Williams: il team inglese vuole restare indipendente

Lo storico team inglese non vuole legarsi ad alcuna squadra ufficiale e vuole mantenere la propria indipendenza, ma non si esclude in futuro di stringere rapporti di collaborazione per continuare a crescere.

Williams: il team inglese vuole restare indipendente

Con la Formula 1 che sta entrando in una nuova era di risorse limitate grazie all’introduzione del budget cap, sempre più team stanno stringendo accordi di collaborazione.

La Red Bull e l’AlphaTauri lavoreranno ancora più a stretto contatto il prossimo anno, mentre le sinergie tra Ferrari, Haas ed Alfa Romeo e tra Mercedes e Racing Point saranno ancora più mirate.

La Williams da sempre ha preferito rimanere totalmente indipendente e questa filosofia non sembra cambiare nemmeno con l’arrivo della nuova proprietà, Dorilton Capital.

Il direttore del team, Simon Roberts ha dichiarato che sebbene la squadra di Grove abbia compreso i vantaggi che potrebbero derivare dal lavorare con una squadra ufficiale, ha comunque ritenuto che ci fossero dei benefici nel restare indipendenti.

“Ovviamente ci sono dei vantaggi, ma non vogliamo diventare una squadra B. Vogliamo mantenere la nostra indipendenza ed essere sempre più competitivi”.

“Se guardiamo al futuro siamo aperti per stringere rapporti di collaborazione con altri team, ma prima bisognerà individuare le aree dove siamo già forti e quelle dove, invece, abbiamo bisogno di supporto”.

“In parole povere, se siamo bravi in qualcosa e lo sappiamo fare da soli dobbiamo concentrarci su quello, mentre se abbiamo delle lacune dobbiamo essere preparati per andare sul mercato ed acquistare quello che è disponibile”.

Roberts ha poi sottolineato come l'approccio pragmatico del Williams nel decidere in quali aree dovrebbe guardare al di fuori della propria azienda sarà essenziale con l’introduzione del budget cap perché i team non potranno più permettersi sprechi.

“Con le restrizioni al budget non ci possiamo più permettere di essere inefficienti ed è su questo punto che ci stiamo concentrando”.

“Dobbiamo essere sicuri che se stiamo realizzando un telaio siamo davvero bravi in questo campo. Siamo un team indipendente, resteremo indipendenti, ma non chiudiamo la porta ad eventuali collaborazioni”.

Robert ha inoltre aggiunto come la Williams non stia pianificando un approccio differente alla Formula 1 rispetto al passato e che molte caratteristiche storiche del team saranno conservate.

“C’è molta sintonia con la road map che Claire ha tracciato e vogliamo restare fedeli a questo programma. Vogliamo essere un ottimo posto di lavoro. Vogliamo essere sicuri di essere premurosi e gentili con tutte le persone che lavorano per noi”.

“Da un punto di vista tecnologico adesso abbiamo l’opportunità di compiere degli investimenti importanti ed abbiamo già iniziato a farli. Purtroppo questi non avranno un grande impatto sulla monoposto attuale, ma inizieremo a vedere i miglioramenti dalla prossima stagione”.

“La nostra è una strategia a lungo termine che si svilupperà nel corso dei prossimi cinque anni. Vogliamo investire con saggezza senza commettere errori. Questo è quello che stiamo facendo”.

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
1/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
2/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
3/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
4/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
5/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
6/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
7/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
8/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
9/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Nicholas Latifi, Williams Racing, e George Russell, Mercedes-AMG F1
Nicholas Latifi, Williams Racing, e George Russell, Mercedes-AMG F1
10/22

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
11/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
12/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
13/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
14/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
15/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
16/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
17/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
18/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas VF-20, lotta con George Russell, Williams FW43
Kevin Magnussen, Haas VF-20, lotta con George Russell, Williams FW43
19/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
20/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, George Russell, Williams FW43
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, George Russell, Williams FW43
21/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing, sulla griglia per la foto di fine stagione
George Russell, Williams Racing, sulla griglia per la foto di fine stagione
22/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

condividi
commenti
Kimi Raikkonen: le 10 gare più belle di Iceman

Articolo precedente

Kimi Raikkonen: le 10 gare più belle di Iceman

Articolo successivo

Steiner: "Anche il 2021 sarà un anno difficile per la Haas"

Steiner: "Anche il 2021 sarà un anno difficile per la Haas"
Carica i commenti