Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
45 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
52 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
66 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
80 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
94 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
101 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
115 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
129 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
136 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
150 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
157 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
171 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
185 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
213 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
220 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
234 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
241 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
255 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
269 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
276 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
290 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
304 giorni

Wolff: "Mercedes si evolve e non frena il talento che emerge"

condividi
commenti
Wolff: "Mercedes si evolve e non frena il talento che emerge"
Di:
20 dic 2019, 10:38

Il team principal della Mercedes ha spiegato che, seppur all'insegna della stabilità, c'è stata una continua evoluzione che ha permesso di centrare sei doppi Mondiali consecutivi. Il 2019 però è stato anche un anno duro per la perdita di Niki Lauda.

Alla vigilia dello stop delle attività per le festività natalizie, Toto Wolff ha fatto il punto sulla trionfale stagione 2019 lanciando un’occhiata anche al futuro, nel medio e lungo periodo.

Al netto del valore aggiunto garantito dai piloti, i primi trionfi dell’era Mercedes ‘ibrida’ esaltarono il lavoro svolto sulla power unit, poi negli anni è emerso il ruolo di una monoposto diventata un riferimento, e negli ultimi tempi anche il lavoro corale di una squadra forse non celebrata nel suo complesso come merita.

Una struttura che è alla base dei dodici titoli Mondiali conquistati in sei anni dalla Mercedes, sviluppandosi nel tempo con l’innesto di nuovi arrivi e assorbendo senza scossoni la partenza di figure di spicco. 

"Penso che ci sia una ragione se, come confermano i numeri, è sempre molto difficile vincere molti titoli Mondiali consecutivi – ha spiegato Wolff - ovviamente è importante mantenere la squadra unita e compatta, ma allo stesso tempo bisogna considerare che un team è una struttura dinamica che deve evolversi, e come tale credo che diventi cruciale saper esaminare i livelli di motivazione ed energia di ciascun componente".

"È importante mantenere nella squadra l'anzianità e il know-how, inteso come esperienza, ma allo stesso modo non bisogna creare un collo di bottiglia che rischia di frenare il talento che emerge. Credo che su questo punto siamo riusciti nel tempo a fare un buon lavoro, soprattutto considerando che è qualcosa che non è mai stato fatto prima perché effettivamente molto difficile da mettere in pratica".

"Poi c’è l’aspetto motivazionale – ha proseguito Wolff - a partire dal 2014, ogni anno abbiamo cercato di fissare degli obiettivi ambiziosi, in grado di motivarci. Alla vigilia del 2019 il target era quello di vincere un sesto doppio titolo Mondiale consecutivo, impresa che non era mai stata fatta prima in Formula 1, e credo, se non sbaglio, neanche in altri sport a livello Mondiale. Questo era l'obiettivo che ci ha spronato ad andare avanti anche nei giorni difficili, nei fine settimana che non si sono svolti come ci aspettavamo. Ed è qualcosa che ci ha davvero tenuti motivati per tutto l'anno".

I giorni difficili non sono mancati, ad iniziare dalla débâcle di Hockenheim davanti al board Mercedes presente al completo, fino alla ripresa dell’attività dopo la pausa estiva, che ha visto una ‘tripletta’ Ferrari. "Dopo quei weekend si è sentita subito la differenza dell'umore in fabbrica – ha ammesso Wolff - è sorprendente, ma si sente un forte ronzio nei reparti. Dopo i fine settimana difficili tutto hanno sentito di dover spingere ancora di più e lavorare nella giusta direzione".

Leggi anche:

Il vuoto lasciato da Lauda

"Niki era molto malato dall'estate 2018, ma quando siamo stati informati della sua scomparsa non eravamo comunque pronti ad accettare che non sarebbe stato più con noi. Penso a lui ogni giorno ed è surreale che non faccia più parte della squadra. Nel 2019 abbiamo vinto due titoli Mondiali, ma per noi sarà sempre l'anno in cui abbiamo perso Niki". Il legame tra Wolff e Lauda è andato oltre i ruoli professionali, diventando un altro passaggio importante nella definizione dell’organigramma del team Mercedes F1.

"Il rapporto tra me e Niki è cresciuto anno dopo anno, e alla fine era il mio più stretto confidente, l’amico e lo sparring partner. Mi manca molto, dal viaggiare insieme per andare in pista al sapere che avrei sempre potuto avere la sua opinione su qualsiasi faccenda. Col tempo il gruppo assorbirà questa perdita, ma l’amico mi mancherà per sempre".

Hamilton-Bottas, la coppia perfetta

"Sappiamo bene che un pilota affronta una stagione perseguendo l’obiettivo di tutti i top-driver: vincere il campionato del mondo di piloti. E un aspetto che a volte può creare tensione perché gli obiettivi non sono sempre allineati con quelli della squadra, ed è per questo che sono orgoglioso di essere riuscito negli ultimi anni a portare l’obiettivo del team davanti a tutto e tutti. Ci sono stati alti e bassi, ovviamente, ma il contributo arrivato dai nostri piloti nel raggiungimento degli obiettivi è stato molto importante".

"Valtteri e Lewis lavorano davvero bene insieme, si spingono a vicenda e abbiamo visto che entrambi nel 2019 abbiamo concluso una buona stagione. Ovviamente solo Lewis è il campione del Mondo piloti, ma Valtteri è sempre stato li, ha vinto gare e penso che sia cresciuto come pilota. Questa è una dinamica davvero positiva per il team, non facile da ottenere, ed ha contribuito molto al raggiungimento dei nostri obiettivi".

Scorrimento
Lista

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1
1/15

Foto di: Daimler AG

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
2/15

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, lascia il podio con il trofeo

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, lascia il podio con il trofeo
3/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
4/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggia la vittoria

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggia la vittoria
5/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Peter Bonnington, ingegnere di pista, Mercedes AMG, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggiano

Peter Bonnington, ingegnere di pista, Mercedes AMG, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggiano
6/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, lascia il podio con il trofeo

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, lascia il podio con il trofeo
7/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggia con il suo team

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, festeggia con il suo team
8/15

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, lascia il podio con il trofeo

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, lascia il podio con il trofeo
9/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato e campione del mondo 2019, festeggia con il suo team

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato e campione del mondo 2019, festeggia con il suo team
10/15

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, e Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, spruzza Champagne sul podio

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, primo classificato, e Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo classificato, spruzza Champagne sul podio
11/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
12/15

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, secondo clasificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, primo classificato, festeggia sgommando

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15, secondo clasificato, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, primo classificato, festeggia sgommando
13/15

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
14/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
15/15

Foto di: Daimler AG

Articolo successivo
F1 2019: record di 200.000 presenze per il GP d'Italia a Monza!

Articolo precedente

F1 2019: record di 200.000 presenze per il GP d'Italia a Monza!

Articolo successivo

Verstappen: “Cosa mi impressiona di Honda? L'affidabilità”

Verstappen: “Cosa mi impressiona di Honda? L'affidabilità”
Carica i commenti