Sainz junior (finalmente) da bandiera a bandiera

Sainz junior (finalmente) da bandiera a bandiera

Il madrileno conferma la strepitosa pole del mattino con una gara maiuscola su Stockinger e Sirotkin

Un volto volitivo, intenso, selvaggio, da conquistador spagnolo, sul quale stampare finalmente il sorriso che aspettava da quasi quarantott'ore. Con questa "maschera", Carlos Sainz junior è salito sul podio più alto del secondo round stagionale della Formula Renault 3.5. Il pilota di Madrid, che una fastidiosa panne elettrica aveva bloccato sulla griglia di partenza di Gara 1 infrangendo i suoi sogni di un esordio con vittoria, si è rifatto alla grande domenica mattina. Un toccasana anche per la classifica di campionato, ora ristrettissima, dal momento che il mattatore della prima frazione, Will Stevens (Strakka Racing), si è autoeliminato in un incidente alla decima tornata insieme a Will Buller (Arden). La monoposto della DAMS, che già nelle seconde qualifiche gli aveva permesso una pole position con oltre sette decimi di margine sugli avversari, è filata lungo i rettilinei e le veloci curve del circuito come un missile, gratificata anche dal giro più veloce staccato dal madrileno al ventesimo passaggio in 1'35"210. Ma la sua non è stata l'unica rivincita del fine settimana in Brianza, anzi. Ad accompagnarlo sul podio dell'Autodromo Nazionale di Monza sono stati altri due piloti meritevoli nonché desiderosi di rifarsi dai risultati di Gara 1: il filippino Marlon Stockinger, già secondo in griglia, ha piazzato la monoposto francese del team Lotus Charouz al ruolo d'onore, dimenticando la 14esima posizione e la penalità per sorpasso in regime di neutralizzazione di Gara 1, mentre la medaglia di bronzo è andata a un Sergey Sirotkin (Fortec) non soltanto risalito rispetto alla terza fila dello schieramento, ma anche progredito rispetto alla settima piazza del sabato, grazie probabilmente a una nuova unità motrice montata. La quarta posizione, a dimostrazione del fatto che talvolta i doppi salti di categoria possono funzionare, è stata appannaggio di un Luca Ghiotto (Draco) positivo e subito capace di guadagnare quattro posizioni alla prima curva, dall'ottava alla quarta, di sopravvivere a un contatto con il russo Sirotkin e, soprattutto, di respingere in seguito gli assalti di un altro debuttante con gli occhi di tutti puntati addosso, Pierre Gasly (Arden), fresco campione in carica dell'Eurocup di Formula Renault 2.0. Roberto Merhi, accordatosi in extremis con la Zeta Corse e immediatamente a podio in Gara 1, ha strappato la nona piazza finale, davanti al quarto miglior rookie di Gara 2, Oliver Rowland (Fortec). La top 8 della corsa brianzola è stata completata da Nikolay Martsenko (Comtec), Jazeman Jaafar (ISR) e dal brasiliano Pietro Fantin (Draco), protagonisti di un continuo scambio di posizioni con il malese costretto ad arrendersi al russo all'ultimo passaggio, mentre sono state ridimensionate da una piroetta finale le ambizioni della lady Beitske Visser (AVF), che pure aveva sfiorato la tredicesima piazza e che in seguito ha dato battaglia a Roman Mavlanov (Zeta Corse) per la quindicesima. Il campionato (dopo 2 gare): Piloti: 1. Sainz junior, Gasly e Stevens 25 punti; 4. Sirotkin 21; 5. Mehri 20; 6. Stockinger e Martsenko 18; 8. Ghiotto e Buller 12; 10. Rowland 9; 11. Jaafar 6; 12. Fantin e Amberg 4; 14. Van Buuren 2; 15. Laine 1. Team: 1. Arden 37 punti; 2. Fortec 30; 3. Strakka 26; 4. DAMS 25; 5. Zeta Corse 20; 6. Comtec e Lotus 18; 8. ISR 6; 9. AVF 4.

World Series by Renault - Monza - Gara 2

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula V8 3.5
Piloti Marlon Stockinger , Carlos Sainz Jr. , Sergey Sirotkin
Articolo di tipo Ultime notizie