Williams spiega: "Per copiare in F1, bisogna capire i concetti"

condividi
commenti
Williams spiega: "Per copiare in F1, bisogna capire i concetti"
Di:
, NobleF1
30 lug 2020, 09:21

Dave Robson spiega che copiare non è facile come potrebbe sembrare, ma che il dominio Mercedes potrebbe portare altri a seguire la strada della Racing Point.

Il vantaggio "oltraggioso" mostrato dalla Mercedes quest'anno avrebbe costretto i rivali a prendere in considerazione la possibilità di seguire la strada della Racing Point se non ci fosse stato un congelamento. Questa è l'idea dei rivali della Williams.

Il massiccio passo avanti che la Racing Point ha fatto quest'anno con il "clone" della Mercedes 2019 ha causato una grande polemica in Formula 1, con un certo numero di squadre a disagio riguardo alla possibilità che l'unica possibilità di essere competitivi per i team più piccoli potrebbe diventare quella di imitare questa strada.

La Racing Point è fermamente convinta di aver operato nel rispetto delle regole, ma la progettazione delle sue brake duct è in attesa di un'imminente giudizio da parte della FIA, dopo che la Renault ha presentato un reclamo.

Le regole del congelamento dei telai, scattate per il prossimo anno in seguito all'emergenza COVID, insieme all'imminente arrivo dei nuovi regolamenti nel 2022, impedirà di seguire la strada aperta dalla squadra di Silverstone a breve termine.

Tuttavia, Dave Robson, responsabile delle performance del veicolo della Williams, è convinto che l'attuale vantaggio della Mercedes della concorrenza avrebbe spinto tutti quanti, o quasi, a cercare di realizzare un clone della vettura della squadra di Brackley.

"Penso che potenzialmente si dovrebbe" ha detto, quando gli è stata fatta una domanda precisa a riguardo da Motorsport.com.

"Penso che sia chiaro che la Mercedes sia la vettura di riferimento da diversi anni. Anche se la Red Bull e la Ferrari a volte sono andate molto bene su certi circuiti, la Mercedes ha un pacchetto che funziona ovunque".

"Comunque lo facciano, è fenomenale e il loro ritmo in Ungheria era al limite dell'oltraggio in Ungheria rispetto al resto del gruppo".

Leggi anche:

"Quando si guarda alla dura realtà di questo, e si guarda al modo in cui la Racing Point è stata in grado di farlo. Se c'è così tanto tempo sul giro da guadagnare e questo è il modo per trovarlo, copiare dovrebbe essere una strada da seguire".

Robson ha spiegato che uno degli ostacoli principali per qualsiasi squadra che voglia copiare una rivale è la necessità di capire i concetti che stanno dietro a certe scelte.

"E' sempre stato così, la copia è una parte importante del gioco che facciamo" ha detto. "La difficoltà è che queste vetture sono così complicate, che quello di cui abbiamo bisogno è copiare il concetto".

"Quindi, se riesci a scattare tante foto e a guardare i filmati, capendo come e perché funziona la Mercedes, allora puoi far fuzionare allo stesso modo anche la tua vettura".

"Alcune cose sono abbastanza ovvie, come le altezze da terra, e si può capire che alcuni pezzi sono una chiave del loro concetto aerodinamico".

"Se riesci a copiare tutto e a capire come far funzionare queste cose sulla tua vettura, allora il gioco è fatto. Non vedo alcun problema in questo senso. Penso che faccia tutto parte del gioco, perché hanno fatto un lavoro eccezionale".

Con la Racing Point che ha dichiarato di aver faticato a trovare il bandolo della matassa in galleria del vento, Robson riconosce che il rischio che una copia non produca automaticamente risultati esiste.

"Forse la Racing Point ha pensato che il cambiamento regolamentare in arrivo nel 2021, ora nel 2022, poteva permettersi di correre questo rischio, inoltre era stabile finanziariamente, quindi se la cosa le si fosse ritorta contro non avrebbe avuto troppa importanza" ha detto.

"Penso che cambiare completamente il tuo concetto sia una decisione incredibilmente difficile da prendere. Devi essere sicuro di poter copiare, capire e farne funzionare un altro".

"E' il concetto di cui hai bisogno. Non puoi semplicemente fotografarlo, copiarlo e aspettarti che funzioni. E' troppo complicato. Ma è una cosa che andrebbe pensata, e molto seriamente, visto il successo che ha avuto questo approccio".

F1 Stories: Aston Martin rinasce sulle ceneri della Racing Point

Articolo precedente

F1 Stories: Aston Martin rinasce sulle ceneri della Racing Point

Articolo successivo

FIA più severa sui track limits anche a Silverstone

FIA più severa sui track limits anche a Silverstone
Carica i commenti