Video F1 | Ceccarelli: “Lo scouting alla scoperta dei campioni”

L'età media in Formula 1 e non solo si è sensibilmente abbassata, negli ultimi anni. Il rischio di bruciarsi, per giovani promesse, è elevatissimo. Ma adottando le giuste strategie - e ovviamente con le aspettative corrette da parte dei genitori - ci sono margini di miglioramento e salvezza per i talenti in erba...

Fermiamoci per un istante a leggere l'età degli attuali piloti di Formula 1. Giovani, giovanissimi, e fa un certo effetto pensare che l'attuale campione del mondo in carica abbia debuttato come pilota titolare quando era ancora minorenne.

Leggi anche:

Ciò significa che, vero, l'età media si è sensibilmente abbassata rispetto al recente passato, sintomo del fatto che sin dalla tenera età i ragazzi - se non addirittura bambini - sono spinti dai genitori verso la via della F1. In alcuni casi siamo davanti a conclamati talenti sin dalle prime uscite, mentre altri hanno bisogno di crescere, maturare e svilupparsi.

Il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci spiega come. 

condividi
commenti
Yamamoto: "Spero e mi aspetto che Honda torni in Formula 1"
Articolo precedente

Yamamoto: "Spero e mi aspetto che Honda torni in Formula 1"

Articolo successivo

F1 | Le monoposto a effetto suolo finiranno nel... vortice?

F1 | Le monoposto a effetto suolo finiranno nel... vortice?
Carica i commenti