri, Prema Racing
4/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Theo Pourchaire, ART Grand Prix
Theo Pourchaire, ART Grand Prix
5/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Bent Viscaal, Trident
Bent Viscaal, Trident
6/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Alessio Deledda, HWA Racelab
Alessio Deledda, HWA Racelab
7/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Felipe Drugovich, Uni-Virtuosi
Felipe Drugovich, Uni-Virtuosi
8/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lirim Zendeli, MP Motorsport
Lirim Zendeli, MP Motorsport
9/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Liam Lawson, Hitech Grand Prix
Liam Lawson, Hitech Grand Prix
10/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ralph Boschung, Campos Racing
Ralph Boschung, Campos Racing
11/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Oscar Piastri, Prema Racing
Oscar Piastri, Prema Racing
12/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Oscar Piastri, Prema Racing
Oscar Piastri, Prema Racing
13/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Oscar Piastri, Prema Racing
Oscar Piastri, Prema Racing
14/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Robert Shwartzman, Prema Racing
Robert Shwartzman, Prema Racing
15/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condividi
commenti
F2, Baku: Lawson beffa Vips e si prende di forza la pole
Articolo precedente

F2, Baku: Lawson beffa Vips e si prende di forza la pole

Articolo successivo

F2, Baku: Vips rompe il ghiaccio nel caos di Gara 2

F2, Baku: Vips rompe il ghiaccio nel caos di Gara 2
Carica i commenti