F2, Bahrain, Feature Race: Drugovich show, Ilott ci crede

Il brasiliano è stato magistrale nella gestione gomme ed ha colto la sua prima vittoria in una Feature Race, mentre l'inglese, grazie al secondo posto, ha ridotto a 12 i punti di ritardo da Schumacher (4°).

condividi
commenti
F2, Bahrain, Feature Race: Drugovich show, Ilott ci crede

Felipe Drugovich è stato l’assoluto protagonista della Feature Race del Bahrain. Il brasiliano della MP Motorsport, al primo anno in Formula 2, ha regalato una lezione di gestione gomme a tutti i piloti della categoria sfruttando le proprie Pirelli come un veterano consumato.

Scattato dalla seconda casella con le coperture medie, così come Ilott, Drugovich ha messo nel mirino l’inglese della UNI-Virtuosi per poi sopravanzarlo al terzo giro.

Una volta conquistata la prima posizione, Drugovich ha imposto un ritmo insostenibile per tutti riuscendo a girare costantemente sul tempo dell’1'49’’ così come gli inseguitori dotati di Pirelli hard.

Il pilota della MP Motorsport è riuscito a far durare le medie sino al giro 14 quando è entrato in pit lane per montare la mescola più dura. Una volta tornato in pista Felipe ha commesso qualche sbavatura in frenata a causa delle gomme non ancora in temperatura, ma questo non gli ha impedito di sopravanzare Ilott e scappare in solitaria verso il primo successo in una Feature Race.

Ilott non ha potuto fare altro che accontentarsi del secondo gradino del podio, ma questo piazzamento vale moltissimo in ottica campionato.

L’inglese, nonostante un pit lento per problemi all’anteriore sinistra, ha guadagnato altri 6 punti a Mick Schumacher in classifica lasciando così aperti i giochi per il titolo sino al prossimo e decisivo appuntamento.

Il tedesco, come di consueto, è stato autore di una partenza semplicemente perfetta che l’ha visto recuperare immediatamente 5 posizioni.

Mick si è anche preso qualche rischio di troppo nel sopravanzare Zhou, danneggiando anche l’ala anteriore del cinese, per poi duellare duramente con Armstrong sino a piegare le resistenze del pilota della ART Grand Prix poche tornate dopo.

Schumacher, una volta salito in terza piazza, ha gestito al meglio le proprie coperture hard per poi effettuare la sosta obbligatoria al giro 20. Tornato in pista in sesta posizione, il pilota della Prema ha sfruttato il vantaggio della mescola più morbida per sopravanzare Shwartzman e daccapo il neozelandese.

Una volta giunto alle spalle di Daruvala, però, Mick ha trovato davanti a sé un muro invalicabile. L’indiano, senza nulla da perdere, ha lottato con i denti tirando ogni staccata al limite, mentre Schumacher ha preferito non correre rischi ed ha pensato a portare a casa i 12 punti della quarta posizione.

Alle spalle del tedesco si è registrato l’arrivo in volata tra Nikita Mazepin ed uno spettacolare Yuki Tsuonda. Il giapponese della Carlin, scattato dal fondo della griglia a causa del grave errore commesso in qualifica, è stato magistrale nella gestione delle Pirelli hard nella prima frazione della Feature Race, per poi sfruttare al massimo la mescola più morbida e recuperare posizioni come una furia.

Marcus Amstrong ha chiuso un sabato finalmente positivo con il settimo posto e domani avrà la possibilità di scattare dalla prima fila al fianco di Robert Shwartzman.

Il russo, dopo la deludente qualifica di ieri nella quale ha ottenuto il 14° tempo, ha dato il massimo in gara azzardando un pit anticipato al giro 11 per montare le hard. Un rischio che ha pagato se si considera che domani avrà modo di prendere il via della Sprint Race dalla pole per provare a riscattare una seconda metà di stagione decisamente opaca.

Ci si aspettava qualcosa di più da Dan Ticktum, specie considerando la terza posizione al via, ma l’inglese del team DAMS ha da subito accusato un elevato degrado delle coperture e non ha potuto fare altro che chiudere in nona posizione davanti a Jack Aitken.

