Wolff: "Ogni valutazione 2022 inizia solo con Hamilton"

In occasione della presentazione della W12, il team principal della Mercedes ha parlato soprattutto di mercato, dicendo che al momento non ci sono particolari "flirt" e che la priorità in chiave 2022 sono Lewis Hamilton e Valtteri Bottas. Ma quel che è certo è che questa volta per definire la formazione non ci sarà un'attesa lunga come quella vissuta nel 2020.

Wolff: "Ogni valutazione 2022 inizia solo con Hamilton"

Riecco il tormentone. Dodici mesi dopo a cambiare sono solo le date, ma gli attori protagonisti (Lewis Hamilton da una parte e Toto Wolff dall’altra) sono sempre gli stessi. Nel giorno in cui la Mercedes ha presentato la monoposto con cui affronterà il Mondiale 2021, a tenere banco nella conferenza stampa di Wolff (la prima della stagione) è stato il futuro del tandem campione del mondo.

L’interesse mediatico è così alto che a meno di un mese della conferma del rinnovo per la stagione 2021 si parla già di 2022, e di quali saranno le decisioni che saranno prese da entrambe le parti in causa, con l’unica certezza che in questo caso le trattative non si protrarranno oltre metà estate. Wolff ha risposto fortunatamente anche a qualche altra domanda, riguardanti le difficoltà emerse con il sistema di lavoro "budget cap", la novità della sprint race e la fiducia nella nuova power unit.

Credi che Lewis abbia ancora quella determinazione che lo hanno portato alla conquista dei suoi titoli Mondiali? C’è il rischio che inizi a guardare troppo altrove?
“Non ho alcun dubbio sul suo impegno. Per prima cosa gli piace correre, molto, e poi ci piace lavorare insieme. Ma trovo che abbia assolutamente ragione quando sottolinea che i tempi cambiano, ci sono nuove priorità per tutti nel modo in cui dobbiamo vivere o in merito alla nostra salute. È molto dedicato alle sue iniziative contro il razzismo e la disuguaglianza, e poi abbiamo questo enorme cambiamento di regolamento nel 2022 che darà una nuova forma al futuro della Formula 1. Non penso che quest’ultimo aspetto avrà un ruolo nelle decisioni che prenderà, ma allo stesso tempo credo che sia giusto per un pilota che ha vinto sette titoli Mondiali concedersi la possibilità di decidere cosa vuole fare in futuro, che si tratti di corse o meno”.

La filosofia del team Mercedes ha sempre incoraggiato le innovazioni. Come farete convivere questa vostra caratteristica con i limiti di budget? Ci sarà ancora spazio per l’innovazione?
“Non abbiamo mai sprecato soldi, abbiamo sempre avuto una priorità nelle scelte. Ma il budget cap ci ha portato in un nuovo modo di operare semplicemente perché prima non c’era un limite di spesa imposto. Sotto certi aspetti ovviamente un tetto c’è sempre stato, ma ora devi essere molto preciso per restare entro i limiti imposti, e questo significa che devi pianificare con attenzione i vari processi, valutando quali sono i costi di ogni singolo pezzo. Ma crediamo che questo sia un vantaggio in termini di prestazioni, perché ci obbliga a ripensare a tutto ciò che facciamo e a come lo facciamo, e significherà che dedicheremo maggiore attenzione alle aree che riteniamo possano portare il maggior rendimento”.

Lo scorso anno nell’ultimo GP ad Abu Dhabi ti abbiamo sentito in qualifica incitare Valtteri via-radio. Credi che lo farai ancora nel 2022 e credi possa funzionare anche con Lewis?
“Tutti i piloti sono diversi e conosco Valtteri da più di dieci anni. Apprezzo come si prepara alle gare, è un ragazzo che stimo molto, e siamo giunti alla conclusione che dobbiamo parlare di più, comunicare tra noi. Con tutte le distrazioni che abbiamo e tutti i compiti da svolgere, a volte durante una stagione molto intensa finisce che non parliamo abbastanza. Questo è un aspetto che vogliamo cambiare, e coinvolge anche le comunicazioni via-radio. Il che per me non è affatto un problema, anzi, mi piace. Per quanto riguarda Lewis, è un pilota diverso e cercheremo di fare ciò che è meglio per lui”.

