Verstappen esulta coi piedi per terra: "Non parlo di Mondiale, ma noi non ci arrendiamo mai"

condividi
commenti
Verstappen esulta coi piedi per terra:
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
01 lug 2018, 17:03

In Red Bull il GP di casa è stato trionfale grazie al ritorno al successo dell'olandese, il quale ha sfruttato al meglio la strategia e gestito benissimo le gomme tenendosi dietro nel finale le Ferrari e regalando una grande gioia al pubblico austriaco.

A Spielberg ritrova la vittoria Max Verstappen e lo fa davanti alle gremitissime tribune del Red Bull Ring tinte di arancione per sostenere lui e il suo compagno di squadra Daniel Ricciardo nel Gran Premio di casa per i "bibitari".

In Austria l'olandese è tornato a volare sfruttando una RB14 ottima e una strategia azzeccatissima, beneficiando non solo degli errori che la Mercedes ha commesso, ma pure dei ritiri di Hamilton e Bottas che di fatto gli hanno spalancato la strada per il successo.

Verstappen era partito benissimo agguantando il terzo posto, poi si è fermato a sostituire le gomme quando la gara è stata neutralizzata momentaneamente dal regime di Virtual Safety Car; ritrovatosi al comando quando anche Hamilton ha effettuato il pit-stop (molto in ritardo), il ragazzo della Red Bull non più mollato la vetta, resistendo pure all'assalto finale portatogli da Kimi Räikkönen con una Ferrari in palla.

Leggi anche:

"Credo che non ci sia pista migliore per ottenere una vittoria così - ha detto Max mentre la folla urlava e lo applaudiva - E' stata davvero dura gestire la situazione, soprattutto nel finale perché Kimi mi ha messo pressione. Per fortuna avevo un buon vantaggio che mi ha consentito di restare davanti. Lui era molto veloce, ho provato a sfruttare la miglior accelerazione in curva per guadagnare terreno e ha funzionato".

Come detto sopra, la strategia adottata dal muretto di Milton Keynes ha funzionato, ma pure il 20enne ci ha messo del suo gestendo fino al termine gli pneumatici Soft.

"Tutto è stato costruito nella sosta ai box, i ragazzi della squadra hanno fatto un lavoro fantastico. Certamente ha contato molto la gestione delle gomme, sono sempre parecchio sensibili, soprattutto nei primi giri; se esageri si iniziano a deteriorare subito e quindi ti porti dietro il danno. Me ne sono accorto più volte nelle libere e quindi dispiace vedere che Daniel sia finito così indietro per poi ritirarsi. Sarebbe stato meglio arrivare a punti con entrambe le macchine".

Il riferimento va ovviamente a Ricciardo, che è finito K.O. per problemi tecnici proprio sul più bello. Verstappen ora si ritrova nuovamente fra le posizioni che contano in classifica di campionato, ma la strada è ancora lunghissima e bisogna mantenere i piedi per terra.

"E' un bel risultato, non mi va di fare troppi proclami in merito al titolo, dico solo che non ci arrendiamo mai e cerchiamo sempre di ottenere il massimo. Certamente quando sei davanti ti puoi divertire, oggi è stato bello".

Prossimo articolo Formula 1
Fotogallery F1: gli scatti più belli del fantastico GP d'Austria vinto da Verstappen

Previous article

Fotogallery F1: gli scatti più belli del fantastico GP d'Austria vinto da Verstappen

Next article

Arrivabene punge Mercedes: "Puoi portare pacchetti interessanti, ma se scaldano troppo... poi ti ritiri!"

Arrivabene punge Mercedes: "Puoi portare pacchetti interessanti, ma se scaldano troppo... poi ti ritiri!"

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Austria
Location Red Bull Ring
Piloti Max Verstappen
Team Red Bull Racing
Autore Francesco Corghi
Tipo di articolo Intervista