Verstappen: "Non ho il passo per vincere e in partenza sarà dura"

Max Verstappen teme il GP di questo pomeriggio, in Turchia, perché afferma di non avere il passo per vincere. L'olandese è anche preoccupato dalla partenza: scatterà dal lato sporco della griglia.

Verstappen: "Non ho il passo per vincere e in partenza sarà dura"

Max Verstappen ha terminato le qualifiche del Gran Premio di Turchia al terzo posto, alle spalle delle due Mercedes di Lewis Hamilton - suo rivale per il titolo Piloti 2021 di Formula 1 - e Valtteri Bottas. La penalità di 10 posizioni comminata al 7 volte iridato per aver smarcato in questo fine settimana il quarto motore termico della sua stagione, porterà Max a partire in seconda posizione, accanto a Bottas.

La situazione creatasi all'Istanbul Park dovrebbe fare gola all'olandese, il quale dovrà confrontarsi con un Bottas che non è mai stato a proprio agio nei corpo a corpo in gara, mentre Hamilton sarà chiamato a rimontare dall'11esima posizione avendo davanti monoposto come Alpine, McLaren e AlphaTauri che fanno della velocità di punta il loro punto di forza.

Leggi anche:

Eppure, nonostante le premesse sembrino giocare tutte a suo favore, Verstappen ha ammesso che sarà difficile vincere nella gara che scatterà alle 14:00 italiane di oggi. La Red Bull Racing è arrivata in Turchia avendo preparato gli assetti sulle condizioni viste su questa pista 12 mesi or sono, ovvero un set up per un asfalto viscido, con poco grip.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, recupera dopo un testacoda

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, recupera dopo un testacoda

Photo by: Jerry Andre / Motorsport Images

Sin dal venerdì le condizioni si sono rivelate differenti, rendendo praticamente vano il lavoro di simulazione fatto a Milton Keynes e mettendo così in seria difficoltà sia Max Verstappen che Sergio Perez. Le cose, poi, sono migliorate al sabato. Gli ingegneri Red Bull hanno rivisto gli assetti e Verstappen è riuscito a mettere una pezza ai problemi con un buon giro in Q3. Ma questo, a parere suo, non lo dovrebbe portare a lottare per la vittoria.

"Non abbiamo abbastanza velocità per poter vincere oggi. Ma ovviamente cercheremo di seguire Bottas e vedere cosa potremo fare, ma anche di vedere cosa succede in gara, in generale".

"Tra venerdì e sabato abbiamo fatto alcuni miglioramenti buoni rispetto alle libere, dove abbiamo faticato un po' troppo a capire come essere veloci su questa pista, in queste condizioni".

"Il team ha lavorato per capire quali fossero i problemi e, in parte, li abbiamo risolti. In qualifica siamo andati meglio, ma non è tutto perfetto ancora. Sono stati piuttosto contento del risultato alla fine dell'ultimo giro fatto in Q3. Non posso essere insoddisfatto".

Una partenza subito in salita

Il 24enne ha poi analizzato anche un altro aspetto importante - forse fondamentale - della gara di oggi: la partenza. La sua seconda posizione lo porterà a prendere il via del Gran Premio di Turchia sul lato sporco della griglia di partenza, mentre Bottas e Charles Leclerc dietro di lui saranno dalla parte pulita.

Non una buona notizia per Max, che dovrà essere bravo a scaldare le gomme nel giro di formazione - lo ricordiamo, la RB16B è la macchina migliore sotto questo aspetto - ma dovrà anche provare a pattinare il meno possibile per limitare i danni e mantenere almeno la sua posizione.

"Non penso sia un gran punto in cui partire, all'interno. Perché non c'è grip al di fuori della traiettoria. Vedremo come andrà", ha concluso il pilota della Red Bull.

condividi
commenti
Ferrari: quando la velocità massima torna a essere una risorsa!
Articolo precedente

Ferrari: quando la velocità massima torna a essere una risorsa!

Articolo successivo

Luigi Musso: l'avventura in Ferrari finita in tragedia

Luigi Musso: l'avventura in Ferrari finita in tragedia
Carica i commenti