Verstappen rallentato dal motore Honda in "protezione"

condividi
commenti
Verstappen rallentato dal motore Honda in "protezione"
Di:
Co-autore: Adam Cooper
Tradotto da: Redazione Motorsport.com
8 set 2019, 06:59

Il pilota della Red Bull si è lamentato della poca potenza in Q1, ma è stato un pattinamento delle gomme ad attivare il sistema che protegge la power unit.

La perdita di potenza che Max Verstappen ha accusato nelle qualifiche del Gran Premio d'Italia è stata causata da un eccessivo pattinamento delle ruote che ha attivato il sistema di "protezione" della power unit Honda.

Il pilota della Red Bull all'uscita della prima variante si è lamentato di non aver abbastanza spinta, compiendo solamente tre giri prima di rientrare ai box senza segnare alcun tempo cronometrato.

Leggi anche:

Per l'olandese non è stata una grande perdita, dato che dovrà comunque partire dal fondo per scontare la penalità della sostituzione del motore col nuovo Spec 4, ma il direttore tecnico di Honda, Toyoharu Tanabe, ha comunque spiegato quanto accaduto, evidenziando che una rotazione elevata delle ruote - nel caso di Verstappen sul cordolo - ha attivato il sensore della power unit e della centralina FIA che ne riduce la potenza.

"Ho fatto i miei long run e sono piuttosto contento - ha detto Verstappen, che nelle FP3 era secondo - Non era mai accaduto prima di una gara. Stamattina ho provato alcune partenze e sono andate bene, penso ci sia margine di miglioramento, anche se non si può mai avere uno scatto perfetto. Certamente farlo dal fondo non è il massimo".

Scorrimento
Lista

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
1/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, e Helmut Marko, Consultant, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing, e Helmut Marko, Consultant, Red Bull Racing
2/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, e Helmut Marko, Consultant, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing, e Helmut Marko, Consultant, Red Bull Racing
3/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
4/20

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
5/20

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
6/20

Foto di: Simon Galloway / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
7/20

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
8/20

Foto di: Sam Bloxham / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
9/20

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
10/20

Foto di: Andy Hone / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
11/20

Foto di: Sam Bloxham / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing
12/20

Foto di: Zak Mauger / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
13/20

Foto di: Simon Galloway / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
14/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
15/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
16/20

Foto di: Jerry Andre / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
17/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
18/20

Foto di: Glenn Dunbar / LAT Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
19/20

Foto di: Mark Sutton / Sutton Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
20/20

Foto di: Andy Hone / LAT Images

Articolo successivo
Solo reprimende per Sainz, Hulkenberg e Stroll

Articolo precedente

Solo reprimende per Sainz, Hulkenberg e Stroll

Articolo successivo

Il crono di Bottas con bandiera rossa è valido? Sì, ecco perché!

Il crono di Bottas con bandiera rossa è valido? Sì, ecco perché!
Carica i commenti