Leggi anche:

Per quale motivo non è stato confermato il tradizionale filming-day a Silverstone? Lo farete su altre piste?
“Il motivo è che a Silverstone…piove sempre, quindi abbiamo deciso di risparmiarci una giornata sotto una pioggia gelata. Il filming day è programmato il martedì dopo i test e prima del GP del Bahrain, credo che questa volta riusciremo a fare delle riprese senza pioggia!”.

Non trovi un po' atipico affrontare una stagione con entrambi i piloti in possesso di un contratto per un solo anno?
“Credo che se Lewis continuerà a correre lo farà con noi, e parleremo di questo in tempi brevi. In merito a Valtteri sappiamo esattamente quello che abbiamo e lo apprezziamo. Allo stesso tempo il panorama cambia, con nuove auto, nuovi regolamenti e dobbiamo prendere la decisione giusta per la squadra nel lungo periodo. Ma inizieremo le discussioni con i nostri due piloti attuali, e poi si vedrà come andrà”.

Saresti disposto ad attendere una decisione fino all’assegnazione del titolo Mondiale?
“Abbiamo convenuto di voler riprendere le discussioni molto presto per evitare il ripetersi di una situazione come quella del 2020, in cui praticamente avevamo esaurito il tempo a disposizione, ed è anche per questo che abbiamo stipulato un contratto di un solo anno. Presto torneremo a parlare di futuro, nelle corse e fuori dalle corse e ci prenderemo il tempo necessario. Quello che abbiamo deciso è di parlare del futuro poco dopo l’inizio del Mondiale, e non certo alla fine della stagione”.

L'impressione è che la decisione sia nelle mani Lewis, confermi? Su questo argomento Horner ha dichiarato recentemente che se Lewis decidesse di non continuare Max sarebbe in cima alla tua lista…
“Con Lewis abbiamo una relazione molto aperta, l’abbiamo sempre avuta e sarà così anche in futuro. Max è un pilota giovane e dal talento eccezionale, e credo che sarà sul radar di tutti, ma come ho detto prima, non stiamo flirtando con altri candidati e non ci muoveremo fino a quando non sarà chiara la situazione con i due nostri attuali piloti”.

Avete già programmato il passaggio delle risorse sulla monoposto 2022?
“In realtà questo passaggio accade ogni anno, ovvero il bilanciamento tra il lavoro di sviluppo sulla monoposto che si sta utilizzando e le risorse che si vogliono dedicare alla vettura della stagione successiva, ma diciamo che in ottica 2022 questo argomento diventa più critico a causa della portata dei cambiamenti. Sarà fondamentale trovare il giusto equilibrio, ma oggi non ho una risposta, credo che sarà un argomento su cui ci aggiorneremo ogni singola settimana”.

In merito a Bottas hai detto ‘sappiamo esattamente cosa abbiamo’. Significa che siete coscienti che oltre il livello visto finora non può esprimersi?  E quali valutazioni avete fatto in merito al futuro di Russell?
“In merito a Valtteri abbiamo visto prestazioni fantastiche negli ultimi anni, ma è mancata la costanza nell’arco tutta la stagione. Confermo che avrà sempre un supporto incondizionato da parte della squadra per poter dare il meglio di sé, Valtteri sa bene che il futuro è nelle sue mani. Per quanto riguarda George, anche nel suo caso conosciamo il suo valore, lo aspetta un grande futuro, ma in merito ai programmi tutto dipenderà da come si evolverà la situazione in Mercedes nell’arco di questa stagione”.

Mattia Binotto recentemente ha confermato che non sarà presente a tutte le gare in calendario. Anche nel tuo caso è prevista qualche assenza?
“Non so ancora, e non conosco i motivi di Mattia. Ogni squadra ha una sua organizzazione, e non conosco quella della Ferrari”.

