Ufficiale: George Russell correrà con la Mercedes F1 dal 2022

Come ormai noto da tempo, l'inglese dal 2022 sarà il nuovo compagno di squadra di Hamilton al posto di Bottas, confermando anche che la Stella punta sul suo potenziale futuro Campione avendo siglato un accordo pluriennale.

Ufficiale: George Russell correrà con la Mercedes F1 dal 2022

A poco meno di 24 ore dall’annuncio del passaggio di Valtteri Bottas in Alfa Romeo per la prossima stagione, la seconda tessera del puzzle è andata al suo posto. George Russell prenderà il sedile lasciato libero dal finlandese e sarà così compagno di squadra di Lewis Hamilton a partire dal 2022.

Per Russell si tratta di una promozione ampiamente meritata. Il pilota inglese classe ’98 ha conquistato nel 2017 all’esordio il titolo in GP3 per poi ripetersi la stagione successiva in Formula 2 ed impressionare con un bottino di 7 vittorie e 5 pole.

Per il talento inglese del vivaio Mercedes il passo successivo è stato il debutto in Formula 1 nel 2019 al volante di una modesta Williams. Russell è rimasto legato alla storica scuderia inglese anche nel 2020 e nel 2021 e proprio quest’anno è riuscito a portare a casa i primi punti alla guida di una Williams nel caotico GP dell’Hungaroring per poi salire sul secondo gradino del podio al termine del controverso GP di Spa-Francorchamps.

Russell, tuttavia, aveva già avuto modo di mettersi al volante della Mercedes in occasione del GP Sakhir quando ha preso il posto di Lewis Hamilton risultato positivo al COVID-19.

Il talento britannico ha stupito tutti in qualifica ottenendo il secondo tempo con un ritardo di pochi millesimi dalla pole firmata Bottas, per poi comandare le operazioni sin dal via. Il sogno di ottenere il successo al debutto con la W11 è naufragato quando il team ha pasticciato al box in occasione del cambio gomme.

Una successiva foratura lenta ha poi costretto Russell ad accontentarsi del nono posto e conquistare così i primi punti iridati dal sapore amaro.

Adesso arriva per George la possibilità tanto attesa. Russell dalla prossima stagione avrà al suo fianco un mastino come Lewis Hamilton e dovrà reggere il confronto con un pilota che ha scritto pagine di storia in Formula 1.

"Non mi faccio illusioni sulla portata della sfida; sarà una fase di apprendimento tosta" ha dichiarato Russell. "Valtteri ha alzato molto l'asticella, costantemente settimana dopo settimana, centrando vittorie, pole position e aiutando a vincere diversi titoli. Il mio obiettivo deve essere quello di ricompensare la fiducia che Toto, la squadra e il consiglio hanno riposto in me assicurandomi di fare la mia parte nel continuare quel successo e voglio rendere orgogliosi i miei nuovi compagni di squadra".

"Uno di questi è secondo me il più grande pilota di tutti i tempi. Ho ammirato Lewis da quando ero nei go-kart e l'opportunità di imparare da qualcuno che è diventato un modello sia in pista che fuori può solo che farmi bene, sia da pilota professionista che da essere umano".

"È un giorno speciale per me personalmente e professionalmente, ma anche di emozioni contrastanti. Sono eccitato, ma resto anche umile nell'unirmi alla Mercedes l'anno prossimo, che è un enorme passo avanti per la mia carriera; significa anche che dirò addio ai miei compagni di squadra e amici alla Williams".

"È stato un onore lavorare al fianco di ogni membro del team, oltre che rappresentare il nome Williams in F1. Da quando mi sono unito a loro nel 2019, abbiamo lavorato instancabilmente per spingerci l'un l'altro a migliorare e riportare il team ai vertici della griglia di partenza, dove dovrebbe essere".

"Abbiamo lottato per ogni posizione in qualifica, ogni punto e ogni decimo di secondo. Non importa quanto sia stata dura, nessuno si è mai arreso, e questo mi ha caricato ogni giorno. Ho amato ogni momento in quella che descriverei come una vera squadra da corsa del cuore e dell'anima, e mi impegnerò al massimo per assicurarmi di finire la nostra storia nel miglior modo possibile".

condividi
commenti
F1 Stories: Monza, il tempio delle emozioni

Articolo precedente

F1 Stories: Monza, il tempio delle emozioni

Articolo successivo

Podcast: Lauda, Regazzoni e il doppio sigillo Rosso

Podcast: Lauda, Regazzoni e il doppio sigillo Rosso
Carica i commenti