Williams registra importanti perdite finanziarie dopo il 2018

condividi
commenti
Williams registra importanti perdite finanziarie dopo il 2018
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
10 set 2019, 09:17

Il team Williams Formula 1 ha registrato una perdita finanziaria importante nei primi sei mesi del 2019 come conseguenza degli scarsi risultati della scorsa stagione.

La Williams è precipitata dalla quinta alla decima posizione nella classifica costruttori e questo ha portato un crollo nelle entrate di quest’anno dell’organizzazione della Formula 1. Inoltre, la squadra ha perso anche le entrate associate ai piloti Lance Stroll e Sergey Sirotkin, così come il main sponsor Martini.

In compenso però ha ottenuto un nuovo sponsor, ROKiT, e la sponsorizzazione Orlen grazie a Robert Kubica. Tuttavia, il team ha generato un fatturato di soli 46.3 milioni di sterline tra gennaio e giugno, rispetto ai 60.7 milioni della scorsa stagione, generando una perdita EBITDA (utili prima degli interessi, imposte ed ammortamenti) di 16.8 milioni di sterline, mentre lo scorso anno ha generato un profitto di 0.2 milioni nello stesso periodo.

Le cifre della Formula 1 sono state in parte compensate da un miglioramento delle prestazioni da parte dell’azienda associata Williams Advanced Engineering, che ha aumentato i ricavi da 21.5 a 30.9 milioni. I ricavi comprensivi dell’azienda capogruppo Williams Grand Prix Holdings sono crollati da 82.6 a 77.8 milioni, con una perdita EBITDA generale che è passata da 2.7 a 18.8 milioni di sterline.

“I nostri risultati finanziari riflettono un semestre difficile per le nostre operazioni in Formula 1, ma hanno anche dimostrato la continua crescita degli affari di Williams Advanced Engineering”, ha affermato il CEO del gruppo, Mike O’Driscoll. “I risultati finanziari in Formula 1 sono principalmente una conseguenza della nostra posizione finale nella Classifica Costruttori dello scorso anno ed una conseguente riduzione del premio in denario (che viene pagato con un anno di posticipo). C’è stata anche una riduzione generale dei ricavi delle società rispetto alla prima metà del 2018, anche se abbiamo garantito nuove sponsorizzazioni importanti grazie a ROKiT e Orlen”.

“Anche se stiamo affrontando un’altra stagione difficile in pista, abbiamo visto qualche segnale di miglioramenti e continuiamo ad attirare l’attenzione di potenziali partner come uno dei team di Formula 1 più longevi. Ciò è ampiamente dimostrato dal recente prolungamento della nostra collaborazione con ROKiT, che continuerà a stare con noi fino al 2023”.

Williams avrà chiaramente un altro successo in Formula 1 per le entrate dell’anno prossimo, dato che punta per il secondo anno consecutivo al decimo posto in campionato. O’Driscoll resta ottimista riguardo alle prospettive future, sottolineando l’importanza delle nuove regole che entreranno in vigore nel 2021.

“I negoziati con il management Formula 1 e Liberty Media riguardanti il futuro di questo sport dal 2012 sono stati produttivi e crediamo che, una volta finalizzati, rappresenteranno un’opportunità necessaria alla Williams per usufruire di un campo finanziario più livellato, così come i regolamenti tecnici. Nonostante continuiamo ad affrontare sfide in un ambiente molto dinamico, attualmente pensiamo che la maggior parte dell’impatto sull’EBITDA per l’anno completo sia stato già racchiuso in questi risultati provvisori. Continuiamo a credere che siamo in una buona posizione per affrontare le sfide che ci attendono, con strutture di livello globale ed un’organizzazione talentuosa”.

 

Articolo successivo
Giovinazzi: una prova d'orgoglio nel momento più importante

Articolo precedente

Giovinazzi: una prova d'orgoglio nel momento più importante

Articolo successivo

Leclerc: "Senza Vettel, Mercedes ha potuto giocare di strategia"

Leclerc: "Senza Vettel, Mercedes ha potuto giocare di strategia"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Team Williams
Autore Adam Cooper