Gara 1: Orudzhev trionfa in solitaria, Deletraz vede il titolo

Successo mai messo in discussione per il russo del team Arden autore di una partenza perfetta. Deletraz coglie un secondo posto fondamentale per il campionato e precede Tom Dillmann. Matthieu Vaxiviere costretto al ritiro.

Gara 1: Orudzhev trionfa in solitaria, Deletraz vede il titolo

E' Egor Orudzhev il vincitore della penultima gara stagionale della Formula V8 3.5 andata in scena sul tracciato di Barcellona.

Il russo del team Arden ha colto un successo ampiamente meritato, complice una partenza perfetta dalla quinta casella che l'ha portato subito in prima posizione. Orudzhev ha approfittato dell'assenza in griglia di Aitken, costretto all'avvio dalla corsia dei box dopo aver stallato, ed ha superato di forza Vaxiviere e Dillmann per poi involarsi in solitaria sino alla bandiera a scacchi.

Emozionante è stata la lotta per i restanti gradini del podio che ha visto Deletraz imporsi sul diretto rivale in campionato Tom Dillmann. Il rookie svizzero è stato autore di una grande rimonta dalla quarta posizione che l'ha visto avere la meglio prima di Vaxiviere e successivamente di Dillmann.

Proprio la lotta con il francese del team AVF merita di essere analizzata per l'intelligenza tattica mostrata da Deletraz. Il pilota del team Fortec ha pressato costantemente il rivale controllando anche il degrado degli pneumatici. Al giro 18 Deletraz ha sferrato l'attacco decisivo, affiancando Dillmann all'esterno della prima curva e costringendo il francese all'errore.

Dillmann, infatti, ha ritardato eccessivamente la frenata, bloccando l'anteriore destra, ed ha tagliato la prima curva vedendosi costretto a far passare il rivale in campionato.

Per il pilota del team AVF non c'è stata più occasione di accodarsi a Deletraz e nel finale ha dovuto controllare negli specchietti un Aurelien Panis decisamente più veloce ma alla fine quarto.

Da dimenticare la gara di Vaxiviere. Il francese, dopo essere retrocesso in terza posizione, ha mostrato un passo gara insoddisfacente che l'ha visto scalare in sesta piazza prima di riportare la vettura ai box per un amaro ritiro.

Ad approfittare della battuta a vuoto del pilota del team SMP Racing sono così stati Isaakyan, sesto, Vitor Baptista e Pietro Fittipaldi. 

Ha recuperato sino al nono posto conclusivo Roy Nissany, ma l'israeliano non ha mai avuto la possibilità di attaccare Yu Kanamaru, ottavo, e nel finale ha dovuto controllare la pressione di Beitske Visser.

Aitken, dopo l'ottima qualifica, ha palesato ancora una volta problemi in avvio. Dopo il primo giro di formazione il britannico ha stallato in griglia costringendo la direzione gara a far ripetere la procedura. Partito dalla pit lane, il pilota del team RP Motorsport ha concluso in undicesima posizione.

Al termine del round odierno la classifica vede Deletraz ancora al comando con 218 punti, seguito da Dillmann con 212, mentre Orudzhev è adesso salito in terza piazza con 191 punti davanti a Panis e Vaxiviere.

condividi
commenti
Dillmann beffa Vaxiviere e centra la pole per Gara 1 a Barcellona

Articolo precedente

Dillmann beffa Vaxiviere e centra la pole per Gara 1 a Barcellona

Articolo successivo

Louis Deletraz ci crede e conquista allo scadere la pole per Gara 2

Louis Deletraz ci crede e conquista allo scadere la pole per Gara 2
Carica i commenti