Wolff: "La Formula 1 è meglio senza un pensiero a breve termine"

Con il ritiro di Frank Williams, Toto Wolff è ora il team principal attualmente attivo più vincente in Formula 1. Tra le varie responsabilità motoristiche è inclusa la Formula E, da cui i suoi avversari BMW e Audi hanno annunciato lo scioccante ritiro. Il sette volte campione del mondo dei team come vede il futuro di entrambe le categorie e qual è la sua visione del motorsport di domani?

Wolff: "La Formula 1 è meglio senza un pensiero a breve termine"

Nell’ultima #ThinkingForward, abbiamo parlato con Toto Wolff del ruolo dei costruttori nel futuro dello sport, dell’eventuale confronto fra l’ibrido e l’elettrico nelle corse e se la Formula 1 dovesse avere un salary cap.

Ma iniziamo con la Formula 1 e con tutto ciò che è successo quest’anno, il Patto della Concordia, il budget cap, la ripresa delle corse dopo il lockdown. Wolff pensa che la Formula 1 sia in una forma migliore a causa delle lezioni imparate dalla crisi? Questa forma aiuterà nel futuro?

TW: Ovviamente è stato un anno difficile da un punto di vista sportive. Ma principalmente, per quanto mi riguarda, penso che nessuno di noi a Capodanno saluterà il 2020 dicendo ‘è stato un grande anno’. Ma credo, in base alla mia mentalità da squadra, che si impari maggiormente dalle situazioni dolorose. In questo senso, sarei d’accordo con voi sul fatto che lo sport ne uscirà più forte. Siamo riusciti a mettere insieme un calendario grazie alla FIA, alla FOM e alle squadre che hanno collaborato in maniera costruttiva. Abbiamo ridotto i costi tutti insieme. Siamo uno dei pochi sport al mondo che è riuscito a farlo e credo che questa sarà la nostra forza nel futuro.

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, con il trofeo per il costruttore

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, con il trofeo per il costruttore

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

Da un punto di vista strategico, un futuro di successo per la Formula 1 vede ovviamente i team, la FIA e la F1 allineati sull’idea di cosa vogliono che questo sport sia. Gli appassionati trovano entusiasmanti questo prodotto e le loro personalità. Cinque anni fa, credo che nessuno di noi avrebbe detto che fossimo su questa strada. Ma com’è ora il percorso che stiamo facendo?

TW: Credo che siamo nella giusta direzione, contro tutte le avversità, stiamo crescendo a livello televisivo sia gratis sia con le Pay-TV. Anche la collaborazione con Netflix è stata un successo, abbiamo raccolto nuovo pubblico. Il lato social è un aspetto che cresce, è lo sport più in crescita a livello globale, ovviamente dai livelli più bassi rispetto ad alcuni nostri omologhi americani. La parte di crescita più ampia riguarda la fascia d’età fra i 15 e i 36 anni e possiamo vederlo e sentirlo ogni giorno. Direi che in questo senso siamo anche in una posizione migliore rispetto a cinque anni fa. Le decisioni non sono più prese a lungo termine come fatto in passato. Ma prendiamo decisioni a medio e lungo termine, questo evita polemiche sul ‘chi ne trae vantaggio oggi o domani’. Credo che nel complesso siamo in una posizione migliore.

Toto Wolff, Direttore Esecutivo (Business), Mercedes AMG

Toto Wolff, Direttore Esecutivo (Business), Mercedes AMG

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

Una delle grandi cose che cambieranno il volto della Formula 1 è il contenimento dei costi, abbiamo già visto un impatto a breve termine; l’alleanza tra la Ferrari e la Haas sta cambiando, per esempio con il telaista Simone Resta che passa in Haas e con lo staff che si allea con i piloti, come Mick Schumacher.

