Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
54 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
57 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
96 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
106 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
113 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
127 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
141 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
169 giorni
02 set
Prossimo evento tra
176 giorni
09 set
Prossimo evento tra
183 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
197 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
204 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
211 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
225 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
232 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
268 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
277 giorni

Vettel: "Non siamo riusciti a far lavorare le gomme"

Il tedesco non è riuscito a superare la Q2 ed ha chiuso con un anonimo 12° tempo ed un gap enorme dalla vetta. Per Seb il problema è stato l'impossibilità di far lavorare le gomme nella giusta finestra di temperature.

Vettel: "Non siamo riusciti a far lavorare le gomme"

La sessione di qualifiche andata in scena all’Istanbul Park è stata per la Ferrari come un brusco risveglio dopo un sogno piacevolissimo.

La SF1000, appena messe le ruote sullo scivolosissimo tracciato turco, è sembrata una monoposto completamente trasformata rispetto agli scorsi appuntamenti.

Se Charles Leclerc era riuscito a confermare il grande feeling con la vettura, chiudendo la prima sessione di libere alle spalle delle due Red Bull e le ultime due dietro soltanto alla RB16 di Max Verstappen, la conferma dell’ottima sintonia tra la SF1000 e l’Istanbul Park era giunta da Sebastian Vettel.

Il quattro volte campione del mondo aveva firmato il quinto tempo al termine delle FP1 per poi ottenere l’ottavo ed il sesto crono nelle FP2 e nelle FP3.

Tutto lasciava presagire che la qualifica avrebbe potuto regalare alla Ferrari la possibilità di strappare un piazzamento nelle prime due file, ma la pioggia caduta copiosamente sul tracciato ad inizio turno ha avuto l’effetto di una sberla per il team di Maranello.

Vettel, infatti, dopo essere riuscito a passare il Q1 con il quarto tempo, ed un gap da Verstappen di ben 5 secondi, non è riuscito, così come Leclerc, a superare il Q2 chiudendo con il dodicesimo riferimento in 1’55’’169.

Il risultato è stato una doccia fredda per tutta la squadra, ma Vettel, complice anche la sua lunga esperienza, a differenza di Leclerc ha individuato immediatamente il motivo di tanta sofferenza.

“E’ stato difficile per noi con il bagnato. Non siamo riusciti a mettere le gomme nella corretta temperatura di esercizio”.

La SF1000 non è certamente una vettura nata bene. Povera di carico e ricca di drag, oggi la monoposto di Maranello ha impedito ai suoi piloti di avere un avantreno incisivo.

Seb ha spiegato come il team abbia cercato in ogni modo di porre una pezza al problema, ma né lui né Leclerc sono stati in grado di far lavorare le gomme nella giusta finestra.

“Abbiamo provato di tutto, ma con pochi gradi in più di temperatura avremmo avuto tra le mani una monoposto totalmente diversa”.

La speranza per la Scuderia di Maranello, e per il tedesco, è che domani il meteo sia clemente e possa consentire ai due piloti di disputare una gara in rimonta mostrando le buone performance viste nelle libere.

“Penso che il nostro passo domani sarà decisamente migliore rispetto a quanto visto oggi in qualifica”.

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
1/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nicholas Latifi, Williams FW43, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Nicholas Latifi, Williams FW43, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
2/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
3/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Kevin Magnussen, Haas VF-20

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Kevin Magnussen, Haas VF-20
4/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
7/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
9/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
11/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, ai box

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, ai box
14/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
15/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
16/22

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
17/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
18/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
19/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
20/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
21/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
22/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condividi
commenti
Lance Stroll convocato dai commissari, pole a rischio?

Articolo precedente

Lance Stroll convocato dai commissari, pole a rischio?

Articolo successivo

Verstappen: ecco perché la pole è sfuggita all'ultima curva

Verstappen: ecco perché la pole è sfuggita all'ultima curva
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Turchia
Sotto-evento Qualifiche
Piloti Sebastian Vettel
Team Scuderia Ferrari
Autore Marco Di Marco