Alla fine a Macao si correrà con i motori vecchi

Alla fine a Macao si correrà con i motori vecchi

La FIA ha preferito "proteggere" le squadre europee, ma questo mette in difficoltà i giapponesi

Alla fine è prevalsa l'idea più logica, la stessa che spingeva Gerhard Berger due mesi fa, anche se questo andrà a scapito della partecipazione giapponese. A Macao si correrà ancora con i motori di vecchia generazione, quelli che seguono le regole vigenti fino al 2012 e ancora utilizzati con deroga in praticamente tutti i campionati di terza formula, ed eccezione del campionato giapponese, che ha optato per seguire le direttive FIA ed ha debuttato il 16 aprile a Suzuka con i propulsori di nuova concezione. Le nuove regole per la categoria permettono circa un 10% di potenza in più e consentono l'uso al fianco della tradizionale unità da 2L raffreddata ad aria ricavata da un motore produzione l'utilizzo di motori studiati apposta per un uso corsaiolo. Inizialmente si pensava di rendere Macao l'evento che sanciva il passaggio definitivo al nuovo regolamento per tutti, ma subito le squadre hanno messo in luce quanto fosse per loro impossibile preparare le vetture in tempo per spedirle nell'ex protettorato portoghese in Cina, visto soprattutto la conclusione tarda dell'Europeo. Da qui quindi la scelta di adeguare Macao alla maggioranza dei campionati, anche se questo metterà molto in difficoltà le squadre del Sol Levante, che addirittura si troveranno a dover riportare le vetture alle specifiche 2012 per una sola gara, se vorranno partecipare alla Coppa del Mondo di Formula 3.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati F3
Articolo di tipo Ultime notizie