TW: Simone Resta è stato impegnato in altri team partner in passato, coma Sauber Alfa Romeo. Probabilmente è uno degli ingegneri più forti nell’ambito. In questo senso, è un guadagno per Haas e lo è stato per Sauber in passato. Nel complesso dunque, credo che i rapporti che i team hanno gli uni con gli altri – essere in collaborazione, come menzionato prima, o in cooperazione come noi con McLaren, a cui forniamo la power unit – sia importante per l’economia. Penso che questi team traggano vantaggio dai grandi costi di ricerca e sviluppo che sono stati investiti negli anni dai costruttori. Dall'altro lato, siamo in grado di rifinanziare alcuni dei nostri costi operativi. È una situazione vantaggiosa per tutti e credo che questa sia la strada da seguire. Ovviamente, dobbiamo considerare gli OEM o i team che non hanno questo tipo di relazioni oggi e non finire in una situazione in cui c'è un'enorme discrepanza. Quindi oggi dobbiamo allinearci sui punti di vista a lungo termine, probabilmente l'80% dei team ha queste collaborazioni. Quindi spero che in futuro tutti possano trarre benefici diversi dai motivi che ho esposto in precedenza.

Nyck De Vries, Mercedes Benz EQ

Nyck De Vries, Mercedes Benz EQ

Photo by: Alastair Staley / Motorsport Images

Parlando del ruolo dei costruttori, abbiamo visto alcuni movimenti nei principali campionati quest’anno: Honda ha deciso che non sta più bene in Formula 1. In Formula E BMW e Audi si sono ritirate. Vedi questa cosa come parte del flusso e riflusso naturale dei produttori nei campionati? O è l’inizio di una rivalutazione più grande delle corse?

TW: Credo che ci siano diverse ragioni dietro all’andare e al venire. La principale è il ritorno degli investimenti. Se non sei in grado di generare profitti, sia dal punto di vista del branding o del marketing, o del trasferimento di tecnologia, o semplicemente in termini finanziari, prima o poi le persone del consiglio di amministrazione diranno ‘perché lo stiamo facendo?’. Questo è assolutamente chiaro. Bisogna ricavarne qualcosa. Se i profitti non sono abbastanza buoni per lo standard del settore, o rispetto alle altre attività impiegate, un giorno bisognerà staccare la spina da queste attività. Inoltre, se non si ha successo, e nemmeno il lato del branding ne trae vantaggio, se fossi nel consiglio di amministrazione, prenderei in considerazione anche questo. Ma la differenza tra il modo in cui noi (Mercedes) guardiamo alle cose nelle corse automobilistiche è che consideriamo lo sport come il nostro DNA; costruiamo auto da strada, e costruiamo auto da corsa, e la prima auto della Mercedes è stata in realtà un'auto da corsa. Non cambiamo idea ogni anno sulla base del successo o del fallimento. Abbiamo attraversato vari periodi di sofferenza come Mercedes in Formula 1, come fornitore di motori, ma anche come team. Se si guarda agli anni dal 2010 al 2013, tre stagioni complete, non eravamo competitivi, e solo nel 2013 le probabilità sono cambiate un po' prima di avere successo nel 2014. C'è una cosa che tutto il capitale e tutte le risorse non possono comprare in Formula 1 ed è il tempo. Bisogna avere pazienza, bisogna avere una visione a lungo termine per poterne trarre beneficio in futuro. A livello di consiglio di amministrazione le persone vanno e vengono, oppure le persone si muovono con quello che i mercati vogliono - la storia dell'elettricità - le aziende possono muoversi in questo modo. Io lo accetto pienamente; se fossi nella loro situazione, lo prenderei in considerazione. Ma la Daimler non è mai stata così. Ed è per questo che oggi siamo in Formula 1 e ovviamente con il successo che abbiamo avuto. Avremmo potuto essere fuori dallo sport nel 2013, se non fossimo stati in grado di affrontare gli anni complicati.

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 02

Stoffel Vandoorne, Mercedes Benz EQ, EQ Silver Arrow 02

Photo by: Sam Bloxham / Motorsport Images

Guardando alla Formula E, in particolare, molti costruttori hanno partecipato la scorsa stagione, ma l'attuale azienda di veicoli elettrici di riferimento, Tesla, non compete in questo sport. Questo influenza il pensiero sulla necessità di far parte di una serie di gare elettriche?

