Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
PL1 in
21 giorni
07 mag
-
10 mag
FP1 in
70 giorni
21 mag
-
24 mag
FP1 in
83 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
105 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
140 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
154 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
182 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
189 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
203 giorni
24 set
-
27 set
FP1 in
210 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
238 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
245 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
259 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
273 giorni

Un dato clamoroso: 700 kg di carico sulla posteriore destra all'Eau Rouge!

condividi
commenti
Un dato clamoroso: 700 kg di carico sulla posteriore destra all'Eau Rouge!
Di:
29 ago 2016, 11:38

La Pirelli è stata criticata per aver adottato pressioni di gonfiaggio esageratamente alte (23,5 Psi dietro e 22 Psi davanti). Si tratta di valori indiscutibilmente molto elevati, ma nella compressione dell'Eau Rouge si sono letti valori di carico mai visti!

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid
Mercedes logo
Paddy Lowe, Mercedes AMG F1 Executive Director (Technical)
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid
Daniil Kvyat, Scuderia Toro Rosso STR11 precede Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Il podio (da sx a dx): Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, secondo; Nico Rosberg, Mercedes AMG F1, vi
Max Verstappen, Red Bull Racing RB12
Tecnici della Pirelli con i meccanici del Sahara Force India F1 Team

Lewis Hamilton non si è risparmiato nelle critiche alla Pirelli per la pressione di gonfiaggio delle gomme che l’inglese ha giudicato… ridicole. Il leader del mondiale, infatti, ha sottolineato che in carriera non aveva mai corso con pressioni alte come quelle usate nel GP del Belgio (23,5 Psi nel posteriore e 22 Psi all’anteriore), ma i tecnici diretti da Mario Isola hanno tirato un sospiro di sollievo quando hanno visto scendere la bandiera a scacchi sulla Mercedes del vincitore Nico Rosberg.

Su una pista che nella compressione di Eau Rouge e Raidillon imprime sugli pneumatici una forza di 5G era normale che ci potesse essere un po’ di preoccupazione da parte dei fornitori unici di pneumatici, dal momento che si è corso con insolite temperature molto calde che sono arrivate a 37 gradi sull’asfalto della pista belga. Parliamo di valori insoliti per l’appuntamento belga con picchi che non si sono mai toccati in tempi recenti, ma a mancare è stata la variabilità meteo che abitualmente mescola pioggia, nebbia e freddo a schiarite con il sole.

Gli stessi uomini della Pirelli non si nascondono dietro a un dito, ammettendo che i valori di pressione sono stati volutamente alti proprio per salvaguardare la sicurezza. A rimetterci sono state le squadre che meglio sanno portare al limite le prestazioni degli pneumatici: la Mercedes, quindi, è stata la prima della lista. Ma non solo. Potremmo aggiungere alla lista la Red Bull Racing.

Il team di Brackley, perfettamente diretto da Paddy Lowe, non ha perso tempo con la mescola più morbida, la Supersoft, costruendo il successo di Nico Rosberg e la bellissima rimonta di Lewis Hamilton dall’ultima fila al podio con Soft e Medium.

"Si dice che Rosberg abbia vinto una gara facile, ma la gente non ha la minima idea di quanto sia stato difficile gestire le gomme su quel filo del rasoio tra le prestazioni e la durata – ha spiegato Paddy Lowe al collega Adam Cooper - una delle sfide di questo fine settimana è stata gestire la pressione degli pneumatici che sono state molto elevate. È stato un anno fa, che abbiamo avuto dei cedimenti di gomme qui, e questo è stato il motivo che ha reso questo appuntamento del mondiale particolarmente difficile. Non credo che sarà altrettanto critico a Monza".

La Pirelli avrebbe esagerato? Si è mantenuta un margine grande per evitare guai? È molto probabile, ma quando abbiamo appreso che la gomma posteriore destra sarebbe stata sottoposta ad un carico verticale di picco di 700 kg fra Eau Rouge e Raidillon, abbiamo capito quali fossero le preoccupazioni della Casa milanese. Parliamo di un dato impressionante che è del tutto fuori scala rispetto ai valori che si sono registrati nel corso del campionato.

Si tratta di un valore che deve far riflettere chi ha varato il regolamento 2017, visto che è previsto un ulteriore incremento del carico aerodinamico sulle monoposto che saranno dotate di gomme più larghe e tanta downforce in più per abbassare i tempi sul giro di altri quattro/cinque secondi…

 

Articolo successivo
Fotogallery: il Gran Premio del Belgio a Spa-Francorchamps

Articolo precedente

Fotogallery: il Gran Premio del Belgio a Spa-Francorchamps

Articolo successivo

Hembery: "A Monza potremmo avere nuovi record di velocità con le SuperSoft"

Hembery: "A Monza potremmo avere nuovi record di velocità con le SuperSoft"
Carica i commenti