Vettel: "Il testacoda? Forse ho rischiato troppo"

Anche in Germani il tedesco è stato protagonista di una ennesima gara opaca conclusa con l'undicesimo posto finale e condita da un testacoda nelle battute iniziali mentre era in lotta con Giovinazzi.

Vettel: "Il testacoda? Forse ho rischiato troppo"

Per la seconda gara di fila Sebastian Vettel finisce a zero punti. Il pilota della Ferrari, ormai alle battute finali della sua storia con la Scuderia, ha sofferto sin dalle qualifiche ottenendo solamente l’undicesimo tempo non riuscendo a passare il taglio della Q2, ed anche in gara non è mai riuscito a brillare rendendosi protagonista, tra l’altro, di un testacoda nelle fasi iniziali mentre era in lotta con Giovinazzi.

Per Vettel il GP dell’Eifel si è chiuso con un modesto undicesimo posto a sandwich tra le due Alfa di Antonio e di Kimi Raikkonen che lascia l’amaro in bocca ed un testacoda strano ad inizio corsa che lo stesso Seb non è riuscito a spiegare.

 “Guadagnavo soltanto nell’ultima parte del rettilineo e quando mi sono avvicinato ho perso il controllo della vettura senza sapere perché. Forse ho rischiato troppo in quel momento”.

“Ci siamo presi troppi rischi”. Non ha usato mezze misure Vettel quando ha dovuto commentare la sua gara al volante di una SF1000 con la quale non riesce ad entrare assolutamente in sintonia e che sta rendendo questa sua stagione 2020 un vero e proprio inferno.

”E’ stato difficile rimontare. La safety car ci ha dato la possibilità di tornare nei punti ma non ce l’ho fatta”.

Ci sono stati lati positivi in una gara ancora una volta da dimenticare? Vettel ha cercato di guardare il bicchiere mezzo pieno parlando di un una buona partenza, ma il tedesco ha rischiato di essere penalizzato per jump start quando si è mosso in anticipo (per poi arrestarsi immediatamente) prima che le luci dei semafori si spegnessero.

“Credo che la partenza non sia stata malvagia ed anche il primo con le gomme medie è stato tutto sommato positivo. Purtroppo ho perso una posizione e sono rimasto bloccato dietro l’Alfa che era più lenta”.

Al termine delle qualifiche di ieri Leclerc aveva illuso tutti con il quarto tempo e forse anche in casa Ferrari si è pensato che i piccoli aggiornamenti portati fossero serviti per consentire alla SF1000 di fare un passo in avanti verso la giusta strada.

Secondo Seb, invece, le novità adottate al Nurburgring hanno avuto un impatto minore rispetto alle attese ed ha bocciato in maniera netta gli sviluppi.

 “E’ difficile dire se questi aggiornamenti ci abbiano aiutato. Non credo che abbiano funzionato quanto credevamo. In gara non avevamo il passo che volevamo”.

Testacoda di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Testacoda di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
1/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Testacoda di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Testacoda di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
2/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
3/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Testacoda di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Testacoda di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
4/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in testacoda davanti a Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, in testacoda davanti a Max Verstappen, Red Bull Racing RB16
7/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
9/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lando Norris, McLaren MCL35, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Lando Norris, McLaren MCL35, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
11/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
14/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
15/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
16/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
17/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
18/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
19/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
20/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
21/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 con Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39 e George Russell, Williams FW43 crashing
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 con Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39 e George Russell, Williams FW43 crashing
22/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condividi
commenti
Leclerc: "Riesco ad estrarre il massimo solo in qualifica"
Articolo precedente

Leclerc: "Riesco ad estrarre il massimo solo in qualifica"

Articolo successivo

Retroscena Mercedes: Hamilton ha "recitato" via radio

Retroscena Mercedes: Hamilton ha "recitato" via radio
Carica i commenti