TW: Perché gli OEM o le aziende automobilistiche competono nelle corse automobilistiche o investono in piattaforme di marketing o nel branding? Perché vogliono semplicemente aggiungere il brand equity e il valore del brand equity alle loro aziende. Vogliono essere percepiti in un certo modo. Comprare un'auto è un compito emotivo; spesso si spiega con un pensiero razionale: "Compro quest'auto perché è senza emissioni di carbonio". Ma in realtà sto comprando quest'auto perché voglio far sapere al mondo come vedo me stesso piuttosto che chi sono veramente. Quindi è tutto un esercizio di marketing. E Tesla lo fa. Elon Musk è il capo del marketing e la cheerleader capo della sua azienda. È sinonimo di avanguardia, di innovazione, di imprenditorialità ed è una rock star, si può dire. Ed è stato un pioniere della mobilità elettrica. Non hanno bisogno di piattaforme di marketing, perché Tesla e il loro proprietario e CEO rappresentano il loro marketing. Le aziende che hanno una storia molto più lunga nel settore automobilistico, hanno sempre giocato sulle piattaforme di marketing per caricare il fattore emozionale sul loro marchio. E da questo punto di vista, queste piattaforme hanno una certa rilevanza. Mercedes ha sicuramente beneficiato negli ultimi anni del nostro successo in Formula Uno, siamo sportivi, abbiamo un'immagine sportiva oggi, siamo considerati dinamici. Tutto ruota intorno al lavoro di squadra, e alla mentalità che sta dietro a tutto questo e su una piattaforma globale. A questo si aggiunge il fattore più importante, le buone auto, poi tutti i lavori si intrecciano. E i benefici del marchio, i benefici del marketing e le vendite di auto e i loro margini beneficeranno di queste attività. Quindi tutto dipende dalla vostra decisione. Quali sono le piattaforme di marketing che vorrei utilizzare? E come posso caricare il fattore emotivo nella decisione di acquistare un'auto?

Toto Wolff, Mercedes AMG F1 Director of Motorsport

Toto Wolff, Mercedes AMG F1 Director of Motorsport

Photo by: Mercedes AMG

La strategia della Formula Uno, nel frattempo, è quella di lavorare sui carburanti sostenibili e raddoppiare le auto ibride con motore a combustione interna che rimarranno in circolazione per molto tempo dopo che le vendite dei nuovi veicoli saranno state vietate in molti paesi sviluppati dai loro governi. Come si presenta questo aspetto per i produttori? E produrrà ancora veicoli con motore a combustione interna tra 10, 15 e più anni?

TW: Penso che quello che abbiamo visto negli ultimi anni è che non si può prevedere dove sarà l'industria nel 2030. I dati di oggi, e anche quelli più dinamici, mostrano che, invece di avere il 30% di veicoli elettrici entro il 2025, entro il 2030 avremo il 30% di veicoli elettrici. Stiamo assistendo a una grande spinta nei biocarburanti e nei carburanti sintetici, che ridurrebbero enormemente le emissioni delle auto a benzina se l'energia provenisse da fonti sostenibili. Quindi credo che oggi non si possa davvero giudicare dove sarà l'industria automobilistica stradale nel 2030. E ci sono produttori di auto premium come Daimler che stanno ancora investendo nei motori a combustione interna, perché in combinazione con questi carburanti sostenibili, l'impronta di carbonio è molto migliore rispetto ad alcuni dei veicoli elettrici di oggi, dove la risorsa energetica è fornita dal carbone o dal gas. A questo proposito, credo che in Formula Uno, si tratti di trasferimento tecnologico, dovremmo essere in testa al gruppo con carburanti e biocombustibili sostenibili in collaborazione con i nostri fornitori di carburante, in collaborazione con le nostre aziende madri, e allo stesso tempo essere aperti al trasferimento tecnologico in campo elettrico, ma dobbiamo avere una visione olistica. La Formula Uno è una piattaforma di intrattenimento che si basa su una tecnologia all'avanguardia. Dobbiamo considerare la densità energetica per le applicazioni nel campo delle auto da strada. E dobbiamo considerare la densità di potenza per il fattore intrattenimento Formula Uno. E non c'è una risposta facile a questa domanda.