Al termine della Feature Race la classifica vede Schumacher ancora al comando con 203 punti seguito da Ilott a quota 191, mentre Tsuonda ha consolidato la sua terza posizione salendo a 157 punti.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph Punti
1 Brazil Felipe Drugovich
Netherlands MP Motorsport 32 58'24.004 177.675 25
2 United Kingdom Callum Ilott
United Kingdom UNI-Virtuosi 32 58'38.837 14.833 14.833 176.926 18
3 India Jehan Daruvala
United Kingdom Carlin 32 58'43.380 19.376 4.543 176.698 15
4 Germany Mick Schumacher
Italy Prema Powerteam 32 58'44.274 20.270 0.894 176.653 12
5 Russian Federation Nikita Mazepin
United Kingdom Hitech Racing 32 58'52.297 28.293 8.023 176.252 10
6 Japan Yuki Tsunoda
United Kingdom Carlin 32 58'52.594 28.590 0.297 176.237 8
7 New Zealand Marcus Armstrong
France ART Grand Prix 32 58'55.365 31.361 2.771 176.099 6
8 Russian Federation Robert Shwartzman
Italy Prema Powerteam 32 59'07.872 43.868 12.507 175.478 4
9 United Kingdom Dan Ticktum
France DAMS 32 59'10.963 46.959 3.091 175.326 2
10 United Kingdom Jack Aitken
Spain Campos Racing 32 59'11.331 47.327 0.368 175.308 1
11 Brazil Pedro Piquet
Czech Republic Charouz Racing System 32 59'13.178 49.174 1.847 175.216
12 Italy Luca Ghiotto
United Kingdom Hitech Racing 32 59'13.298 49.294 0.120 175.210
13 Indonesia Sean Gelael
France DAMS 32 59'14.594 50.590 1.296 175.147
14 China Guan Yu Zhou
United Kingdom UNI-Virtuosi 32 59'17.779 53.775 3.185 174.990
15 Israel Roy Nissany
Italy Trident 32 59'17.820 53.816 0.041 174.988
16 Switzerland Louis Délétraz
Czech Republic Charouz Racing System 32 59'19.961 55.957 2.141 174.883
17 France Giuliano Alesi
Netherlands MP Motorsport 32 59'25.492 1'01.488 5.531 174.611
18 France Théo Pourchaire
Germany HWA AG 32 59'25.843 1'01.839 0.351 174.594
19 Denmark Christian Lundgaard
France ART Grand Prix 32 59'27.090 1'03.086 1.247 174.533
20 Japan Marino Sato
Italy Trident 32 59'29.580 1'05.576 2.490 174.411
21 Brazil Guilherme Samaia
Spain Campos Racing 32 59'30.760 1'06.756 1.180 174.354
22 Russian Federation Artem Markelov
Germany HWA AG 32 59'40.023 1'16.019 9.263 173.903

Christian Lundgaard, ART Grand Prix, precede Robert Shwartzman, Prema Racing

Christian Lundgaard, ART Grand Prix, precede Robert Shwartzman, Prema Racing
1/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dan Ticktum, Dams

Dan Ticktum, Dams
2/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Felipe Drugovich, MP Motorsport

Felipe Drugovich, MP Motorsport
3/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Guanyu Zhou, UNI-Virtuosi

Guanyu Zhou, UNI-Virtuosi
4/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Callum Ilott, UNI-Virtuosi, precede Guilherme Samaia, Campos Racing

Callum Ilott, UNI-Virtuosi, precede Guilherme Samaia, Campos Racing
5/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sean Gelael, DAMS Racing

Sean Gelael, DAMS Racing
6/22

Foto di: Team Jagonya Ayam

Sean Gelael, DAMS Racing

Sean Gelael, DAMS Racing
7/22

Foto di: Team Jagonya Ayam

Callum Ilott, UNI-Virtuos

Callum Ilott, UNI-Virtuos
8/22

Foto di: Formula Motorsport Ltd

Felipe Drugovich, MP Motorsport

Felipe Drugovich, MP Motorsport
9/22

Foto di: Formula Motorsport Ltd

Jack Aitken, Campos Racing

Jack Aitken, Campos Racing
10/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Jehan Daruvala, Carlin

Jehan Daruvala, Carlin
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Luca Ghiotto, Hitech Grand Prix, precede Giuliano Alesi, MP Motorsport

Luca Ghiotto, Hitech Grand Prix, precede Giuliano Alesi, MP Motorsport
12/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Luca Ghiotto, Hitech Grand Prix, precede Sean Galael, Dams

Luca Ghiotto, Hitech Grand Prix, precede Sean Galael, Dams
13/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing

Mick Schumacher, Prema Racing
14/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing

Mick Schumacher, Prema Racing
15/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mick Schumacher, Prema Racing, precede Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix, e Christian Lundgaard, ART Grand Prix

Mick Schumacher, Prema Racing, precede Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix, e Christian Lundgaard, ART Grand Prix
16/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix
17/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Roy Nissany, Trident, precede Marino Sato, Trident

Roy Nissany, Trident, precede Marino Sato, Trident
18/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Roy Nissany, Trident

Roy Nissany, Trident
19/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Robert Shwartzman, Prema Racing

Robert Shwartzman, Prema Racing
20/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix, precede Christian Lundgaard, ART Grand Prix, e Robert Shwartzman, Prema Racing

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix, precede Christian Lundgaard, ART Grand Prix, e Robert Shwartzman, Prema Racing
21/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix

Nikita Mazepin, Hitech Grand Prix
22/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

F2, Bahrain: Ilott si prende la pole, Schumacher decimo

Articolo precedente

F2, Bahrain: Ilott si prende la pole, Schumacher decimo

Articolo successivo

F2, Bahrain: Shwartzman torna al successo, disastro Ilott

F2, Bahrain: Shwartzman torna al successo, disastro Ilott
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie FIA F2
Piloti Felipe Drugovich
Team MP Motorsport
Autore Marco Di Marco