Leggi anche:

Negli ultimi tempi sono circolante indiscrezioni in merito a problemi di affidabilità emersi durante le prove della nuova power unit. C’è preoccupazione in merito?
“Non abbiamo avuto problemi particolari, ma ovviamente se durante le procedure di test completi dei long-run alla massima potenza è perché vuoi imparare qualcosa sul fronte dell’affidabilità. Ma è tutto sotto controllo, abbiamo lavorato molto sul raffreddamento, un aspetto che in passato ci ha creato qualche grattacapo. Credo che nel complesso si sia fatto un grande passo avanti”.

Che posizione hai in merito alla proposta delle gare sprint? Lo scorso anno fu di fatto la Mercedes a bloccare l’idea della griglia invertita.
“Il sistema della griglia invertita credo che non debba esserci in nessun sport basato sulla competizione. È vero che per il pubblico siano intrattenimento, ma nel momento in cui dovessimo scivolare verso lo spettacolo alla Hollywood, perderemmo molta credibilità come sport, quindi non credo che tutte le decisioni che mirano ad aumentare lo show siano giuste per la Formula 1. È sempre necessario un bilanciamento tra ciò che il pubblico vuole vedere e il DNA del nostro sport, ovvero un pilota e una macchina che sfidano avversari in una competizione che premia il migliore di loro. Detto questo, le gare sprint sono un format interessante, un esperimento che credo debba essere fatto.  Ho visto che in altre serie, come ad esempio il DTM, la gara del sabato ha comportato un aumento del pubblico quasi del cento per cento, con benefici importanti. Se si riuscisse a concretizzare questa proposta senza creare un finto spettacolo, allora non vedo perché non provare. Personalmente non sono sicuro che possa portare solo novità positive, perché le qualifiche oggi premiano il binomio macchina/pilota migliore, mentre in una gara sprint c’è sempre il rischio di imprevisti che possono avere un impatto enorme sulla griglia di partenza di domenica. Sicuramente creerà anche polemiche, ma concedere a questa idea una prova in tre weekend nel corso del 2021 penso che si possa fare”.

Se Lewis deciderà di proseguire la sua carriera in Formula 1 oltre il 2021, sarà il pilota numero 1 nella tua lista?
“Considerando i traguardi che abbiamo raggiunto insieme, il tipo di rapporto costruito nel tempo e la fiducia reciproca, credo che possiate capire abbastanza facilmente le nostre intenzioni. Ogni valutazione sul 2022 inizierà sempre e solo con Lewis”.

Mercedes AMG F1 W12

Mercedes AMG F1 W12
1/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12

Mercedes AMG F1 W12
2/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12

Mercedes AMG F1 W12
3/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12

Mercedes AMG F1 W12
4/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettagli

Mercedes AMG F1 W12 dettagli
5/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettagli

Mercedes AMG F1 W12 dettagli
6/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettagli

Mercedes AMG F1 W12 dettagli
7/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettagli

Mercedes AMG F1 W12 dettagli
8/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettagli

Mercedes AMG F1 W12 dettagli
9/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettaglio del muso

Mercedes AMG F1 W12 dettaglio del muso
10/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettaglio del posteriore

Mercedes AMG F1 W12 dettaglio del posteriore
11/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettaglio della sospensione anteriore

Mercedes AMG F1 W12 dettaglio della sospensione anteriore
12/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettagli

Mercedes AMG F1 W12 dettagli
13/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettagli

Mercedes AMG F1 W12 dettagli
14/15

Foto di: Daimler AG

Mercedes AMG F1 W12 dettaglio ala anteriore

Mercedes AMG F1 W12 dettaglio ala anteriore
15/15

Foto di: Daimler AG

condividi
commenti
Fotogallery F1: la Alpine A521 di Alonso e Ocon per il 2021

Articolo precedente

Fotogallery F1: la Alpine A521 di Alonso e Ocon per il 2021

Articolo successivo

Alpine: Daniil Kvyat è il pilota di riserva per il 2021

Alpine: Daniil Kvyat è il pilota di riserva per il 2021
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento Presentazione Mercedes
Sotto-evento Presentazione
Team Mercedes
Autore Roberto Chinchero