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG F1, secondo classificato, e Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, terzo classificato, sulla griglia

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG F1, secondo classificato, e Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, terzo classificato, sulla griglia

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

Toto, secondo un recente sondaggio di pubblico, abbiamo corso su Motorsport Network i fan del Motorsport Network sono stati molto favorevoli a un tetto massimo di budget in Formula Uno per i team (75%) ma sono stati un po' divisi in termini di tetto salariale dei piloti, che è attualmente in fase di valutazione (40% a favore, 36% contro) Pensi che sia qualcosa che possa davvero funzionare e che sia giusto per la Formula 1?

Questo, naturalmente, è un argomento molto polarizzante, un argomento controverso.  Penso che dobbiamo fare di tutto per rendere la Formula Uno sostenibile, e dobbiamo fermare le squadre con più risorse che competono in campi diversi rispetto a quelle che attualmente hanno un costo massimo. Quindi, se si dice che c'è un limite di costo sul telaio, penso che dobbiamo avere un limite di costo o un congelamento sul lato delle unità di potenza. E se questo viene mantenuto, i soldi saranno impiegati in altre aree, le persone competeranno sul mercato per i manager, e i loro stipendi raggiungeranno livelli astronomici per le persone migliori. E allo stesso modo, dal lato degli autisti. E credo che i piloti di Formula Uno siano i migliori al mondo, dovrebbero essere pagati come la maggior parte delle superstar sportive del mondo, ma dovremmo guardare ai campionati sportivi americani. E si può dire che la NFL e l'NBA hanno reso sostenibili i loro campionati e le loro squadre raggiungendo il pareggio o gli obiettivi di redditività. E noi, come Formula Uno, saremo sostenibili e susciteremo l'interesse dei proprietari delle squadre che entrano a far parte di queste franchigie solo se raggiungeremo un consenso generale sui costi, e in questo rapporto, dobbiamo guardare ai costi dei piloti nello stesso modo in cui sono stati affrontati negli Stati Uniti.

Toto Wolff, Direttore Esecutivo (Business), Mercedes AMG , e il team Mercedes festeggiano

Toto Wolff, Direttore Esecutivo (Business), Mercedes AMG , e il team Mercedes festeggiano

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

Infine, Toto, hai ottenuto così tanto come parte del team Mercedes negli ultimi sette anni. Dove ti vedi tra sette anni?

TW: Anche in questo caso, anche lì, è difficile fare previsioni. Ma io amo questo sport. Amo le corse automobilistiche, amo la piattaforma. E vedo un grande potenziale per la Formula Uno che va avanti. Abbiamo un'ulteriore componente di leadership con l'arrivo di Stefano Domenicali, Chase è ancora lì. E da questo punto di vista, credo che tutti noi, tutti insieme, tutti gli stakeholder, possiamo davvero indirizzare questo sport verso un futuro brillante. Stiamo vedendo il successo che abbiamo avuto negli ultimi uno o due anni con i vari passi che abbiamo fatto. E credo che tra sette anni lo sport potrebbe essere in una posizione fantastica. E questo significa che le squadre saranno sostenibili, finanziariamente, tecnologicamente all'avanguardia, e che forniranno un grande divertimento. Quindi questo è il posto in cui voglio stare. Sono orgoglioso di essere co-proprietario con Mercedes di questo team. Ma il mio ruolo in futuro potrebbe cambiare. Essendo direttore del team ora al mio ottavo anno e voglio farlo per un po' di tempo, ma forse nei prossimi anni passerò a qualche altra funzione esecutiva. Non ho ancora preso una decisione. Si tratta di identificare la struttura organizzativa del futuro, di sviluppare le persone e solo allora potrò cambiare il mio ruolo.

condividi
commenti
Russell: "Tornare a guidare la Williams è stato complicato"

Articolo precedente

Russell: "Tornare a guidare la Williams è stato complicato"

Articolo successivo

Ufficiale: il GP del Brasile resta a San Paolo fino al 2025

Ufficiale: il GP del Brasile resta a San Paolo fino al 2025
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore James Allen