Ferrari Challenge | Al COTA via al 30° anno con il Trofeo Pirelli

La trentesima stagione del Ferrari Challenge Trofeo Pirelli prenderà ufficialmente il via nel fine settimana quando le oltre sessanta 488 Challenge Evo della serie North America si sfideranno sul Circuit of the Americas, ad Austin (Texas) per la prova inaugurale del 2022.

Ferrari Challenge | Al COTA via al 30° anno con il Trofeo Pirelli

Un traguardo storico, quello del campionato monomarca del Cavallino Rampante, che racconta una storia iniziata nell’autunno 1992 sulla pista del Mugello quando il Ferrari Challenge viene presentato ufficialmente assieme alla vettura che sarà la protagonista della serie, la 348 Challenge, nelle versioni TB e TS.

Padrino d’eccezione è Jean Alesi, all’epoca pilota della Scuderia Ferrari di F1. Le 348 Challenge si distinguono per un richiamo alla tradizione, quella che permetteva di trasformare una Ferrari stradale in una da corsa adottando un semplice kit.

La prima serie a prendere il via è quella italiana che debutta il 28 marzo sulla pista di Monza. Ad imporsi nella prima assoluta del Ferrari Challenge Trofeo Pirelli è Paolo Rossi, mentre in Gara 2 vince Roberto Ragazzi che, alla fine di quella stagione, diventerà il primo campione del Ferrari Challenge.

Dopo la serie europea nel 1993 e quella nordamericana nel 1994, nel 1995 inizia quella giapponese che dal 2012 amplia i suoi confini per diventare Asia Pacific. Nel 2019 prende infine il via la serie nazionale inglese, riservata ai piloti britannici.

Da allora, i circuiti più spettacolari e famosi del mondo hanno ospitato in quasi 900 gare più di 1000 piloti che si sono alternati al volante dei vari modelli che hanno fatto la fortuna del monomarca, come la F355 Challenge (1995), la 360 Challenge (2000), la F430 Challenge (2006), la 458 Challenge (2010) seguita dalla sua versione Evo (2014), fino ad arrivare alla 488 Challenge (2016) e all’attuale 488 Challenge Evo, presentata alle Finali Mondiali del 2019 al Mugello.

 

Oggi il Ferrari Challenge Trofeo Pirelli è una realtà che si sviluppa su tre serie continentali (Europe, North America, Asia Pacific) e una nazionale (United Kingdom), permettendo ai piloti che vi partecipano di sfidarsi in quattro categorie – Trofeo Pirelli e Trofeo Pirelli Am, Coppa Shell e Coppa Shell Am – in cui vengono divisi in funzione delle prestazioni e delle capacità al volante per garantire sempre il massimo equilibrio, spettacolo e divertimento in pista.

Il tutto senza dimenticare l’aspetto legato all’ambiente e alla sostenibilità che hanno consentito al Ferrari Challenge Europe di essere il primo monomarca europeo certificato secondo il sistema di gestione sostenibile degli eventi ISO 20121.

Il campionato, sanzionato dalla Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA), ha nello sponsor Pirelli il partner di eccellenza che, nel corso di questi trent’anni, ha equipaggiato in esclusiva le vetture partecipanti sviluppando pneumatici racing specifici.

Le gare del Ferrari Challenge vengono abitualmente proposte nei più importanti paesi da broadcaster internazionali, tra i quali il network Sky, partner della serie.

La prima tappa del Ferrari Challenge North America si disputerà questo fine settimana al COTA, quella del Ferrari Challenge Europe a Portimao dal 1 al 3 aprile, quella del Ferrari Challenge UK a Oulton Park il weekend del 6 e 7 maggio, mentre il Ferrari Challenge Asia Pacific scenderà in pista dal 20 al 22 maggio al Fuji.

Per celebrare questo anniversario, è stato realizzato un logo speciale che verrà applicato sulle vetture e sui materiali di comunicazione.

Griglia di partenza esaltante

Saranno 62 le Ferrari 488 Challenge Evo pronte per la bandiera verde al Circuit of The Americas, con molti volti noti e campioni del passato che tornano per una nuova stagione. Come sempre, ai veterani si affiancheranno diversi esordienti, freschi di diploma conseguito al programma Corso Pilota: nuovi concorrenti che aspettano con ansia di mostrare il proprio talento nel loro primo fine settimana di gare.

Per fare qualche nome: accanto ai protagonisti della serie come Marc Muzzo (Ferrari of Ontario) e Martin Burrowes (Ferrari of Quebec), troviamo stelle in rapida ascesa come Jeremy Clarke (Ferrari of Beverly Hills) e Manny Franco (Ferrari Lake Forest).

In Coppa Shell sono 37 le Ferrari 488 Challenge Evo che già stanno scaldando i motori in vista della prima gara del 2022. Alcuni nomi familiari come Roy Carroll (Foreign Cars Italia) e Lance Cawley (Ferrari of Atlanta) dovranno fare i conti con un buon numero di nuovi arrivi, molti dei quali, appena usciti con successo dal Corso Pilota.

Un raduno storico

Questo round inaugura ufficialmente il 30° anniversario del Ferrari Challenge, e per l’occasione il Circuit of The Americas ospiterà un raduno molto speciale: si potranno ammirare, infatti, le auto da corsa storiche che hanno impreziosito la serie in queste tre decadi.

Con le loro livree originali dell’epoca, le tante Ferrari affiancate l’una all’altra racconteranno questi 30 anni di storia, in mostra per gli spettatori e dislocate in tutto il paddock per l’intero fine settimana.

Non solo Challenge

Accanto a una griglia eccezionale di partecipanti, il Ferrari Challenge Trofeo Pirelli continua a crescere grazie al programma Club Challenge, che amplia l’offerta grazie all’opportunità di guidare le vetture del Ferrari Challenge di ogni epoca.

Durante il fine settimana al Circuit of The Americas saranno 19 i clienti pronti a guidare in pista le vetture della serie, godendo della stessa ospitalità ed assistenza dei piloti del monomarca.

Sessioni di pista dedicate, invece, per gli otto partecipanti al primo “Regional Event” del Club Competizioni GT, sei dei quali utilizzeranno la 488 GT Modificata che, su questo circuito, potrà sfruttare la sua enorme potenza e il carico aerodinamico ottimale per un’esperienza unica.

condividi
commenti
Pirelli fornirà un catalogo unico per tutte le categorie GT
Articolo precedente

Pirelli fornirà un catalogo unico per tutte le categorie GT

Articolo successivo

Pirelli, ecco il grande mondo del GT: "Sempre pronti a crescere"

Pirelli, ecco il grande mondo del GT: "Sempre pronti a crescere"